Roland Garros 2013: Djokovic batte Haas e conquista la dodicesima semifinale consecutiva in uno Slam

Semifinale doveva essere e semifinale sarà. Novak Djokovic affronterà venerdì Rafa Nadal grazie alla vittoria in tre set su un orgoglioso Tommy Haas con il punteggio di 6-3; 7-6; 7-5. A Parigi, Nole si sta vendicando degli avversari che l'avevano sconfitto nella prima parte della stagione. Sabato è toccato a Dimitrov, oggi, al 35enne tedesco, battuto al termine di una partita a tratti divertente e giocata a buon ritmo.

Chi ha visto la partita in tv si è subito accorto di quanto Djokovic fosse concentrato e in palla. Del resto tutti lo sanno ma nessuno lo dice apertamente. Dal sorteggio dei tabelloni si sapeva che in caso di semifinale tra Nole e Rafa, il vincitore della stessa avrebbe avuto tante possibilità di conquistare il torneo. Così sarà, ma non anticipiamo troppo i tempi e torniamo alla partita di oggi.

Avvia equilibrato e veloce. Sul 3-3 e servizio, Haas si ritrova sotto 15-40, impatta, ma cede la battuta al primo vantaggio del serbo che, sul 5-3, strappa di nuovo la battuta al rivale. Comanda il servizio nel secondo set. Brividi per Haas che, sotto 5-4 e 6-5 è costretto a rimontare entrambe le volte da 15-30. Si va al tie break. Tommy si issa sul 4-2 ma Djokovic non regala nulla, recupera e al termine di un lungo scambio ottiene il mini break decisivo. 6-5 per il numero uno del mondo che chiude al successivo turno in battuta

La terza frazione è più movimentata. Haas recupera due break, l'ultimo sul 5-4 con Djokovic chiamato a servire per il match. La parità però dura pochissimo. All'undicesimo game, il tedesco smarrisce di nuovo la battuta e consegna la partita all'avversario che incassa il 7-5 finale. Esultanza contenuta per Nole che, venerdì, si presenterà alla dodicesima semifinale consecutiva in uno Slam senza aver perso nemmeno un set, una striscia impressionante, secondo solo alle 23 giocate da Federer che, ieri, mestamente ha lasciato Parigi con una bella batosta subita da Tsonga. Per Djokovic, invece, il sogno del career slam prosegue. Tra due giorni, vedremo se continuerà ancora.

 

  • shares
  • Mail