Giro di Pechino 2013: a Thor Hushovd la prima tappa, Petacchi quarto

Ferrari è arrivato decimo, Viviani diciassettesimo.

Il Giro di Pechino 2013 è iniziato con un arrivo in volata e il trionfo di un "vecchietto" come Thor Hushovd e un'ottima prestazione di un altro esperto velocista, ossia Alessandro Petacchi, che da quando si è rimesso in sella con la maglia dell'Omega Pharma Quick Step è sempre stato protagonista delle tappe a lui congeniali rimediando buoni piazzamenti per sé o per i compagni di squadra (al Tour of Britain c'è il suo zampino in tutte le tre vittorie di Mark Cavenish). Al secondo posto si è piazzato lo sloveno Luka Mezgec del Team Argos Shimano, e terzo il compagno di AleJet, il belga Nikolas Maes.

Nella top ten c'è anche Roberto Ferrari della Lampre-Merida, mentre Elia Viviani della Cannondale, che l'anno scorso ha tagliato questo traguardo per primo, è rimasto chiuso nel gruppo e non ha potuto nemmeno prendere parte alla volata finale, accontentandosi per oggi del 17° posto, ma ci saranno altre tappe per lui nei prossimi giorni e potrà rifarsi, "vecchietti" permettendo…

Giro di Pechino 2013: tappe e lista dei partecipanti

Hushvod comanda anche la classifica generale, mentre secondo è il belga Willem Wauters della Vacansoleil (una delle squadre che saluta il World Tour), che è stato uno dei protagonisti della fuga di oggi con Davide Vigano della Lampre - Merida (che è stato il primo a essere ripreso), Ryota Nishizono, giapponese della Champion System Pro Cycling Team, e Sander Cordeel della Lotto Belisol che ha transitato per primo sull'unico gran premio della montagna della giornata e che dunque domani indosserà la maglia di miglior scalatore. Il belga è stato l'ultimo a essere riacciuffato dal gruppo dopo essere rimasto da solo negli ultimi 20 km. I quattro battistrada sono riusciti a raggiungere un vantaggio di 10 minuti, ma in una tappa di 190,5 km, da Shunyi a Huairou Studio City, con così poche insidie (il gpm era prima della metà del percorso) era inevitabile che il gruppo riuscisse a riprendere tutti.

Per Hushovd quella di oggi è l'ottava vittoria di questa stagione. Il 35enne della BMC ha vinto una tappa a Tour du Haut-Var La Croic Valmer, una al Giro d'Austria, due al giro di Polonia, altre due all'Artico Race in Norvegia (die si è aggiudicato anche la classifica generale) e ha vinto anche la gara che gli è valsa il titolo di campione norvegese.

Ordine d'arrivo prima tappa:


    1) Thor Hushovd (BMC)
    2) Luka Mezgec (Argos-Shimano)
    3) Nikolas Maes (Omega Pharma-Quick Step)
    4) Alessandro Petacchi (Omega Pharma-Quick Step)
    5) Michael Matthews (Orica GreenEdge)
    6) Enrique Sanz (Movistar)
    7) Rüdiger Selig (Katusha)
    8) Nacer Bouhanni (FDJ)
    9) Jonas Vangenechten (Lotto Belisol)
    10) Roberto Ferrari (Lampre-Merida)

Classifica generale dopo la prima tappa:


    1) Thor Hushovd (BMC)
    2) Willem Wauters (Vacansoleil) +3"
    3) Luka Mezgec (Argos-Shimano) +4"
    4) Nikolas Maes (Omega Pharma - Quick Step) +6"
    5) Ryota Nishizono (Champion System) +9"
    6) Alessandro Petacchi (Omega Pharma - Quick Step) +10"
    7) Michael Matthews (Orica GreenEdge) +10"
    8) Enrique Sanz(Movistar) +10"
    9) Rüdiger Selig (Katusha) +10"
    10) Nacer Bouhanni (FDJ) +10"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail