Atp Shanghai 2013: semifinali, Del Potro domina Nadal, Djokovic troppo forte per Tsonga

Del Potro b. Nadal 6-2; 6-4: Con la migliore prestazione dell'anno, JM Del Potro rifila una sonora sconfitta a Nadal e conquista la seconda finale stagionale in un Masters Mille. Avvio sprint dell'argentino. Partenza choc di Nadal. Lo spagnolo subisce un doppio break (non aveva mai perso il servizio nel torneo) che consente all'avversario, solido al servizio e con il dritto, di incamerare il 6-2. Nel secondo set, Rafa tenta di alzare il ritmo e Delpo sembra perdere di intensità. L'impressione si rivela presto sbagliata. Lo conferma un lottato terzo game nel quale i due si scambiano autentiche mazzate. Prevale Del Potro che, alla quarta palla break, strappa di nuovo la battuta al numero uno, 3-1. Da lottatore integerrimo qual'è, Nadal cerca di recuperare lo svantaggio ma qualche errore di troppo e la solidità dell'avversario glielo impediscono. Il risultato sono sei game lottati nei quali però l'inerzia del match non cambia. Del Potro si mantiene in testa, annulla due palle per il possibile controbreak e chiude con merito, 6-4, con il suo colpo migliore, la prima di servizio. Esultanza alla Tsonga per Palito. Bravo davvero.

Djokovic b. Tsonga 6-2; 7-5: Djokovic batte per la nona volta consecutiva Tsonga e conquista la 26° finale in un Masters Mille. Primo set dominato dal serbo grazie anche a un avvio disastroso del francese al servizio. Sul 3-1 in suo sfavore, Tsonga, riesce comunque a recuperare il break di svantaggio ma ne subisce due di fila. Djokovic ringrazia e incamera un veloce 6-2. L'equilibrio del secondo parziale si spezza nel sesto game. Altro break per Nole e 4-2, poi, il fattaccio. Al momento di servire per confermare il vantaggio, il serbo subisce l'immediato controbreak grazie a una discutibilissima decisione dell'arbitro sul punto decisivo. Un rovescio di Tsonga chiamato fuori dal giudice di linea viene corretto dalla moviola. A questo punto Djokovic va a servire per ripetere il punto ma l'arbitro lo blocca concedendolo a Tsonga. Nole va su tutte le furie e arriva quasi a insultarlo. Aveva ragione. Le immagini dimostrano che era sulla palla del francese e avrebbe potuto facilmente respingerla nel caso non fosse stata chiamata out. Poco male comunque. L'episodio non lo distrae eccessivamente. Nonostante la parità, il francese è sempre costretto a rincorrere e capitola, definitivamente, sul 6-5 in suo sfavore.

Atp Shanghai 2013: presentazione delle semifinali

Dal tifone all'umidità asfissiante, è stata una settimana meteorologicamente vivace a Shanghai. Lo stesso dicasi per il Masters Mille nel quale non sono mancate eliminazioni eccellenti, Federer su tutti. Non possiamo però certo ritenerci insoddisfatti delle due semifinali in programma oggi.

Alle 10.30 aprono il programma Djokovic e Tsonga. Buon risultato per il francese, al primo torneo importante dopo l'infortunio al ginocchio subito a Wimbledon. Agevolato anche da un tabellone non impossibile, Tsonga è arrivato in semifinale senza aver perso nemmeno un set contro Andujar, Nishikori e Florian Mayer, risultati che gli hanno permesso di tornare in corsa anche nella Race per qualificarsi a Londra. Pochi problemi anche per Djokovic, apparso, tuttavia, eccessivamente nervoso nelle sfide con Fognini e Monfils come testimoniano i due lanci di racchette e le imprecazioni di disappunto rivolte al tecnico Vajda e ai suoi assistenti per un livello di gioco troppo incostante. Anche al 70% però Nole ha rischiato poco o nulla. Per questo Tsonga ha bisogno di una prestazione deluxe per tornare in finale in un Masters 1000, due anni dopo quelle raggiunte, nel 2011, a Parigi Bercy e alle Atp Finals di Londra, entrambe perse da Federer.

Non mi aspetto sorprese nella seconda semifinale delle 14 tra Nadal e Del Potro. L'argentino è reduce da una striscia di 8 successi di fila cominciata, la scorsa settimana, a Tokyo, torneo vinto in finale con Raonic. Delpo non è al meglio. Anche ieri nel facile successo con Almagro è stato limitato dai postumi di un attacco influenzale che lo tormenta da inizio settimana. Nadal, invece, ha sconfitto prepotentemente il pericoloso Wawrinka e punta con decisione alla 14° finale stagionale.

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail