Nfl | E' morto il figlio di 2 anni di Adrian Peterson: ucciso dal compagno dell'ex partner

Il bambino è deceduto in seguito alle percosse ricevute

Tragedia negli Stati Uniti. Adrian Peterson, asso dei Minnesota Vikings, ha perso il figlioletto di 2 anni. Il running back, Mvp della scorsa stagione, ha appena pubblicato un tweet: "Grazie alla mia famiglia, ai miei fan e ai fan di altre squadre per il sostegno. La National Football League è una congregazione di fratelli e sono grato per i tweet, le telefonate e i messaggi dei miei compagni di squadra. Dio vi benedica tutti e grazie mille". Il particolare sconvolgente riguarda l'omicida: il bambino è morto in seguito alle percosse ricevute dal nuovo compagno della madre.

Usa Today rivela l'identità del colpevole: si tratta di Joseph Patterson, 27enne di Sioux Falls, South Dakota, che ha approfittato dell'assenza della madre per picchiare il piccolo. L'uomo già in passato era stato coinvolto in un altro caso di abuso, che riguardava un’altra donna e suo figlio. La polizia e il personale medico avrebbe trovato il bambino privo di conoscenza. Inutile si è rivelata la corsa. Patterson si è difeso sostenenendo la tesi dell’incidente domestico ma le ferite del bambino, secondo lo staff medico chiaramente causate dai colpi inferti da un adulto, hanno indotto le autorità ad arrestare Robert Patterson, che peraltro in passato aveva già avuto parecchi guai con la legge. Sam Clemens, portavoce della polizia, non ha dubbi:

"Quando gli agenti e i primi soccorsi sono arrivati, hanno trovato il bambino privo di sensi e lo hanno portato in ospedale. Ciò che hanno scoperto è che al momento in cui il bambino è stato ferito (alla testa) c’era solo una persona con lui e quella persona era Joseph Patterson. “La nostra indagine ha dato un risultato inequivocabile - sostiene il tenete del dipartimento di polizia di Sioux City Blaine, Larsen - la vittima aveva chiaramente subito violenza. Le ferite riportate alla testa non erano accidentali e Robert Patterson è l’unico possibile responsabile”.

Bryce Harper, giocatore dei Washington Nationals, uno degli sportivi più acclamati negli Stati Uniti, è uno dei tanti che ha espresso vicinanza al suo collega: “Prego per Adrian Peterson e per la sua famiglia, viviamo in un mondo incredibilmente crudele”.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail