Giro di Pechino 2013, terza tappa: bis di Nacer Bouhanni, Viviani quarto

Damiano Caruso protagonista della fuga e miglior scalatore del Tour of Beijing.

Bis di Nacer Bouhanni che dopo la seconda tappa al Giro di Pechino 2013 si è aggiudicato anche la terza da Yanqing a Qiandiajian, con un'altra delle sue volate al termine di un percorso di 176 km. Il francese della FDJ ha resistito ai sette gran premi della montagna di oggi, anche se soltanto uno era di prima categoria, e nello sprint finale ha bruciato tutti gli altri lasciando Michael Matthews dell'Orica GreenEdge al secondo posto e Alexei Tsatevich del Team Katusha al terzo. Resta di nuovo fuori dal podio Elia Viviani, quarto, che nelle precedenti edizioni ha sempre vinto una tappa a Pechino, ma quest'anno non ci è ancora riuscito e gli resta solo una possibilità, martedì. Domani, invece, la tappa più dura del Tour che sconvolgerà la classifica generale, al momento comandata da Bouhanni davanti a Matthews e a Maxime Bouet dell'Ag2r La Mondiale.

Tra i protagonisti di giornata c'è un italiano, un compagno di Viviani nella Cannondale, Damiano Caruso, che si è aggiudicato la leadership nella classifica degli scalatori transitanti per primo al termine di quattro Gpm su sette (il primo, il terzo, il quarto e il sesto) e per secondo al Gpm numero 2 e 5.

L'italiano è uno dei sei battistrada della fuga di giornata iniziata subito dopo il primo sprint, sulla prima salita. Ne hanno fatto parte anche Marc Goos della Belkin, Hayden Roulston della Radioshack Leopard, Wesley Sulzberger dell'Orica GreenEdge, Albert Timmer del Team Argos - Shimano e Manuele Boaro del Team Saxo - Tinkoff.

I sei fuggitivi sono stati ripresi tutti a 40 km dall'arrivo quando è iniziata un'altra mini-fuga di Adam Hansen della Lotto Belisol che è poi stato ripreso sull'ultima salita dopo la quale sono stati i cronomen Matthews, Marco Pinotti della BMC e soprattutto Tony Martin dell'Omega Pharma - Quick Step, vincitore dei due precedenti Giri di Pechino, a cercare di creare il vuoto in discesa, ma alla fine è stato il gruppo dei velocisti a giocarsi la vittoria a Bouhanni l'ha spuntata ancora una volta su tutti finalizzando al meglio l'ottimo lavoro della sua squadra.

Ordine d'arrivo della terza tappa:


    1) Nacer Bouhanni (FDJ) 4h 8' 15"
    2) Michael Matthews (Orica GreenEdge) s.t.
    3) Alexey Tsatevitch (Katusha) s.t.
    4) Elia Viviani (Cannondale) s.t.
    5) Martin Kohler (BMC) s.t.
    6) Borut Bozic (Astana) s.t.
    7) Tosh Van Der Sande (Lotto Belisal) s.t.
    8) Jesus Herrada (Movistar) s.t.
    9) Romain Bardet (Ag2r La Mondiale) s.t.
    10) Matti Breschel (Team Saxo - Tinkoff) s.t.

Classifica generale dopo tre tappe:


    1) Nacer Bouhanni (FDJ) 13h 28' 18"
    2) Michael Matthews (Orica GreenEdge) +11"
    3) Maxime Bouet (Ag2r La Mondiale) +11"
    4) Alexei Tsatevich (Katusha) +16"
    5) Nikolas Maes (Omega Pharma -Quick Step) +16"
    6) Matti Breschel (Team Saxo - Tinkoff) +18"
    7) Rui Alberto Faria Costa (Movistar) +19"
    8) Beñat Intxausti Elorriaga (Movistar) +19"
    9) Ryota Nishizono - (Champion System) +19"
    10) Alessandro Petacchi - (Omega Pharma -Quick Step) +20"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail