Volley, Mondiale per Club 2013: Trento è di bronzo! Battuto l'UPCN

La Trentino Volley sale sul podio per la quinta volta consecutiva. Sada Cruzeiro campione del mondo. Argento al Lokomotiv Novosibirsk.

Non è il primo posto come nelle quattro passate edizioni, ma è un bronzo che vale oro quello conquistato dalla Diatec Trentino dopo la rivoluzione subita durante l'estate. Tutti i big sono andati via, ma il ritorno di Sokolov, la permanenza di Birarelli e alcune piacevoli scoperte fanno dei gialloblù una squadra ancora molto competitiva a livello internazionale.

Ecco allora che undici giorni dopo la conquista della Supercoppa Italiana contro Macerata, per i ragazzi di Roberto Serniotti arriva un'altra soddisfazione: il terzo posto al Mondiale per Club 2013 a Betim.
Birarelli e compagni hanno avuto la meglio in quattro set sugli argentini dell'UPCN San Juan contro cui giovedì scorso avevano perso al tie-break.

Oggi Birarelli e compagni sui primissimi palloni della finale per il terzo posto hanno dimostrato qualche incertezza, dovuto forse alla delusione della sconfitta in semifinale con il Lokomotiv Novosibirsk. L'UPCN si è così portato avanti sia al primo sia al secondo time-out tecnico, arrivando ad avere fino a quattro punti di vantaggio, ma proprio a ridosso della seconda pausa obbligatoria i trentini hanno avviato la loro rimonta e al rientro in campo l'hanno coronata con un parziale di 14-7. Mettendo a segno il doppio dei punti degli avversari sono passati dall'11-15 al 25-22 e hanno vinto il primo set.

Il secondo set è stato piuttosto equilibrato. Ai time-out tecnici l'UPCN è arrivato in vantaggio, ma di poco: +1 al primo (8-7) e +2 al secondo (16-14), poi però è riuscito a incrementare il suo vantaggio e a guadagnare quattro palle set. Trento ne ha annullate solo due e i sudamericani hanno chiuso sul 25-22.

Nel terzo parziale ancora equilibrio sui primi palloni, ma questa volta è Trento ad arrivare sul +1 al primo time-out tecnico e sul +3 al secondo, poi ha mantenuto sempre più di un break di vantaggio e ha chiuso sul 25-21 sfruttando la prima di tre palle-set.

Il quarto set è stato decisivo perché Trento è riuscita a tenere i nervi saldi e a non cadere nello sconforto dopo la partenza sprint dell'UPCN che si è ritrovata in pochi minuti sul 6-2. I gialloblù hanno subito rimontato pareggiando sul 7-7, poi gli argentini hanno segnato per primi il punto che portava al primo time-out tecnico, ma subito dopo Trento ha allunato sul 12-10 ed è rimasta in vantaggio fino alla fine mettendo poi a segno la prima di cinque palle match e aggiudicandosi il parziale per 25-19 e la partita che vale il bronzo per 3-1.

Al di là della medaglia, le belle notizie per Roberto Serniotti sono arrivate dai suoi uomini in campo, in particolare da Solé e Fedrizzi che, partiti da riserve, oggi sono stati protagonisti di due eccellenti prestazioni.

Per quanto riguarda la finale per l'oro, il Sada Cruzeiro ha vinto il Mondiale battendo nettamente i campioni d'Europa del Lokomotiv Novosibirsk per 3-0 (25-20, 25-19, 25-20). Giovedì le due squadre si erano affrontate per una partita della Pool B e i russi si erano imposti per 3-2.

Foto © FIVB

  • shares
  • Mail