Boxe, Mondiali 2013: Cammarelle, Russo e Valentino medaglie sicure

I tre azzurri si sono qualificati alle semifinali dei pesi supermassimi (Cammarelle), massimi (Russo) e leggeri (Valentino).

Anche Roberto Cammarelle aggiungerà una medaglia alla sua collezione. Per la quarta volta il pugile di Cinisello Balsamo potrà salire sul podio Mondiale. Dopo le qualificazioni alle semifinali di Clemente Russo (massimi) e Domenico Valentino (leggeri), arriva anche quella del supermessimo che in carriera ai Mondiali ha già vinto una volta il bronzo (a Mianyang 2005) e due volte l'oro (a Chicago nel 2007 e a Milano nel 2009).

Cammarelle ha battuto il croato Filip Hrgovic con il punteggio di 30-27, 30-27, 30-27. In semifinale troverà il campione del mondo e d'Europa in carica, l’azero Magomedrasul Medzhidov, che però l'azzurro è riuscito a battere poco più di un ano fa alle Olimpiadi di Londra.

Sfortunato invece Vincenzo Mangiacapre che nei quarti dei superleggeri si è trovato di frante il kazako Daniyar Yeleussinov che, ha giocato in casa e, con un grande aiuto dei giudici, lo ha battuto 30-27, 30-27, 30-27.

Clemente Russo e Domenico Valentino qualificati alle semifinali

Proseguono alla grande i Mondiali dilettanti di pugilato 2013 ad Almaty, in Kazakistan. Due medaglie sono già sicure: Clemente Russo e Domenico Valentino si sono qualificati alle semifinali rispettivamente delle categorie 91 kg e 60 kg e avranno come minimo il bronzo (non ci sono finali per il terzo posto).

Russo ha sconfitto ai quarti il croato Calic con un verdetto all'unanimità dei giudici: 30-27, 30-27, 29-28. Agli ottavi Tatanka aveva fatto fuori il danese Andreasen e venerdì affronterà l'azero Teymur Mammadov che ha sconfitto nella semifinale delle Olimpiadi di Londra 2012 per poi accontentarsi dell'argento dopo la sconfitta in finale con l'ucraino Usyk.

Domenico Valentino ha avuto accesso al penultimo atto della sua gara sconfiggendo l'azero Isayev e ora se la vedrà con il brasiliano Robson Donato Conceicao, vice-campione in carica (nel 2011 ha perso la finale contro il temibile Vasyl Lomachenko). Il peso leggero italiano sale dunque per la quinta volta in carriera sul podio mondiale: finora ha conquistato un bronzo nel 2005, un oro nel 2009, un argento nel 2007 e un altro bronzo nel 2011. Il punteggio con cui il pugile di Marcianise si è imposto sull'azero è 29-28, 30-27, 29-28.

Questa è già un'edizione da record per l'Italia perché per la prima volta in cinque azzurri sono riusciti ad arrivare ai quarti, step al quale per ora si è fermato solo Manuel Fabrizio Cappai, nella categoria 49 kg, che ha perso la sfida contro il cubano Veitia.

Siamo in attesa dei risultati di Roberto Cammarelle che nel quarto di finale dei supermassimi deve scontrarsi con il croato Hrgovic, e di Vincenzo Mangiacapre, nei superleggeri, che sfida il kazako Yeleussinov.

  • shares
  • Mail