Paralimpiadi Londra 2012, dal 29 agosto al 9 settembre

Scritto da: -

Dal 29 agosto al 9 settembre 2012 si terrà a Londra la quattordicesima edizione dei Giochi Paralimpici Estivi. Per Londra, che ha già ospitato tre edizioni delle Olimpiadi, si tratta della prima volta come organizzatrice della manifestazione dedicata agli atleti con disabilità fisiche.

Le discipline

Le Paralimpiadi di Londra 2012 proporranno 20 differenti discipline alle quali parteciperanno oltre 4200 atleti: Tiro con l’arco (massimo 88 uomini e 52 donne), Atletica (massimo 1100 atleti, 740 uomini e 300 donne), Boccia (80 uomini e 24 donne), Ciclismo (225 ciclisti, 155 uomini e 70 donne), Equitazione (78 cavalieri), Calcio a 5 (8 squadre composte da 8 giocatori ciascuna), Calcio a 7 (8 squadre composte da 12 giocatori ciascuna), Goalball (pallarete per non-vedenti ed ipovedenti; 12 squadre maschili e 10 squadre femminili), Judo (84 uomini e 48 donne), Powerlifting (200 atleti, 120 uomini e 80 donne), Canottaggio (48 uomini e 48 donne), Vela (80 atleti totali), Pistola (100 uomini e 40 donne), Nuoto (600 atleti, 340 uomini e 260 donne), Tennistavolo (276 atleti, 174 uomini e 102 donne), Sitting Volleyball (pallavolo da seduto; otto squadre femminili e dieci squadre maschili), Pallacanestro in carrozzina (dodici team maschili e dieci team femminili), Scherma in carrozzina (100 atleti totali), Rugby in carrozzina (otto squadre composte da 12 tra uomini e donne); Tennis in carrozzina (112 atleti totali).

Le nazioni che parteciperanno

Alle paralimpiadi partecipano 174 nazioni, 47 africane, 28 americane, 42 asiatiche, 49 europee e 8 oceaniche, alcune, come San Marino e Solomon Islands per la prima volta.

AFRICA: Algeria, Angola, Benin, Botswana, Burkina Faso, Burundi, Cameroon, Cape Verde, Centr Afric Rep., Comoros, Congo, Cote d’Ivoire, Djibouti, DR Congo, Egypt, Ethiopia, Gabon, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Kenya, Lesotho, Liberia, Libya, Madagascar, Malawi, Mali, Mauritania, Mauritius, Marocco, Mozambique, Namibia, Niger, Nigeria, Rwanda, Senegal, Sierra Leone, Somalia, South Africa, Sudan, Tanzania, Togo, Tunisia, Uganda, Zambia e Zimbawe.

AMERICHE: Antigua&Barbuda, Argentina, Barbados, Bermuda, Brazil, Canada, Chile, Colombia, Costa Rica, Cuba, Dominican Rep., Ecuador, El Salvador, Guatemala, Haiti, Honduras, Jamaica, Mexico, Nicaragua, Panama, Peru, Puerto Rico, Suriname, Trinidad&Tobago, United States, Uruguay, Venezuela, Virgin Isl.

ASIA: Afghanistan, Bahrain, Bangladesh, Brunei, Cambodia, China, DPR Korea, Hong Kong, India, Indonesia, Iran, Iraq, Japan, Jordan, Kazakhistan, Korea, Kuwait, Kyrgyzstan, Lao PDR, Lebanon, Macau, Malaysia, Mongolia, Myanmar, Nepal, Oman, Pakistan, Palestina, Philippines, Qatar, Saudi Arabia, Singapore, Sri Lanka, Syria, Taipei, Tajikistan, Thailand, Timor-Leste, Turkmenistan, UA Emirates, Uzbekistan, Vietnam.

EUROPA: Albania, Andorra, Armenia, Austria, Azerbaijan, Belarus, Belgio, Bosnia&Herzegov, Bulgaria, Croatia, Cyprus, Czech Republic, Denmark, Estonia, Faroe Islands, Finland, France, FYROM, Georgia, Germany, Great Britain, Greece, Hungary, Iceland, Ireland, Israel, Italy, Latvia, Liechtenstein, Lithuania, Luxenbourg, Malta, Montenegro, Netherlands, Norway, Poland, Portugal, Rep. of Modava, Romania, Russian Fed., San Marino, Serbia, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweden, Switzerland, Turkey, Ukraine.

OCEANIA: Australia, Fiki, New Zeland, Papua N. Guinea, Samoa, Solomon Islands, Tonga, Vanuatu.

Curiosità

In seguito ad una decisione del Comitato Paralimpico Internazionale del 2008, alle Paralimpiadi di Londra potranno partecipare ad alcune specialità (come tennis, nuoto e atletica) anche atleti con disabilità intellettiva (ID).

Dal 26 settembre 2008 la bandiera olimpica e quella paralimpica sono state issate all’esterno del London City Hall. L’onore di alzare le bandiere è spettato alla medaglia d’oro Christine Ohuruogu, e ai campioni paralimpici Helene Raynsford e Chris Holmes.

Nell’estate del 1948 il dottore britannico Ludwig Guttmann organizzò, col la collaborazione dell’ospedale di Stoke Mandeville, un evento parallelo alle Olpimpiadi conosciuto come giochi di Stoke Mandeville, che prevedeva una serie di gare pensate per i veterani della seconda guerra mondiale con danni alla colonna vertrebrale. Dodici anni più tardi, nel 1960, quelle gare si trasferirono per la prima volta all’estero, a Roma, dando vita ai primi Giochi Paralimpici.

Video promozionali

Vota l'articolo:
3.95 su 5.00 basato su 37 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Outdoorblog.it fa parte del Canale Blogo Sport ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.