Running - Il fattore peso in maratona

Scritto da: -

Recandomi nei negozi più tecnici per il periodico acquisto delle mie scarpe da running mi è capitato più di una volta di notare con quanta attenzione certi amatori selezionano le scarpe in base al loro peso - delle scarpe, non della persona - sperando che in maratona conti l’essere riusciti a limare qualche decina di grammi ma nel contempo non preoccupandosi della propria silhouette non proprio da maratoneta.

E’ assodato che la stragrande maggioranza degli runner amatori che ha affrontato la distanza dei 42k non rientra affatto nei canoni di peso che garantirebbero la migliore prestazione, ovvero l’avere non più del 10% di massa grassa; molti sono in cerca semplicemente delle sensazioni che solo questa gara è in grado di regalare o di poter dire “c’ero anch’io”, e in questo fanno benissimo; molti altri invece si dannano l’anima per rosicchiare i minuti alla loro prestazione cronometrica quando gli basterebbe qualche rinuncia culinaria.

Un singolo chilo di adipe in eccesso, determina infatti un peggioramento di circa 2 minuti sul tempo totale.

Pensare quindi, in vista della prossima 42 chilometri di sciogliere quei 3, 4 o anche 5 chili di troppo - ma c’è chi affronta la fatidica distanza con ben più peso addosso - può farvene guadagnare fino a 10 di minuti.

Le scarpe leggere, con peso inferiore ai 250 gr dovrebbero essere indossate solo da atleti con un peso davvero contenuto in termini di percentuale di massa grassa; per questi atleti è impensabile gareggiare con andature più lente di 3′30″ al chilometro ed è normale e doveroso rosicchiare al proprio peso totale più grammi possibile rivolgendosi a scarpe meno ammortizzate ma più leggere

E’ stato osservato che l’uso di scarpe tecniche di questa categoria consente all’atleta d’elite in grado di sfruttarle, di risparmiare fino all’1% sul tempo totale della maratona, mentre il bonus dato da una riduzione del peso corporeo per un amatore ammonta a circa il 2% per ogni chilogrammo. Tenete conto, visti e considerati i cenoni che vi aspettano di qui a 1 mese.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!