The Rugby Championship 2012 sesta giornata: Sudafrica - All Blacks 16-32, Argentina - Australia 19-25

Gli All Blacks vincono anche l'ultima partita: in casa del Sudafrica i neozelandesi si impongono per 32 a 16, nonostante il primo tempo si fosse concluso 16-12 per gli Springboks. Per la Nuova Zelanda, che chiudono il torneo trionfando (26 punti) si tratta della sedicesima vittoria consecutiva. Nell'altra partita l'Australia, priva di quindici potenziali titolari (tutti infortunati), ha la meglio sull'agguerrita Argentina per 25-19. La classifica finale: Nuova Zelanda 26, Australia 12, Sudafrica 12, Argentina 4.

Argentina - Australia 19-25

Argentina 19: Mete: Juan Imhoff; Trasformazioni: Marcelo Bosch; Penalties: Marcelo Bosch, Juan Martin Hernandez (3).

Australia 25: Mete: Digby Ioane; Trasformazioni: Mike Harris; Penalties: Mike Harris (6),

Sudafrica - Nuova Zelanda 16-32


Suafrica 16: Mete: Habana; Trasformazioni: Goosen; Penalties: Goosen, Jantjies (2)

Nuova Zelanda 32: Mete: Whitelock, A. Smith, Nonu, C. Smith; Trasformazioni: Carter 3; Penalty: Carter.

Presentazione sesta giornata

Nella sesta giornata del The Rugby Championship 2012 gli Springboks ospitano (alle 17.00 ora italiana) al FNB Stadium di Johannesburg gli All Blacks, già vincitori del torneo con una partita d'anticipo. L'altro match (all'1 di notte ora italiana) metterà di fronte all'Estadio Gigante de arroyito di Rosario i Pumas contro i Wallabies.

Sudsfarica - Nuova Zelanda: formazioni

Sudafrica: 15 Zane Kirchner, 14 Bryan Habana, 13 Jaco Taute, 12 Jean de Villiers (c), 11 Francois Hougaard, 10 Johan Goosen, 9 Ruan Pienaar, 8 Duane Vermeulen, 7 Willem Alberts, 6 Francois Louw, 5 Andries Bekker, 4 Eben Etzebeth, 3 Jannie du Plessis, 2 Adriaan Strauss, 1 Tendai Mtawarira.

A disposizione: 16 Tiaan Liebenberg, 17 Coenie Oosthuizen, 18 Flip van der Merwe, 19 Marcell Coetzee, 20 Elton Jantjies, 21 Juan de Jongh, 22 Pat Lambie.

Nuova Zelanda: 15 Israel Dagg, 14 Cory Jane, 13 Conrad Smith, 12 Ma’a Nonu, 11 Hosea Gear, 10 Daniel Carter, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read, 7 Richie McCaw (c), 6 Liam Messam, 5 Sam Whitelock, 4 Brodie Retallick, 3 Owen Franks, 2 Andrew Hore, 1 Tony Woodcock.

A disposizione: 16 Keven Mealamu, 17 Ben Franks, 18 Luke Romano, 19 Adam Thomson, 20 Piri Weepu, 21 Aaron Cruden, 22 Tamati Ellison.

Argentina - Australia: formazioni

Argentina: 1 Rodrigo Roncero, 2 Eusebio Guiñazú, 3Juan Figallo, 4 Manuel Carizza, 5 Patricio Albacete, 6 Julio Farías Cabello, 7 Juan Manuel Leguizamón, 8 Juan Martín Fernández Lobbe (c), 9 Martín Landajo, 10 Juan Martín Hernández, 11 Horacio Agulla, 12 Santiago Fernández, 13 Marcelo Bosch, 14 Gonzalo Camacho, 15 Lucas González Amorosino.

A disposizione: 16 Agustín Creevy, 17 Juan Pablo Orlandi, 18 Leonardo Senatore, 19 Tomás Leonardi, 20 Nicolás Vergallo, 21 Nicolás Sánchez, 22 Juan Imhoff.

Australia: 15 Mike Harris, 14 Nick Cummins, 13 Ben Tapuai, 12 Pat McCabe, 11 Digby Ioane, 10 Kurtley Beale, 9 Nick Phipps, 8 Radike Samo, 7 Michael Hooper, 6 Sitaleki Timani, 5 Nathan Sharpe (c), 4 Kane Douglas, 3 Ben Alexander, 2 Tatafu Polota-Nau, 1 James Slipper.

A disposzionie: 16 Saia Fainga’a, 17 Benn Robinson, 18 Dave Dennis, 19 Scott Higginbotham, 20 Liam Gill, 21 Brett Sheehan, 22 Dominic Shipperley.

Quinta giornata

Il Sudafrica vince in casa contro l'Australia 31-8: i Wallabies non sono mai entrati in partita, tanto che alla fine del primo tempo il parziale, 14-3 era già nettamente a favore degli Springboks. Nel secondo incontro, che metteva di fronte l'Argentina alla Nuova Zelanda, i Pumas crollano in casa perdendo sonoramente 15-54 (8-32 il parziale al termine della prima frazione di gioco). Con questa vittoria gli All Blacks salgono a 21 punti e vincono il torneo. Dietro, l'Australia (12) e il Sudafrica (8) si giocano la seconda posizione. L'Argentina, ultima (3), può solo sperare di agganciare il Sudafrica.

Sudafrica - Australia 31-8


Sudafrica 31: Mete: Bryan Habana (3), Zane Kirchner, Francois Louw; trasformazioni: Ruan Pienaar (3).

Australia 8: Mete: Mike Harris; Penalty: Kurtley Beale.

Argentina - Nuova Zelanda 15-54


Argentina 15: Mete: Martin Landajo, Gonzalo Camacho; Trasformazioni: Juan Martin Hernandez; Penalty: Juan Martin Hernandez

Nuova Zelanda 54: Mete: Cory Jane (3), Julian Savea (2), Aaron Smith, Ma'a Nonu; Trasformazioni Dan Carter (3), Aaron Cruden (2); Penalties: Dan Carter (2), Aaron Cruden.

Presentazione quinta giornata


La quinta giornata del The Rugby Championship si aprirà alle cinque di questo pomeriggio, quando al Loftus Versfeld di Pretoria si sfideranno Sudafrica e Australia. Le due squadre si incontrano per la settantaseiesima volta: nei precedenti 75 match, gli Springboks hanno vinto 41 volte, i Wallabies 33 (compresa quella di quattordici giorni fa) e per una volta si sono spartiti la posta. Nel secondo incontro, che si giocherà all'Estadio Ciudad de La Plata, La Plata (all'una di notte ora italiana), i Pumas cercheranno di interrompere la marcia trionfale degli All Blacks. I quindici precedenti sono a favore della Nuova Zelanda che ha vinto quattordici incontri su quindici con l'Argentina, pareggiandone uno.

Formazioni Sudafrica - Australia


Sudafrica

: 15 Zane Kirchner, 14 Bryan Habana, 13 Jean de Villiers (c), 12 Frans Steyn/Jaco Taute, 11 Francois Hougaard, 10 Johan Goosen, 9 Ruan Pienaar, 8 Duane Vermeulen, 7 Willem Alberts, 6 Francois Louw, 5 Andries Bekker, 4 Eben Etzebeth, 3 Jannie du Plessis, 2 Adriaan Strauss, 1 Tendai Mtawarira.

A disposizione: 16 Tiaan Liebenberg, 17 Coenie Oosthuizen, 18 Flip van der Merwe, 19 Marcell Coetzee, 20 Elton Jantjies, 21 Jaco Taute/Juan de Jongh, 22 Pat Lambie.

Australia: 15 Berrick Barnes, 14 Dominic Shipperley, 13 Adam Ashley-Cooper, 12 Pat McCabe, 11 Digby Ioane, 10 Kurtley Beale, 9 Nick Phipps, 8 Radike Samo, 7 Michael Hooper, 6 Dave Dennis, 5 Nathan Sharpe (c), 4 Kane Douglas, 3 Ben Alexander, 2 Tatafu Polota Nau, 1 Benn Robinson.

A disposizione: 16 Saia Fainga’a, 17 James Slipper, 18 Rob Simmons, 19 Scott Higginbotham, 20 Liam Gill, 21 Brett Sheehan, 22 Anthony Fainga’a.

Argentina - All Blacks


Argentina

: 1 Rodrigo Roncero, 2 Eusebio Guiñazú, 3 Juan Figallo, 4 Manuel Carizza, 5 Patricio Albacete, 6 Julio Farías Cabello, 7 Juan Manuel Leguizamón, 8 Juan Martín Fernández Lobbe (c), 9 Martín Landajo, 10 Juan Martín Hernández, 11 Horacio Agulla, 12 Santiago Fernández, 13 Marcelo Bosch, 14 Gonzalo Camacho, 15 Lucas González Amorosino.

A disposizione: 16 Agustín Creevy, 17 Marcos Ayerza, 18 Tomás Vallejos, 19 Tomás Leonardi, 20 Nicolás Vergallo, 21 Martín Rodríguez, 22 Juan Imhoff.

Nuova Zelanda: 15 Israel Dagg, 14 Cory Jane, 13 Conrad Smith, 12 Ma’a Nonu, 11 Julian Savea, 10 Daniel Carter, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read, 7 Richie McCaw (c), 6 Liam Messam, 5 Sam Whitelock, 4 Luke Romano, 3 Owen Franks, 2 Andrew Hore, 1 Tony Woodcock.

A disposizione: 16 Keven Mealamu, 17 Charlie Faumuina, 18 Brodie Retallick, 19 Sam Cane, 20 Piri Weepu, 21 Aaron Cruden, 22 Ben Smith

Quarta giornata


Gli All Blacks ipotecano la coppa

vincendo in casa con il Sudafrica per 21 a 11. Per la nazionale neozelandese si tratta della quattordicesima vittoria consecutiva e della ventitreesima vittoria di fila in casa. L'Australia vince in rimonta contro l'Argentina 23-19 e sale in seconda posizione. Classifica dopo quattro turni: Nuova Zelanda 16, Australia 8, Sudafrica 7, Argentina 3.

Nuova Zelanda - Sud Africa 21-11


Partita molto equilibrata: gli All Blacks vanno a riposo sopra di due punti, 5 a 3, ma gli Springboks non mollano e fino al sessantesimo rimangono in partita (8-8), poi la Nuova Zelanda prende il sopravvento e per il Sudafrica è finita.

Nuova Zelanda - Mete: Dagg, A Smith; trasformazioni: Cruden (1); Penalties: Cruden 2.
Sudafrica - Meta: Habana; Penalties: M Steyn, Goosen

Australia - Argentina 23-19


Allo Skilled Park succede di tutto e l'Argentina sfiora l'impresa: i Pumas chiudono in vantaggio la prima frazione di gioco per 6 a 3. Nella ripresa, in apertura, l'Australia pareggia. Nel giro di nove minuti, però, l'Argentina piazza un break che per molti sarebbe da KO portandosi sul 19 a 6. In diciotto minuti, grazie ad una grande reazione, i Wallabies sorpassano i Pumas 20 a 19 e, a un minuto dalla fine fissano il risultato sul 23 a 19.

Australia - Mete: McCabe (1), Ioane (1); Trasformazioni Barnes (2); Penalties: Barnes (2), Beale (1).

Argentina - Mete: Leonardi (1), Farias Cabello (1); Penalties: Hernandez (3).


Presentazione quarta giornata


La quarta giornata del torneo mette di fronte le prime due della classe, Nuova Zelanda e Sudafrica (al Forsyth Barr Stadium, Dudedin) e le ultime due Australia e Argentina (allo Skilled Park, Gold Coast). Una vittoria degli Springboks sugli All Blacks e una concomitante dei Wallabies contro i Pumas riaprirebbe i trasformando la corsa in solitaria per il titolo dei neozelandesi in una corsa a tre.

Nuova Zelanda - Sudafrica: formazioni


Nuova zelanda

: Tony Woodcock, Andrew Hore, Owen Franks, Luke Romano, Samuel Whitelock, Liam Messam, Richie McCaw (c), Kieran Read, Piri Weepu, Aaron Cruden, Julian Savea, Ma’a Nonu, Conrad Smith, Cory Jane, Israel Dagg.

A disposizione: Keven Mealamu, Charlie Faumuina, Brodie Retallick, Victor Vito, Aaron Smith, Beauden Barrett, Tamati Ellison.

Sudafrica: Tendai Mtawarira, Adriaan Strauss, Jannie du Plessis, Flip van der Merwe, Juandre Kruger, Francois Louw, Willem Alberts, Duane Vermeulen, Ruan Pienaar, Morne Steyn, Francois Houggard, Frans Steyn, Jean de Villiers (c), Bryan Habana, Zane Kirchner.

A disposizione: Tiaan Liebenberg, Dean Greyling, Andries Bekker, Marcell Coetzee, Johan Goosen, Juan de Jongh, Pat Lambie.

Australia - Argentina: formazioni


Australia

: 15 Berrick Barnes, 14 Dom Shipperley, 13 Adam Ashley-Cooper, 12 Pat McCabe, 11 Digby Ioane, 10 Quade Cooper, 9 Nick Phipps, 8 Radike Samo, 7 Michael Hooper, 6 Dave Dennis, 5 Nathan Sharpe (c), 4 Kane Douglas, 3 Ben Alexander, 2 Tatafu Polota Nau, 1 Benn Robinson.

A disposizione: 16 Stephen Moore/Saia Fainga’a, 17 James Slipper, 18 Scott Higginbotham, 19 Liam Gill, 20 Brett Sheehan, 21 Anthony Fainga’a, 22 Kurtley Beale.

Argentina: 15 Lucas Gonzalez Amorosino, 14 Gonzalo Camacho, 13 Marcelo Bosch, 12 Santiago Fernandez, 11 Horacio Agulla, 10 Juan Martin Hernandez, 9 Martin Landajo, 8 Juan Martin Fernandez Lobbe (c), 7 Juan Manuel Leguizamon,6 Julio Faras Cabello, 5 Patricio Albacete,4 Manuel Carizza, 3 Juan Figallo, 2 Eusebio Guinazu, 1 Rodrigo Roncero.

A disposizione: 16 Agustin Creevy, 17 Juan Pablo Orlandi, 18 Leonardo Senatore, 19 Toms Leonardi, 20 Nicolas Vergallo, 21 Martin Rodriguez, 22 Juan Imhoff.

Terza giornata: risultati e classifica


Nella terza giornata vincono gli All Blacks e l'Australia rispettivamente contro l'Argentina (21-5) e il Sud Africa (26-19). La classifica dopo tre giornate: All Blacks 12, Springoks 7, Wallabies 4, Pumas 2.

Nuova Zelanda Argentina 21-5


La Nuova Zelanda rimane imbattuta nel The Rugby Championship 2012: gli All Blacks battono in casa 21 a 5 l'Argentina. I Pumas resistono solo un tempo agli avversari, andando a riposo sotto 6 a 5, ma i padroni di casa nel secondo tempo, iniziato in ritardo a causa di un guasto alle luci, incrementano il risultato grazie a Julian Savea e Cory Jane.

Nuova Zelanda - Mete: Julian Savea, Cory Jane; Trasformazioni: Aaron Cruden; Penalties: Cruden (3).

Argentina - Meta: Rodrigo Roncero.

Australia - Sud Africa 26-19


L'Australia, dopo la doppia sconfitta con la Nuova Zelanda, vince in casa con il Sudafrica 26-19. La partita è stata tiratissima: finito il primo tempo con il punteggio di 13 - 6 a dodici minuti dalla fine le due squadre si sono travate sul 19 pari.

Australia - Mete: Ben Alexander, Scott Higginbotham; Trasformazioni: Berrick Barnes (2); Penalties: Barrick Barnes (4).

South Africa - Meta: Bryan Habana; Trasformazioni Morne Steyn; Penalties: Morne Steyn (2), Francois Steyn (2).

The Rugby Championship 2012 terza giornata


Alle 9.30 Nuova Zelanda - Argentina aprirà la terza giornata del The Rugby Championship 2012: al Westpac Stadium di Wellington gli All Blacks, dopo aver vinto le prime due partite contro i rivali australiani, ospiteranno i Pumas, che due settimane fa hanno conquistato il loro primo punto nella storia della competizione pareggiando con il Sudafrica.

Il secondo incontro, che si disputerà alle 12.35 al Subiaco Oval di Perth metterà di fronte Australia e Sudafrica: i Wallabies, che vengono da due sconfitte consecutive, cercano i primi punti contro gli Springboks, che sono ancora imbattuti.

Le formazioni della terza giornata: Nuova Zelanda - Argentina


Nuova Zelanda

1. Tony Woodcock, 2. Keven Mealamu, 3. Owen Franks, 4. Luke Romano, 5. Brodie Retallick, 6. Victor Vito, 7. Richie McCaw, 8. Kieran Read, 9. Aaron Smith, 10. Aaron Cruden, 11. Julian Savea, 12. Ma'a Nonu, 13. Conrad Smith, 14. Cory Jane, 15. Israel Dagg.

In panchina: 16. Andrew Hore, 17. Charlie Faumuina, 18. Samuel Whitelock, 19. Liam Messam, 20. Piri Weepu, 21. Beauden Barrett, 22. Ben Smith.

Argentina

15. Martin Rodriguez, 14. Gonzalo Camacho, 13. Marcelo Bosch, 12. Santiago Fernandez, 11. Horacio Agulla, 10. Juan Martin Hernandez, 9. Nicolas Vergallo, 8. Juan Martin Fernandez Lobbe (c), 7. Juan Manuel Leguizamon, 6. Julio Farias Cabello, 5. Patricio Albacete, 4. Manuel Carizza, 3. Juan Figallo, 2. Eusebio Guinazu, 1. Rodrigo Roncero.

In panchina: 16. Agustín Creevy, 17. Marcos Ayerza, 18. Juan Pablo Orlandi, 19. Leonardo Senatore, 20.Tomás Leonardi, 21.Martín Landajo, 22. Lucas González Amorosino.

Le formazioni della terza giornata: Australia-Sudafrica


Australia

Kurtley Beale; Dominic Shipperley, Adam Ashley-Cooper, Berrick Barnes, Digby Ioane; Quade Cooper, Will Genia; Radike Samo, Michael Hooper, Dave Dennis; Nathan Sharpe, Sitaleki Timani; Ben Alexander, Stephen Moore, Benn Robinson.

In panchina: Tatafu Polota Nau, James Slipper, Scott Higginbotham, Liam Gill, Nick Phipps, Mike Harris, Anthony Fainga'a.

Sudafrica

Zane Kirchner; Bryan Habana, Jean de Villiers, Frans Steyn, Francois Hougaard; Morne Steyn, Ruan Pienaar, Duane Vermeulen; Willem Alberts, Marcell Coetzee; Juandre Kruger, Eben Etzebeth, Jannie du Plessis, Adriaan Strauss, Tendai Mtawarira.

In panchina: Tiaan Liebenberg, Pat Cilliers, Flip van der Merwe, Francois Louw, Johan Goosen, Pat Lambie, Lwazi Mvovo.

Seconda giornata: Nuova Zelanda-Australia 22-0, Argentina - Sudafrica 16-16


La seconda giornata del The Rugby Championship 2012 conferma la netta superiorità degli All Blacks che annientano i Wallabies 22 a 0. Finisce in parità, 16-16 il confronto tra i Pumas e gli Springboks. La classifica dopo due giornate: Nuova Zelanda 8, Sudafrica 6, Argentina 2, Australia 0.

Argentina - Sudafrica 16-16


Il Sudafrica mantiene la propria imbattibilità nei confronti dell'Argentina e, dopo essere stata sotto per 13 a 3 alla fine del primo tempo e 16 a 6 a metà del secondo tempo, riesce ad agguantare il pareggio, 16-16 a pochi minuti dal termine.


Nuova Zelanda - Australia 22-0


Che lezione di rugby! Gli All Blacks sconfiggono l'Australia, senza possibilità d'appello, con un sonoro 22-0. I Wallabies perdono così il loro tredicesimo match consecutivo contro la Nuova Zelanda, che è apparsa superiore in tutto e che non ha concesso nulla agli avversari.


La seconda giornata


Oggi si disputano gli incontri della seconda giornata del The Rugby Championship 2012. I match sono gli stessi dello scorso weekend, ma a campi invertiti. L'Argentina, in casa, cercherà di vendicare la sconfitta di sette giorni fa contro il Sudafrica, mentre la Nuova Zelanda all'Eden Park cercherà di bissare il successo di settimana scorsa inguaiando l'Australia.

Le formazioni della seconda giornata: Nuova Zelanda - Australia


Nuova Zelanda

: 1. Wyatt Crockett, 2. Keven Mealamu, 3. Owen Franks, 4. Luke Romano, 5. Samuel Whitelock, 6. Liam Messam, 7. Richie McCaw, 8. Kieran Read, 9. Aaron Smith, 10. Daniel Carter, 11. Hosea Gear, 12. Sonny Bill Williams, 13. Ma'a Nonu, 14. Cory Jane, 15. Israel Dagg.

Sostituti: 16. Andrew Hore, 17. Ben Franks, 18. Brodie Retallick, 19. Victor Vito, 20. Piri Weepu, 21. Aaron Cruden, 22. Ben Smith.

Australia: 15. Adam Ashley-Cooper, 14. Drew Mitchell, 13. Rob Horne, 12. Berrick Barnes, 11. Digby Ioane, 10. Quade Cooper, 9. Will Genia, 8. Scott Higginbotham, 7. Michael Hooper, 6. Dave Dennis, 5. Nathan Sharpe, 4. Sitaleki Timani, 3. Ben Alexander, 2. Tatafu Polota Nau, 1. Benn Robinson.

Sostituti: 16. Saia Fainga'a, 17. James Slipper, 18. Radike Samo, 19. Liam Gill, 20. Nick Phipps, 21. Anthony Fainga'a, 22. Kurtley Beale.

Le formazioni della seconda giornata: Argentina - Sudafrica


Argentina

: 15 Martín Rodríguez, 14 Gonzalo Camacho, 13 Marcelo Bosch, 12 Santiago Fernández, 11 Horacio Agulla, 10 Nicolás Sánchez, 9 Nicolás Vergallo, 8 Juan Martín Fernández Lobbe (c), 7 Álvaro Galindo, 6 Julio Farías Cabello, 5 Patricio Albacete, 4 Manuel Carizza, 3 Juan Figallo, 2 Eusebio Guiñazú, 1 Rodrigo Roncero.

Sostituti:16 Bruno Postiglioni, 17 Marcos Ayerza, 18 Leonardo Senatore, 19 Tomás Leonardi, 20 Martín Landajo, 21 Lucas González Amorosino, 22 Juan Imhoff.

Sudafrica: 15 Zane Kirchner, 14 Bryan Habana, 13 Jean de Villiers (c), 12 Frans Steyn, 11 Lwazi Mvovo, 10 Morné Steyn, 9 Francois Hougaard, 8 Willem Alberts, 7 Jacques Potgieter, 6 Marcell Coetzee, 5 Andries Bekker, 4 Eben Etzebeth, 3 Jannie du Plessis, 2 Adriaan Strauss, 1 Tendai Mtawarira.

Sostituti: 16 Tiaan Liebenberg, 17 Pat Cilliers, 18 Flip van der Merwe, 19 Keegan Daniel, 20 Ruan Pienaar, 21 Pat Lambie, 22 JJ Engelbrecht.

The Rugby Championship 2012: i risultati della prima giornata


.

Sud Africa - Argentina 27-6

L'avventura dell'Argentina nell'ex Tri Nation non inizia bene. Nessun problema per il Sud Africa che si porta a casa il successo con tre mete (Kirchner, Coetzee e Habana) a zero. Nulla da fare per i "Pumas": gli "Springboks sono apparsi decisamente irraggiungibili.

Australia - Nuova Zelanda 19-27
La Nuova Zelanda vince 27 a 19 contro l'Australia. A meta, Israel Dagg e Cory Jane. Inutile la meta di Nathan Sharpe per gli Australiani, se non per tenere in vita le speranze dei padroni di casa, che comunque devono capitolare di fronte ai campioni del mondo.

The Rugby Championship: la prima giornata


Quest'oggi si disputerà la prima giornata di The Rugby Championship, il nuovo Tri Nations che metterà di fronte Sud Africa, Nuova Zelanda e Australia, e, per la prima volta, l'Argentina.

Il torneo si aprirà con l'incontro tra l'Australia, detentrice della coppa 2011 e la Nuova Zelanda, primi del ranking mondiale IRB, seguito da quello che contrapporrà il Sud Africa all'Argentina, con i primi sono favoriti d'obbligo visti i tredici precedenti sempre a loro favore.

In Italia i match verranno trasmessi entrambi da Sky Sport 2: la sfida tra i Wallabies e gli All Blacks (in programma all'Anz Stadium di Sydney alle ore 11.55 italiane) sarà raccontata da Raimondi e Munari, mentre quella tra gli Springbocks e i Pumas (si gioca al Newlands di Città del Capo alle 2.40 ore italiane, in replica domani alle 16.25) sarà commentata dal duo Pierantozzi - Fusetti.

Le formazioni di Sud Africa - Argentina


SudAfrica

: 15 Zane Kirchner, 14 Bryan Habana, 13 Jean de Villiers (capitano), 12 Frans Steyn, 11 Lwazi Mvovo, 10 Morne Steyn, 9 Francois Hougaard, 8 Keegan Daniel, 7 Willem Alberts, 6 Marcell Coetzee, 5 Andries Bekker, 4 Eben Etzebeth, 3 Jannie du Plessis, 2 Bismarck du Plessis, 1 Tendai Mtawarira.

Riserve: 16 Adriaan Strauss, 17 Pat Cilliers, 18 Flip van der Merwe, 19 Jacques Potgieter, 20 Ruan Pienaar, 21 Pat Lambie, 22 JJ Engelbrecht.

Argentina: 15 Lucas Gonzalez Amorosino, 14 Gonzalo Camacho, 13 Marcelo Bosch, 12 Santiago Fernandez, 11 Horacio Agulla, 10 Juan Martin Hernandez, 9 Nicolas Vergallo, 8 Juan Martin Fernandez Lobbe (capitano), 7 Alvaro Galindo, 6 Julio Farias Cabello, 5 Patricio Albacete, 4 Manuel Carizza, 3 Juan Figallo, 2 Eusebio Guinazu, 1 Rodrigo Roncero.

Riserve: 16 Bruno Postiglioni, 17 Marcos Ayerza, 18 Juan Pablo Orlandi, 19 Tomas Leonardi, 20 Leonardo Senatore, 21 Martín Landajo, 22 Martin Rodriguez.

Le formazioni di Australia - Nuova Zelanda


Australia

: 15 Kurtley Beale, 14 Adam Ashley-Cooper, 13 Rob Horne, 12 Anthony Faingaa, 11 Digby Ioane, 10 Berrick Barnes, 9 Will Genia; 8 Scott Higginbotham, 7 David Pocock (capitano), 6 Dave Dennis, 5 Nathan Sharpe, 4 Sitaleki Timani, 3 Sekope Kepu, 2 Tatafu Polota Nau, 1 Benn Robinson.

Riserve: 16 Stephen Moore, 17 James Slipper, 18 Rob Simmons, 19 Radike Samo, 20 Michael Hooper, 21 Nick Phipps, 22 Drew Mitchell.

Nuova Zelanda: 15 Isreal Dagg, 14 Cory Jane, 13 Ma'a Nonu, 12 Sonny Bill Williams, 11 Hosea Gear, 10 Dan Carter, 9 Aaron Smith; 8 Kieran Reed, 7 Richie McCaw (capitano), 6 Liam Messam, 5 Sam Whitelock, 4 Luke Romano, 3 Owen Franks, 2 Keven Mealamu, 1 Tony Woodcock.

Riserve:16 Andrew Hore, 17 Ben Franks, 18 Brodie Retallick, 19 Victor Vito, 20 Piri Weepu, 21 Aaron Cruden, 22 Ben Smith.

Il calendario


18 agosto

: Australia-Nuova Zelanda; Sudafrica-Argentina
25 agosto: Nuova Zelanda-Australia; Argentina-Sudafrica
8 settembre: Australia-Sudafrica; Nuova Zelanda-Argentina
15 settembre: Australia-Argentina; Nuova Zelanda-Sudafrica
29 settembre: Sudafrica-Australia; Argentina-Nuova Zelanda
6 ottobre: Sudafrica-Nuova Zelanda; Argentina-Australia

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO