Atp Toronto 2014: Tsonga vince la finale contro Federer

Atp Toronto 2014. La finale Federer-Tsonga.

Rogers Cup - Toronto

JW Tsonga vince l'Atp di Toronto 2014. Meritato il successo, in finale, del francese su Roger Federer, sconfitto 7-5; 7-6(3). Primo set soporifero e dominato dalla battuta fino al 6-5 quando Roger, costretto a servire per salvare il parziale, cede alla prima palla break del match. Infastidito e nervoso, Federer stenta a entrare in partita anche nella seconda frazione. Tsonga, invece, rimane inattaccabile al servizio, gira intorno al break e spreca un match point sul 5-4. L'elvetico resta attaccato al match più più con l'orgoglio che con il gioco e capitola al tie break, subendo quattro punti di fila dal 3-3.

Terza sconfitta stagionale per Federer nei Masters Mille con Montecarlo e Indian Wells. Tsonga, invece, torna a vincere un torneo dopo oltre un anno (Marsiglia 2013) e completa una settimana indimenticabile, nella quale ha sconfitto ben quattro top ten (Federer, Djokovic, Murray e Dimitrov). Da domani, lui stesso, tornerà nei primi 10 del ranking Atp, nel posto che merita.

Atp Toronto 2014: rivivi il live della finale

22.58: Vince Tsonga. 7-3 il punteggio del tie break del secondo set. Federer chiude una prestazione rivedibile con un erroraccio di rovescio, emblema di una giornata davvero storta.

22.52: Si va al tie break. Miglior game della partita per Federer e 6-6.

22.47: Continua a macinare al servizio Tsonga che non sembra risentire delle opportunità mancata. 5-6, stessa identica situazione di punteggio del primo set con Federer in battuta.

22.44: Federer a un passo dalla sconfitta. Con un vincente, Roger annulla un match point per Tsonga che non riesce a spuntarla ai vantaggi in un game durato 16 punti. 5-5. Tante le occasioni perse dal francese nel secondo set.

22.34: Tsonga mette di nuovo pressione a Federer. 4-5 e Roger ancora inesistente in ribattuta.

22.32: Federer evita il tracollo. Tsonga non concretizza quattro palle break, di cui 2 dal 15-40 e 2 ai vantaggi (con un ace) e consente al rivale di restare in partita. 4-4. Lo svizzero si carica con due sonori c'mon. Per JW altra occasione persa. Con il break, il francese avrebbe servito per la vittoria.

22.22: Tsonga inossidabile al servizio. A Federer non resta che imprecare. 3-4. L'elvetico non ha avuto alcuna palla break ed è sempre stato costretto a rincorrere.

22.17: Game da brivido per Federer che salva una palla break per Tsonga con il primo ace della partita e rimane aggrappato al set. 3-3.

22.09: Altro turno di battuta a 0 per Tsonga che ha messo, a referto, finora 9 ace. 2-3 per il francese. Partita che si è riassestata sui servizi.

22.07: Cerca di scuotersi Federer e arriva l'immediato pareggio. 2-2 nel secondo set che ricalca, finora, l'andamento del precedente.

22.04: In fiducia Tsonga, conserva agevolmente il servizio. Roger poco reattivo e infastidito dall'andamento del match. 1-2 senza break.

22.01: Federer mostra un certo nervosismo ma aggancia subito il rivale. 1-1

21.58: Tsonga comincia il secondo parziale in vantaggio. 0-1 e terzo game di fila per lui.

21.53: Tsonga vince il primo set 5-7. Federer capitola alla prima palla break concessa in tutta la partita sul 30-40. Decisivo un errore di dritto dell'elvetico. In un parziale molto statico è bastata un piccolo calo di uno dei due contendenti per spezzare l'equilibrio.

21.49: Tsonga risale da 0-30 e, ai vantaggi, si garantisce, almeno, il tie break. 5-6 e prima vera occasione per Federer per strappare la battuta all'avversario.

21.43: Federer prolunga il set. 5-5. Sul 30-30, Tsonga è stato a due punti dal conquistare il primo parziale.

ft-4

21.39: Tsonga sale sul 4-5. Altro game immacolato al servizio per JW che costringe, Federer, a salvare il set al cambio di campo.

21.37: Di nuovo parità. 4-4. Per la prima volta si va ai vantaggi anche sul servizio di Federer ma Tsonga si ferma al 40-40. Nonostante si cominci a intravvedere qualche scambio interessante, la partita continua a procedere senza eccessivi sussulti.

21.32: Tsonga avanti 3-4. Sul 40-40, il francese ha piazzato due ace di fila e respinto il timido attacco di Federer.

ft-3

21.26: Federer si riporta di nuovo in parità. 3-3. Tsonga innocuo in ribattuta e gioco a 0. Poche emozioni. Ci si limita, per ora, a riportare il punteggio.

21.24: Prosegue il dominio del servizio. Poche chance per chi risponde. Veloce 2-3 per Tsonga.

21.21: Anche Federer procede spedito al servizio. 2-2

21.18: Due ace e game a 0 per Tsonga che torna a condurre. 1-2. Partita che deve ancora decollare.

21.16: Federer pareggia. Anche per lo svizzero primo gioco al servizio con Tsonga che si ferma a 30. 1-1

21.13: Il primo game della partita è di Tsonga che tiene il servizio a 30. 0-1

21.03: Effettuato il sorteggio, Tsonga ha deciso di servire.

20.40: Tra venti minuti circa, l'inizio della finale tra Federer e Tsonga. Previsto il tutto esaurito sul Centrale. Chi vince succede nell'albo d'oro a Rafa Nadal, assente in questa edizione per infortunio.

Atp Toronto 2014: presentazione finale Federer-Tsonga

Dalle 21, seguiremo in diretta con aggiornamenti e immagini in tempo reale, la finale dell'Atp Masters di Toronto 2014 tra Roger Federer e Jo Wilfred Tsonga.

Epilogo della Rogers Cup decisamente inaspettato, perlomeno per la presenza del francese, protagonista fino alla settimana canadese di una stagione non certo positiva. Finalmente, a Toronto, è arrivata la rinascita per Tsonga, capace di battere, in tre giorni, tre top ten Djokovic, Murray e Dimitrov. Per Federer, invece, è la terza finale in un Mille nel 2014 dopo quelle perse a Montecarlo con Wawrinka e a Indian Wells contro Djokovic. Il trionfo in un Masters manca da due anni, da Cincinnati 2012. Roger sa che quella odierna è l'occasione giusta per interrompere il tabù.

Sono stato vicino a vincere Indian Wells e Monaco quest’anno. Mi auguro che la vittoria sarà dalla mia parte. Nelle finali dei Master 1000 non esistono avversari facili. Sono contento per Tsonga, se lo merita. Quando in forma può battere chiunque

Federer conosce le potenzialità dell'avversario. Lo ha affrontato 16 volte, incassando due batoste dolorosissime, nei quarti di Wimbledon 2011 e del Roland Garros 2013. In quelle partite, Tsonga fu letteralmente ingiocabile al servizio, fondamentale che sta funzionando benissimo anche a Toronto. Ne sanno qualcosa Murray e Dimitrov, specie quest'ultimo che si è visto annullare, ieri, quattro occasione per il controbreak sotto 5-4 nel primo set con quattro prime vincenti a 230 km/h.

Considero, comunque, Federer favorito per il titolo, anche per i due confronti diretti vinti in questa stagione agli Australian Open e sulla terra di Montecarlo, quest'ultimo in rimonta in tre set, epilogo che prevedo anche per stasera.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail