Olimpiadi 2016 di Rio de Janeiro, il CIO è molto preccupato per i ritardi nei lavori

Scritto da: -

Neanche il tempo di godersi il successo assoluto dei giochi di Londra 2012, che subito il CIO (Comitato Olimpico Internazionale) ha iniziato a preoccuparsi delle prossime olimpiadi di Rio de Janeiro. I brasiliani si sono impegnati a realizzare 230 progetti, partendo dalla costruzione di molti impianti sportivi, passando dall’implementazione dei trasporti pubblici, per finire con la ristrutturazione di intere zone della città. Si tratta di un progetto molto ambizioso, forse il più grande della storia delle Olimpiadi moderne.

In questo momento però soltanto 65 opere sono state già realizzate, e soprattutto in molti casi sono stati ampiamente superati i margini di spesa preventivati alla vigilia. Ci sono anche questioni spinose da un punto di vista politico da risolvere. Non è stata ancora posata infatti, la prima pietra dello Stadio Olimpico, fulcro di tutta la manifestazione, progettato in una zona dove attualmente sorge una favelas nella quale vivono più di 4 mila persone. In tutto per la realizzazioni delle strutture necessarie è stato stimato che dovranno essere sgomberate 170mila persone per le quali non è stato ancora disposta una nuova dimora.

Anche il progetto urbano è tanto complesso quanto ambizioso. C’è da realizzare una terza linea di metropolitana e tre di autobus veloci con i soldi pubblici, mentre alcuni sposor privati si sono impegnati per rinnovare i tre aeroporti della città non attrezzati per ricevere l’enorme numero di persone previste tra quattro anni. Dovrebbero essere inoltre costruiti nuovi alberghi per un totale di 10 mila stanze, oltre ad implementare la rete internet attualmente inadeguata anche per il solo fabbisogno della città.

Secondo una stima l’Economist, l’intera opera costerà intorno ai 14,4 miliardi di euro, circa 400 milioni in più rispetto a quelli investiti a Londra dove la base di partenza era senz’altro migliore. Leonardo Gryner, presidente del comitato olimpico organizzatore, ha assicurato che tutte le opere saranno pronte con un anno di anticipo rispetto all’inizio dei giochi, ma al momento ci sono ancora molte perplessità. Il Brasile nel 2014 ospiterà anche i campionati del mondo di calcio ed è chiamato ad un grande sforzo per riuscire ad organizzare entrambi gli eventi nel migliore dei modi.

Foto | © TM News

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Outdoorblog.it fa parte del Canale Blogo Sport ed è un supplemento alla testata Blogo.it registrata presso il Tribunale di Milano n. 487/06, P. IVA 04699900967.