Atp Shanghai 2014: Federer batte Simon in finale e conquista il suo 23° Masters

Lo svizzero ha vinto in due set, ma in entrambi i casi è dovuto arrivare al tie-break.

Roger Federer ha vinto il Masters di Shanghai 2014

È dovuto arrivare al tie-break in entrambi i set, ma alla fine Roger Federer è riuscito a piegare anche un ottimo Gilles Simon e ha conquistato per la prima volta il Masters di Shanghai, che si aggiunge al suo ricchissimo palmarés che ora comprende 81 titoli, 23 dei quali sono Masters.

Simon è sempre stato un osso duro per Federer, ma "questo" Roger, che ha liquidato in due set Novak Djokovic con colpi magistrali non poteva perdere contro il francese, gli ha annullato un set point sul 6-5 nel tie-break del primo parziale e lo stesso ha fatto nel tie-break del secondo e si è andato a prendere il titolo.

Ricordiamo che Federer è secondo nella classifica dei Masters vinti, che è guidata da Rafael Nadal che ne ha 27. Lo svizzero, tuttavia, è quello che ha collezionato più partite vinte: ben 309 contro le 281 dei maiorchino. E dalla prossima settimana Roger torna al numero due del ranking Atp.

Federer b. Simon 7(8)-6(6); 7(7)-6(2). Ecco gli highlights della finale.

Federer-Simon, la finale del Masters di Shanghai 2014

È il giorno della finale all'Atp di Shanghai 2014. Dalle 10.30 si contenderanno il trofeo del Rolex Masters, Roger Federer e Gilles Simon.

E' certamente un epilogo inaspettato quello odierno, almeno per la presenza, sorprendente, di uno dei contendenti. Facile intuire chi sia. Simon torna a disputare una finale in un Masters dopo ben sei anni. Era il 2008 quando il francese, affrontò e perse, con Murray all'Atp di Madrid che, all'epoca, si giocava ancora sul veloce. Ottimo il cammino di Gilles a Shanghai. Sotto i colpi del tennista transalpino sono caduti due dei potenziali favoriti, Wawrinka e Berdych, prima del meritato successo in semifinale con Feliciano Lopez. Traguardo meritato quindi anche se sarà difficile completare l'opera.

Contro Djokovic, ieri, si è rivisto un Federer d'annata. E' sempre un'impresa battere il numero del mondo. Se poi ci riesci come Roger, in due set (doppio 6-4) e con 0 break point concessi all'avversario, si evince ancor di più l'importanza del successo dell'elvetico che è valso la quinta finale stagionale in un Mille. Finora il bilancio è in passivo per Federer con tre sconfitte (Indian Wells; Montecarlo e Toronto) e una vittoria, a Cincinnati contro Ferrer.

Inutile nascondere che Roger ha una discreta occasione per incrementare il bottino stagionale di titoli. Nei precedenti conduce 4-2 con Simon. Curiosamente però una delle due vittorie di Gilles è arrivata proprio sul Centrale di Shanghai. Era il 2008 e, in Cina, si disputavano le Atp Finals. Sono passati sei anni ma il francese rimane un avversario insidioso per tutti anche se, contro questo Federer, serve davvero una prestazione deluxe per spuntarla. Pronostico scontato ma un epilogo in tre set non è un azzardo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail