Sci di fondo, Federico Pellegrino vince in Val Mustair (Video)

Per l'azzurro secondo successo consecutivo dopo la vittoria a Davos.

Federico Pellegrino ha stupito anche in Val Mustair, o meglio ha confermato quanto di sorprendente aveva fatto a Davos ottenendo la prima vittoria italiana nella Coppa del Mondo di sci di fondo dopo ben cinque anni di digiuno.
Oggi Pellegrini è arrivato davanti a tutti nella prova sprint a tecnica libera in Svizzera, che è valida come terza tappa del Tour de Ski.

Particolarmente emozionante è stata la rimonta di Pellegrino nel rettilineo finale, quando sembrava ormai spacciato a vantaggio di Martin Johnsrud Sundby e invece non solo lo ha raggiunto, ma lo ha anche superato e ha impedito a Petter Northug di recuperare. Alla fine Federico è salito sul primo gradino del podio, Northug sul secondo e Sundby sul terzo.

Il 24enne azzurro ha commentato la sua prova:

"Se a Davos la mia era stata la vittoria della sorpresa, questa è la vittoria della certezza. L'altra volta mi sono trovato davanti ad un bivio, 'stavolta avevo il peso della responsabilità perché se avessi fallito sarei stato timbrato come quello che non sa vincere. Però mi sono presentato in gara con la tranquillità di chi conosce le proprie possibilità e il tipo di tracciato mi consentiva di attuare una tattica diversa rispetto a Davos"

Pellegrino ora è al terzo posto della classifica di specialità e domani sarà impegnato nella 10 km di Dobbiaco, poi si fermerà per un po' per allenarsi in vista delle sfide sprint che lo attendono nelle prossime settimane.

Per quanto riguarda gli altri azzurri in gara, sono stati eliminati nelle qualificazioni e si sono classificati oltre la trentesima posizione: Francesco De Fabiani 31°, David Hofer 37°, Dietmar Noeckler 44°, Giorgio Di Centa 60°, Roland Clara 65° e Mattia Pellegrin 82°.

Petter Northug guida la classifica generale del Tour de Ski con 25" di vantaggio su Sundby. Domani a Dobbiaco si svolgerà la 5 km femminile e la 10 km maschile a tecnica classica.

Federico Pellegrino

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail