Carolina Kostner squalificata: "Umiliata come atleta e persona. Sarà dura ma mi rialzerò"

La pattinatrice squalificata per complicità ad Alex Schwazer.

Dopo le prime dichiarazioni a caldo rilasciate ieri dopo la sentenza del Tribunale Nazionale Antidoping, Carolina Kostner ha rilasciato oggi una lunga serie di dichiarazioni di commento alla squalifica di un anno e quattro mesi per complicità ad Alex Schwazer.

La pattinatrice altoatesina ha ribadito la propria totale estraneità ai fatti e ritiene inaccettabile che il suo nome venga associato negativamente ad una vicenda di doping:

Ho visto che il Tribunale mi ha assolto dalla contestazione di omessa denuncia e credo che i giudici hanno capito che io con il doping non c'entro niente, ma questo non mi basta. Mi sento ferita e quello che mi infastidisce maggiormente è che il mio nome possa essere in qualche modo associato al doping, sapendo quanto io sia distante da questa pratica scorretta e sleale, pericolosa per la salute e, soprattutto, contraria allo spirito sportivo.

Carolina, assolta per quanto riguarda l'omessa denuncia riguardo il rapporto tra Alex Schwazer e il medico inibito Michele Ferrari, ha riaffermato che non avrebbe mai coperto l'attività illecita del suo fidanzato all'epoca, oggi ex, e ritiene inammissibile anche un solo giorno di squalifica.

L'unica consolazione arriva dai numerosi messaggi di solidarietà che le sono giunti:

Non ho parole per descrivere la delusione, l'umiliazione e il dolore che provo come atleta e come persona. Ma ringrazio anche tutte le persone che mi sono state e mi sono vicine ed in particolare la Federazione Italiana Sport del Ghiaccio e il suo presidente Andrea Gios, per l'affetto di cui sento di avere tanto bisogno e che mi darà la forza per continuare a combattere. Avere tante persone che mi credono mi conforta. Questa volta è veramente dura, ma mi rialzerò come ho fatto in tante altre occasioni.

Carolina Kostner squalificata: "Sono delusa e amareggiata, andrò fino in fondo"


Sono giunte le prime dichiarazioni di Carolina Kostner e del suo avvocato Giovanni Fontana. La pattinatrice ha esternato la propria comprensibile amarezza:

Contenta di certo non sono, anzi sono molto amareggiata e molto delusa. Sono determinata ad andare fino in fondo, fino all'ultimo grado di giustizia.

Fontana, invece, ha già annunciato il ricorso al Tas:

Smentito il Tas che stabiliva la piena consapevolezza dell'illecito per la condanna. Faremo sicuramente ricorso.

Carolina Kostner: un anno e 4 mesi di squalifica per il caso Alex Schwazer


carolina kostner squalifica

La pattinatrice artistica su ghiaccio, Carolina Kostner, è stata condannata dal Tribunale Nazionale Antidoping ad un anno e quattro mesi di squalifica per il caso Alex Schwazer.

La campionessa azzurra è stata squalificata per complicità per il caso di doping che ha coinvolto il marciatore di Vipiteno, suo ex fidanzato, risultato positivo ad un controllo antidoping alla vigilia delle Olimpiadi di Londra 2012 e squalificato fino al gennaio 2016.

La squalifica di sedici mesi di Carolina Kostner avrà inizio a partire da oggi, venerdì 16 gennaio 2015. La pattrinatrice rischiava fino a quattro anni e tre mesi di stop dall'attività agonistica ma la sentenza del Tribunale Antidoping del Coni, arrivata oggi intorno alle ore 16:30, ha fortunatamente scongiurato questa ipotesi.

Carolina Kostner, 28 anni il prossimo 8 febbraio, si è presentata in aula intorno alle 10 di questa mattina, non rilasciando alcuna dichiarazione. Dopo di lei, sono giunti allo stadio Olimpico il procuratore capo antidoping Tammaro Maiello e il presidente della seconda sezione del Tribunale Nazionale Antidoping Luigi Fumagalli che ha presieduto l'udienza. Gli altri giudici presenti sono stati Luca Amato, Luigi Di Maio e Filomena Santagada.

Il responsabile della comunicazione di Carolina Kostner, Giuseppe Gambardella, è stato ammesso come testimone ed è stato ascoltato per quanto riguarda il controllo saltato a Oberstdorf volontariamente da Schwazer con la complicità di Carolina. Intorno alle 14:15, l'udienza è giunta al termine.

La Procura aveva chiesto due anni e tre mesi di squalifica mentre i legali della pattinatrice hanno chiesto l’assoluzione o sei mesi in subordine.

La sentenza è giunta alle ore 16:30: la Kostner è stata condannata dal TNA a sedici mesi per violazione dell'articolo 2.9 delle Norme Sportive Antidoping. Per quanto riguarda, invece, l'omessa denuncia sulla frequentazione tra Michele Ferrari, medico inibito a vita dal Coni, e Schwazer, la Kostner è stata assolta.

Infine, non c'è stata alcuna ripercussione sulle medaglie che Carolina Kostner ha vinto fino ad ora.

Foto | © Getty Images

  • shares
  • +1
  • Mail