Scherma, Grand Prix di Spada a Budapest: Italia nel main draw con 7 uomini e 8 donne

In totale sono 15 gli azzurri che prendono parte alla fase finale del Grand Prix di Spada in Ungheria.

L'Italia della scherma arriva alla giornata delle finali del Grand Prix di Spada maschile e femminile a Budapest con ben quindici atleti in gara, otto donne e sette uomini, che domani saranno impegnati nei rispettivi tabelloni principali a caccia delle medaglie.

Tra gli uomini Enrico Garozzo e Paolo Pizzo hanno accesso di diritto alla fase finale in virtù del loro ranking, mentre altri dieci azzurri hanno dovuto affrontare le qualificazioni e metà di loro sono riusciti a superarle: si tratta di Gabriele Cimini, Marco Fichera, Gabriele Bino, Luca Ferraris e Matteo Tagliariol.

Ferraris, Fichera e Bino hanno ottenuto il pass direttamente nella fase a gironi, ottenendo tutti e tre sei vittorie e nessuna sconfitta. Tagliariol ha avuto quattro vittorie e due sconfitte, mentre Cimini ha perso un assalto su sei e hanno dovuto affrontare le fasi successive superate brillantemente. Tagliariol ha battuto 15-9 il tedesco Multerer e poi l'americano Bratton, mentre Cimini ha avuto la meglio 15-12 contro il giapponese Hayashi e 15-14 contro il tedesco Herzberg.
Non ce l'hanno fatta invece Tomaso Melocchi, Andrea Baroglio, Lorenzo Bruttini, Lorenzo Buzzi ed Andrea Santarelli, tutti eliminati nelle sfide del tabellone dei 128.

Domani mattina ci saranno subito due derby: Fichera-Tagliariol e Cimini-Ferraris, mentre Pizzo se la vedrà con il polacco Mikolajczak, Bino con l'ucraino Reizlin e Garozzo con il russo Morgoev.

Per quanto riguarda le ragazze, già tre sono ammesse di diritto al tabellone principale, ossia la campionessa del mondo Rossella Fiamingo, la campionessa d'Europa Bianca Del Carretto e Mara Navarria. A loro si sono aggiunte oggi Federica Santandrea, che ha subito superato la fase a gironi con sei vittorie e nessuna sconfitta evitando così il tabellone di qualificazione, Francesca Boscarelli, Francesca Quondamcarlo, Alberta Santuccio e Brenda Briasco.

Boscarelli, dopo aver ottenuto quattro vittorie e due sconfitte nella fase a gironi, ha eliminato la lituana Marclay per 15-8 e l'estone Paju per 15-13. Anche Quondamcarlo ha vinto quattro assalti su sei nel girone, poi ha avuto la meglio sulla romena Udrea per 15-4 e sulla coreana Yu per 15-8. Santuccio ha vinto cinque assalti su sei, poi ha battuto la cinese Xiang per 15-11 e la francese Awong per 15-13. Briasco, dopo cinque vittorie su sei nel girone, ha vinto contro l'ucraina Pantelyeyeva per 15-9 e contro l'estone Beljajeva per 15-10.

Sono state invece eliminate le azzurre Luisa Tesserin e Marta Ferrari, che hanno perso l'assalto del tabellone delle 128, e Giulia Rizzi e Camilla Batini, sconfitte invece nel tabellone delle 64.

Domani non ci saranno derby al primo assalto: Boscarelli incontrerà l'americana Hurley, Briasco la cinese Qin, Santandrea la russa Andryushina, Del Carretto la coreana Choi, Fiamingo la polacca Knapik-Miazga, Navarria l'ungherese Budai, Quondamcarlo con la francese Rembi e Santuccio con la coreana Song.

Matteo Tagliariol

Foto e video © Federscherma

  • shares
  • +1
  • Mail