Giro di Romandia 2015, quarta tappa: capolavoro di Stefan Küng | Video

Dietro Küng si sono piazzati Jan Bakelants e Bert-Jan Lindeman.

Stefan Küng è stato protagonista di una vera e propria impresa oggi al Giro di Romandia. Lo svizzero della BMC ha trionfato sul traguardo di Fribourg dopo una tappa lunga 169,8 km in cui è stato in fuga fin dall'inizio sotto la pioggia battente. Il giovane elvetico ha staccato gli altri battistrada a più di 20 km dalla fine, anticipando tutti prima della penultima salita e ci ha creduto fino alla fine, mentre le squadre del plotone non sono riuscite a portare avanti un'azione decisa per ridurre significativamente il gap. Dietro di lui si sono piazzati i suoi ex compagni di fuga Jan Bakelants dell'AG2R La Mondaile e Bert-Jan Lindeman della Lotto NL-Jumbo, mentre

Quasi subito si è staccata la fuga composta da Liuwe Westra dell'Astana, lo stesso Stefan Küng della BMC, Anton Vorobyev del Team Katusha, Bert-Jan Lindeman della LottoNL Jumbo e Jan Bakelants dell'AG2R La Mondiale, poi raggiunti da Pavel Kochetkov del Team Katusha. Il loro vantaggio al km 13 era già di 4' 03" e dopo il 20° km ha superato i 5' 30". Il gap è rimasto a lungo intorno ai 5' o poco più, ma Westra e Vorobyev hanno abbandonato la fuga. A una cinquantina di chilometri dalla fine il vantaggio dei quattro battistrada è sceso intorno ai due minuti e mezzo.

A 24 km dal termine Küng ha attaccato da solo e ha conservato a lungo un vantaggio oltre i due minuti rispetto al gruppo principale e una ventina di secondi sui primi inseguitori. Dieci chilometri dopo la Tinkoff-Saxo ha cominciato ad aumentare il ritmo e il vantaggio di Küng è diminuito, ma è comunque rimasto sopra il minuto.

Negli ultimi 4 km dal gruppo si sono staccati i due uomini dell'Etixx-Quick Step Tony Martin e Julian Alaphilippe, con il tedesco che si è portato a ruota il giovane francese per fargli recuperare posizioni in classifica generale, ma alla fine lo ha dovuto mollare perché non riusciva a tenere il suo ritmo e così il transalpino è arrivato tra gli ultimi a 1' 18" dal primo, Küng, che è arrivato al traguardo con 38" di vantaggio sui primi inseguitori. Per il giovane svizzero, classe 1993, campione del mondo su pista nell'inseguimento individuale e campione europeo under 23 su strada e a cronometro, questa è la seconda vittoria della stagione dopo la Volta Limburg Classic, ma conta anche un ottimo secondo posto nella cronometro della Tre Giorni di La Panne (vinta dal campione del mondo in carica Bradley Wiggins).

Leader della classifica generale resta per oggi Michael Albasini dell'Orica GreenEdge.
Domani tappa di alta montagna, vedremo un piccolo antipasto di Tour de France con Vincenzo Nibali, Chris Froome e Nairo Quintana a darsi battaglia in salita.

Stefan Kueng ha vinto la quarta tappa del Giro di Romandia 2015

Questi i primi dieci al traguardo della quarta tappa:


    1) Stefan Küng (BMC) 4h 35' 10"
    2) Jan Bakelants (AG2R La Mondiale) +38"
    3) Bert-Jan Lindeman (Team LottoNL-Jumbo) +39"
    4) Tony Martin (Etixx-Quick Step) +45"
    5) Gianni Meersman (Etixx-Quick Step) +52"
    6) Tosh Van Der Sande (Lotto Soudal) +52"
    7) Johannes Frohlinger (Team Giant-Alpecin) +52"
    8) Michael Albasini (Orica GreenEdge) +52"
    9) Simon Yates (Orica GreenEdge) +52"
    10) Ivan Santaromita (Orica GreenEdge) +52"

Queste le prime posizioni della classifica generale che domani è destinata a cambiare notevolmente:


    1) Michael Albasini (Orica GreenEdge) 13h 33' 40"
    2) Ivan Santaromita (Orica GreenEdge) +20"
    3) Chris Froome (Team Sky) +20"
    4) Adam Yates (Orica GreenEdge) +20"
    5) Ilnur Zakarin (Team Katusha) +25"
    6) Egor Silin (Team Katusha) +25"
    7) Yuri Trofimov (Team Katusha) +25"
    8) Simon Spilak (Team Katusha) +25"
    9) Tony Martin (Etixx-Quick Step) +27"
    10) Rigoberto Uran (Etixx-Quick Step) +34"
Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO