Giro di Romandia 2015: la crono a Tony Martin, la generale a Zakarin | Video

Disfatta di Chris Froome, solo 13° nella crono conclusiva.

A sorpresa Ilnur Zakarin ha tenuto la Maglia Gialla fino alla fine e ha vinto il Giro di Romandia 2015. Il Team Katusha aggiunge un altro importante successo al suo palmares in quest'annata che è cominciata davvero con il botto per la squadra russa. Si interrompe dunque il dominio del Team Sky che ha vinto questa corsa nelle ultime tre edizioni, prima con Bradley Wiggins (2012) e poi con Chris Froome (2013 e 2014). A proposito di Froome, il britannico si deve accontentare del terzo posto in classifica generale, scavalcato oggi anche da un altro Katusha, Simon Spilak, che oggi ha chiuso la cronometro finale al secondo posto, dietro il vincitore Tony Martin dell'Etixx-Quick Step. Davvero deludente la prova del vincitore del Tour de France 2013, che oggi ha corso solo il 13° tempo e che era partito da favorito per vincere sia l'ultima tappa di oggi, sia la classifica generale, visto che fino a ieri aveva solo 14" di svantaggio rispetto a Zakarin, un tempo che il miglior Froome avrebbe tranquillamente recuperato in una crono come quella di oggi, a Losanna, lunga 17,3 km.

Tony Martin ha percorso l'intera distanza in 23' 17" a una velocità media di 44,581 km/h (perché nella parte centrale c'erano delle salite), mentre Spilak ha tardato 11" rispetto al tedesco e Zakarin è arrivato con un ritardo di 13", anche a causa di un problema meccanico, senza il quale, molto probabilmente, avrebbe chiuso ancor più in bellezza aggiudicandosi anche la crono.
Per quanto riguarda Spilak, questo è il terzo anno consecutivo che chiude il Giro di Romandia al secondo posto, prima o poi merita decisamente di vincerlo.

Il migliore degli italiani è stato Vincenzo Nibali dell'Astana, che però ha chiuso solo al 24° posto con un ritardo di 1' 03", mentre il suo compagno di squadra Michele Scarponi ha tardato 1' 11" e si è classificato al 27° posto. Lo Squalo è decimo nella classifica generale finale, proprio davanti a Scarponi. Il ritardo di Nibali dal vincitore è di 1' 54", ma da Froome è di 1' 19", mentre l'anno scorso chiuse in quinta posizione, ma con un ritardo di 1' 48" dal britannico. Dunque non c'è da allarmarsi per la condizione del siciliano in vista del Tour de France, luglio è ancora lontano e lui è più meno nelle stessa situazione dello scorso anno. Uno degli altri pretendenti alla Maglia Gialla sui Campi Elisi, Nairo Quintana della Movistar, ha chiuso in ottava posizione con 12" in meno rispetto a Nibali. Rigoberto Uran dell'Etixx-Quick Step che vedremo invece al Giro d'Italia è quinto a 1' 20" da Zakarin.

Ilnur Zakarin ha vinto il Giro di Romandia 2015

Questi i primi dieci della cronometro conclusiva del Giro di Romandia:


    1) Tony Martin (Etixx-Quick Step) 23' 17"
    2) Simon Spilak (Team Katusha) +11"
    3) Ilnur Zakarin (Team Katusha) +13"
    4) Jurgen van den Broeck (Lotto Soudal) +19"
    5) Rohan Dennis (BMC) +22"
    6) Romain Bardet (AG2R La Mondiale) + 24"
    7) Jonathan Castroviejo (Movistar) +25"
    8) Stef Clement (IAM) +26"
    9) Rafal Majka (Tinkoff-Saxo) +28"
    10) Steve Morabito (FDJ) +31"

E queste le prime dieci posizioni della classifica generale finale:


    1) Ilnur Zakarin (Team Katusha) 18h 36' 30"
    2) Simon Spilak (Team Katusha) +17"
    3) Chris Froome (Team Sky) +35"
    4) Thibaut Pinot (FDJ) +49"
    5) Rigoberto Uran (Etixx-Quick Step) +1' 20"
    6) Simon Yates (Orica GreenEdge) +1' 21"
    7) Rafal Majka (Tinkoff-Saxo) +1' 24"
    8) Nairo Quintana (Movistar) +1' 42"
    9) Romain Bardet (AG2R La Mondiale) +1' 43"
    10) Vincenzo Nibali (Astana) +1' 54"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail