Pallanuoto, Alex Giorgetti a Blogo: "La mia stagione più dura, ma il sacrificio paga"

Intervista a uno dei protagonisti del "triplete" della Pro Recco, l'attaccante Alex Giorgetti.

Alex giorgetti - Foto di Armando Rotoletti

Per continuare a celebrare lo splendido "triplete" della Pro Recco, dopo Francesco Di Fulvio abbiamo intervistato un altro dei protagonisti di questa straordinaria stagione: Alex Giorgetti. L'attaccante 27enne ha una bacheca ricchissima di trofei: ha vinto sette dei dieci scudetti consecutivi della Pro Recco, sei Coppe Italia, tre Eurolega e ha una sfilza di medaglie anche con il Settebello, con il quale si è laureato campione del mondo nel 2011 e vice-campione olimpico nel 2012, senza contare le medaglie in World League.
Ecco che cosa ci ha raccontato.

- Ciao Alex, il triplete di quest’anno non fa che confermare il dominio italiano ed europeo della Pro Recco. Come hai vissuto questa ennesima stagione trionfale?

"È stata la stagione più dura della mia carriera psicofisicamente parlando! Per cui le vittorie hanno avuto un sapore ancora più speciale... il sacrificio alla fine ha pagato veramente"

- Qual è stato per te il momento più bello in assoluto tra tutte le conquiste fatte quest’anno?

"La Coppa Campioni assolutamente perché non l'ho mai vinta da protagonista"

- Anche l’estate sarà piuttosto impegnativa con il Settebello e i Mondiali a Kazan. Porterai un po’ di “spirito Pro Recco” in Nazionale?

"Sicuramente tutti i miei compagni del Recco e me compreso porteremo questo spirito di fame di vittorie e di passione che il Recco ha da anni. Se vuoi entrare nella storia devi sempre sognare e raggiungere i tuoi obbiettivi e il Recco ha questo DNA"

- Quando non sei in acqua a giocare o ad allenarti che cosa fai? Come trascorri il tempo libero?

"Mi piace viaggiare, per cui sicuramente se non fossi stato atleta avrei fatto l'esploratore. Mi piace girare e conoscere le differenti culture e ammirare la natura del Pianeta, infatti, al minimo tempo libero che ho mi sposto anche di pochi chilometri giusto per sentirmi libero di conoscere nuove mete! Poi ovviamente leggo, ascolto la musica, vado al cinema, giro con la mia Fiat 500 d'epoca"

- Segui altri sport da tifoso?

"Sì, seguo il calcio e sono tifosissimo della Lazio"

Foto © Armando Rotoletti

  • shares
  • Mail