Basket NBA |Finale : Golden State batte Cleveland 102-83 in gara 4 e torna in parità

Basket NBA. I Golden State Warriors si impongono nettamente, 102-83, in Gara 4 della finale, contro i Cleveland Cavaliers e riportano la serie in parità. Siamo sul 2-2 e, domenica notte, la quinta sfida si disputa a Oakland.

E' stata la serata del riscatto per gli Warriors. Gli uomini di Kerr, dalla metà del primo quarto, sono sempre rimasti avanti nel punteggio con i Cavs sempre costretti a inseguire. Solo al termine della terza frazione, LeBron e compagni sono riusciti a ridurre il passivo (-6) per poi pagare lo sforzo nell'ultimo quarto con gli ospiti in costante progressione fino al +21 finale.

E' mancato LeBron ai padroni di casa. Prestazione normale del Prescelto che, dai 40 punti di media nelle prime tre partite, ne totalizza "solo" 20 anche per merito della difesa asfissiante di Igoudala. In particolare, nell'ultimo periodo, LeBron non mette punti a referto, agevolando ulteriormente l'incidere di Golden State verso la meritata vittorie. In ombra anche Dellavedova, tornato sui suoi standard dopo l'exploit in gara 3. Top scorer tra i Cavs, il russo Mozgov con 28 punti.

I Golden State hanno dimostrato di essere più squadra rispetto ai padroni di casa. Curry , dimentica le critiche di gara 3, torna sui suoi livelli e guida i compagni all'immediata riscossa. 22 i punti siglati dall'MVP della regular season, gli stessi di Igoudala, brillante anche in attacco oltrechè in difesa. Prestazione convincente di tutto il quintetto base, nel quale solo Thompson non raggiunge la doppia cifra. Poco male. E' stata davvero una bella vittoria per i Warriors che, ora, tornano alla Oracle Arena sul 2-2 con l'opportunità, tutt'altro che remota, di conquistare il titolo davanti al proprio pubblico.

Cleveland-Golden State, Gara 4 della finale

Giovedì 11 giugno 2015

Basket, NBA Finals. Stanotte alle 3, si disputa gara 4 della sfida tra Cleveland Cavaliers e Golden State che assegna il titolo 2015. I Cavs sono in vantaggio 2-1 e giocano ancora in casa per tentare un nuovo allungo prima che la serie si trasferisca di nuovo a Oakland da domenica.

LeBron James ha di nuovo superato se stesso in Gara 3. Non bastano più gli aggettivi per descrivere le prestazioni del Prescelto, stratosferico nella vittoria di suoi, 96-91, con 40 punti che portano il contatore delle Finals a 123 con una media facilmente deducibile. Con un'altra prestazione del genere, i Cavs, stanotte avrebbero discrete chance di distanziare ulteriormente i rivale anche se LeBron non è solo. L'altro protagonista delle Finals è infatti un suo compagno di squadra, l'australiano Matthew Dellavedova, capace di segnare 20 punti in Gara £ (il massimo in carriera) e di contenere le giocate di Curry, MVP della regular season. Rientrato l'allarme per Imam Shumpert. La botta alla spalla rimediata nell'ultima sfida aveva fatto temere un suo forfait per stanotte. Fortunatamente, per i Cavs, gli accertamenti medici hanno escluso complicazioni.

Golden State deve ripartite dall'ultimo quarto di gara 3 e dall'orgoglioso tentativo di rimonta fermatosi sul 94-91. Per superare gli avversari e riportare la serie in parità, gli Warriors hanno bisogno del miglior Steph Curry, il cui talento si è visto solo a sprazzi nella sfida di mercoledì notte. Lo stesso allenatore di Golden State, Steve Kerr, indimenticato playmaker dei Bulls di Jordan, ha criticato, tra le righe, il suo uomo migliore nella conferenza stampa post partita

Mi è sembrato che Curry nei primi tre quarti avesse poco energia e vitalità. C'è bisogno, comunque, di più aggressività da parte di tutti già dalla palla a due

Ecco, proprio di questo hanno bisogno gli Warriors, di più ardore e combattività perchè la paura di perdere il titolo, dopo una regular season da 67 vittorie, sta aleggiando con sempre maggiore vigore dalle parti di Oakland...

2015 NBA Finals - Game Three

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail