Basket | Reggio Emilia - Sassari 71-67 | Finale Scudetto, gara 5

sassari-reggio-emilia-finale-basket-gara-3.jpg

Basket. Reggio Emilia batte Sassari 71-67 in gara 5 della Finale e si porta 3-2 nella serie, a una sola vittoria dallo Scudetto.

Il primo quarto si apre con tre schiacciate in tre minuti. Le realizzano Lawal, Sanders e Polonara prima della tripla di Cinciarini che regala il primo vantaggio a Reggio, incrementato poi da Chikoko (9-4). Brooks e Lavrinovic mantengono le distanze invariate (11-6). Non appena il centro lituano esce per un problema muscolare al polpaccio sinistro (starà fuori per tutta la partita), la Dinamo rimonta fino al 15-15 poi, a 8” dal termine, una tripla dai 9 metri di Della Valle consente a Reggio di andare al primo riposo avanti 18-15.

La Grisson Bon prova a mettere la freccia in avvio di seconda frazione e sembra riuscirci con il contropiede di Cinciarini che porta i suoi a +8 (23-15). Sacchetti chiama timeout ma il canestro per i suoi resta stregato. Silnis, invece, segna da distanza ravvicinata e il divario incrementa (27-15). Sassari blocca l’assolo dei padroni di casa con un mini parziale di 0-5 che costringe coach Menetti a richiamare i suoi sul 27-20. Si torna in campo e Polonara, allo scadere dei 24”, lascia partire una tripla bella quanto inaspettata (30-20). Poco dopo lo imita Silnis dall’angolo per il +11 reggiano (33-22). Il finale di tempo è, tuttavia, appannaggio di Sassari che accorcia a 38-31. A un secondo dal termine, Sanders fallisce un tiro da tre dall’angolo. Non è il primo sbagliato nella serata della Dinamo che va all’intervallo con un poco edificante 0/12 dalla distanza.

In apertura del terzo quarto, la Dinamo accorcia ulteriormente con 4 punti di fila di Sanders (38-35). Reggio a secco di canestri nei primi tre minuti e Lawal, con una schiacciata, prolunga il parziale favorevole a Sassari. Prosegue il digiuno emiliano e i sardi sorpassano con il tap in di Sanders (38-39). Il vantaggio ospite, tuttavia, dura pochissimo. Polanara, infatti, dalla lunetta interrompe l’emorragia di punti e riporta avanti i suoi (40-39). Sassari risponde prontamente con l’arresto e tiro di Dyson (39-41) e una tremenda schiacciata bimane di Sanders. Dinamo a +3 (40-43) e, di nuovo, raggiunta dalla tripla del rientrante Diener (43-43)

Il botta e risposta prosegue. Contropiede di Dyson e 43-45 per gli ospiti. Pari e sorpasso di Della Valle con due liberi e una canestro da distanza ravvicinata (47-45). Il numero 8 reggiano arringa il pubblico che torna a esaltarsi con la tripla di Silnis e il +5 per i padroni di casa (50-45). Un fallo di Sacchetti a bonus acquisito manda in lunetta Cervi. Arrivano altri due punti per la Grissin Bon (52-45). A un minuto dal termine, la riscossa di Sassari. Segnano prima Sosa poi Dyson. Quest’ultimo si guadagna anche il libero aggiuntivo. Coach Menetti protesta per la decisione arbitrale e si becca il tecnico. Lo stesso Dyson non sbaglia dalla linea dei liberi. Palla ancora alla Dinamo ma l’attacco va a vuoto come la tripla della disperazione di Della Valle. Reggio ancora avanti 52-51 prima dei dieci minuti finali con Sassari ancora a 0 punti dalla distanza (0/17).

Il quindicesimo punto di Lawal vale il controsorpasso per Sassari in apertura dell’ultimo quarto (52-53). Padrone sotto canestro, il nigeriano recupera un rimbalzo su un tiro sbagliato di Sacchetti e la Dinamo sale 52-55. A 6’ dalla sirena, Reggio pareggia ancora con Polonara (55-55) e torna avanti con Cervi (57-55). Grande tensione in campo. Brooks la spunta in mischia anche grazie al tabellone (59-57). Passano 30 secondi e un uno-due di Kaukenas-Cervi proietta Reggio a +6 (64-57), un vantaggio discreto a 3’ dal termine. Finalmente la Dinamo si sblocca dalla distanza. Sosa insacca al 23° tentativo ma Silnis risponde prontamente (65-60). Altra tripla Sassari, la seconda consecutiva. La segna Sanders (65-63).

Due minuti al termine e altro bellissimo finale, come nelle precedenti sfide. Brooks sbaglia la tripla del possibile sorpasso. Nel ribaltamento di fronte anche Cinciarini fallisce il canestro. La Dinamo gioca con l’handicap del bonus. Dyson commette sfondamento su Silnis e il lettone incamera un libero (66-63) a 52” dalla fine. Possesso Sassari. Sosa tenta la penetrazione ma scivola sul parquet e la palla finisce in rimessa. Reggio riparte ma il solito Lawal propizia l’errore di Kaukenas e lancia il contropiede solitario di Sanders che conclude in schiacciata (66-65). Sassari obbligata a fermare il cronometro con un’infrazione che manda in lunetta Cinciarini. 2/2 del capitano e 68-65 Reggiana. I biancorossi hanno ancora falli da spendere e lo fanno, due volte, su Sosa. Rimessa Dinamo a 12” dalla sirena. Reggio non vuole lasciare il tiro da tre agli ospiti. Fallo su Dyson e bonus raggiunto. 2/2 e 68-67 per la Grissin Bon. A cinque secondi dalla conclusione, è il turno in lunetta di Kaukenas. Il lituano fallisce il primo ma non il secondo (69-67). Timeout Dinamo. Si riprende. Dyson tenta la penetrazione ma spinge Kaukenas. Che ingenuità del play americano. Fallo, due liberi di Cinciarini e apoteosi al PalaBigi.

Reggio Emilia trionfa 71-67, si porta 3-2 nella serie ed è a una vittoria dal Tricolore. Mercoledì 24 giugno si torna in campo a Sassari per gara 6. Per la Dinamo è l’ultima spiaggia.

Basket | Presentazione Gara 5 della Finale

Basket. Stasera alle 20.45 si disputa Gara 5 della Finale Scudetto tra Reggio Emilia e Sassari. La serie è sul 2-2, dopo la vittoria dei sardi al supplementare, sabato scorso, che ha annullato il doppio vantaggio emiliano.

Caccia al match point al PalaBigi, ovviamente tutto esaurito. Chi conquista infatti gara 5 si porta a una sola vittoria dal Tricolore, una situazione che, fino a qualche settimana fa, sembrava impensabile per entrambe le squadre, soprattutto per Sassari, avversaria in semifinale della strafavorita Olimpia Milano.

Si prospetta un'altra sfida molto intrigante e incerta, nella quale stanchezza ed emotività si affiancheranno ai fattori tecnico-tattici. Del resto, le 4 partite, finora, disputate non hanno avuto un unico filo conduttore. Dominio totale di Reggio nelle prime due, vittorie, sofferte di Sassari in quelle del weekend con la Grissin Bon che recrimina soprattutto per la mancata gestione del vantaggio in gara 3 con il +13 all'inizio del quarto finale che, di fatto, poneva gli uomini di Menetti a un passo dal titolo.

Anche stasera dovremmo rivedere gli stessi quintetti titolari delle precedenti partite. Soliti duelli. Cianciarini contro Logan in regia; Lavrinovic-Lawal sotto canestro; Dyson e Kaukenas a fare incetta di punti con Polonara, Della Valle e lo stesso Sanders pronti a sparigliare. L'unica incertezza è proprio la presenza di quest'ultimo. L'americano ha infatti subito una lieve distorsione alla caviglia nei minuti finali di gara 4. C'è ottimismo sul suo recupero anche se lo staff medico scioglierà le riserve in extremis.

Consueta copertura televisiva anche per Gara 4. Con la giornata di riposo dell'Europeo Under 21 di calcio, torna la diretta su Raisport 1. Su Pc e dispositivi mobili, è possibile usufruire dello streaming gratuito sul sito raisport.rai.it

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail