Mondiali di Nuoto Kazan 2015: Tania Cagnotto oro da un metro!

Primo oro Mondiale per Tania nel trampolino da un metro: si mette alle spalle le cinesi.

Tania Cagnotto ha vinto una storica medaglia d'oro ai Mondiali di Kazan nel trampolino da un metro! Nell'ultimo mondiale della sua carriera si mette dietro le cinesi e fa risuonare l'Inno di Mameli. Per lei è il primo oro iridato e si va ad aggiungere a tre argenti e quattro bronzi conquistati nelle edizioni precedenti.
Tania ha cominciato la gara alla grande, subito alla guida della classifica grazie ai 63,0 punti del primo tuffo, un salto e mezzo ritornato carpiato, ha consolidato il primato con il doppio e mezzo avanti (62,40), con il salto e mezzo indietro carpiato (58,65), con il salto e mezzo rovesciato con un avvitamento e mezzo (65,00) e infine con il salto e mezzo rovesciato carpiato (61,20).

Questo il podio:
1) Tania Cagnotto (Italia) 310.85
2) Shi Tingmao (Cina) 309.20
3) He Zi (Cina) 300,30

Dopo la delusione per il quinto posto nel sincro da 3 m con Francesca Dallapè, Tania ha ribaltato le sorti di questi suoi Mondiali con la medaglia più preziosa della sua carriera. Niente beffe questa volta: Tania è stata prima dal primo al quinto tuffo, a 30 anni compiuti, per confermarsi la tuffatrice italiana più forte di tutti i tempi.
Per l'Italia questo è il terzo oro mondiale nei tuffi dopo i due di Klaus Dibiasi dalla piattaforma nel 1973 e 1975.

Ecco le dichiarazioni della campionessa del Mondo Tania Cagnotto:

"Un sogno che si realizza. Ho sempre messo sullo stesso piano vincere un mondiale e una medaglia olimpica. Volevo raggiungere uno di questi due obiettivi e finalmente è successo. Sono al settimo cielo. È una bella soddisfazione personale e familiare. Avevo una strana sensazione già dalle eliminatorie. Ieri è stata una giornata infinita, non sapevo dove sbattere la testa. Non mi sono allenata tutto il giorno e sapevo che potevo farcela, avrei voluto saltare subito anziché aspettare. Avevo perfino sognato di battere le cinesi. Ma la realtà è ancora più bella. Due anni fa, a Barcellona, ero finita a dieci centesimi di punto da He Zi e avanti a Wang Han. Con loro sarei partita alla pari. Ma qui sapevo che fare più punti di Shi Tingmao sarebbe stato difficile, quasi impossibile. La finale è iniziata bene, col doppio e mezzo avanti ho perso qualche anno di vita ma poi ho continuato meglio. Prima dell'ultimo tuffo avevo dieci punti di vantaggio, non era necessario strafare e ho cercato di controllare. È bastato per vincere. In attesa del trampolino da 3 metri posso dire di aver chiuso in bellezza la mia carriera ai campionati mondiali. È uno dei momenti più belli della mia vita"

Tania Cagnotto campionessa del Mondo

Tocci-Chiarabini noni nel sincro 3 m


Andrea Chiariabini e Giovanni Tocci

si sono classificati al nono posto in finale della gara di tuffi sincro dal trampolino da tre metri. Gli azzurri, entrambi ventenni, gareggiano insieme soltanto da una quarantina di giorni e hanno già dimostrato grandi potenzialità. Sono rimasti un po' delusi per il risultato perché, dopo il sorprendente quinto posto nelle eliminatorie, speravano di riuscire a rientrare tra i primi sei e quindi di partecipare alle World Series, ma possono comunque ritenersi soddisfatti.
In totale hanno ottenuto 402 punti: 51 per il salto indietro carpiato, 49,80 per il salto smezzo indietro con mezzo avvitamento, 74,40 per il triplo e mezzo avanti carpiato, 69,54 per il quadruplo e mezzo avanti raggruppato, 77,70 per il triplo e mezzo rovesciato raggruppato e 79,56 per il triplo e mezzo ritornato raggruppato.

L'oro è andato ai cinesi Cao Yuan e Quin Kai con un totale di 471,45 punti, argento ai russi Evgenii Kuznetsov e Iilia Zakharov (559,18) e bronzo ai britannici Jack David Laugher e Chris Mears (445,20).

Sincronizzato, squadra in finale nel libero


L'Italia si è qualificata alla finale della routine libera a squadre con il sesto punteggio utile. Elisa Bozzo, Camilla Cattaneo, Manila Flamini, Mariangela Perrupato, Beatrice Callegari, Francesca Deidda, Gemma Galli e Sara Sgarzi si sono esibite sulle note di "The season on earth" di Michele Braga, coreografate dalla pluricampionessa olimpica e mondiale Anastasia Ermakova e dal francese Stephane Miermont. Le azzurre hanno ottenuto 90,7667 punti, somma dei 27,1 punti per l'esecuzione, 36,6667 per l'impressione artistica e 27 per la difficoltà.
Dopo le eliminatorie in testa c'è la Russia con 97,6333 punti seguita dalla Cina con 95,5 punti e dal Giappone con 93,7.

Rachele Bruni qualificata alle Olimpiadi di Rio


Rachele Bruni

è rimasta per un soffio ai piedi del podio della 10 km di fondo femminile dopo una gara disputata quasi interamente nelle prime posizioni, ma sulla delusione per il quarto posto prevale la soddisfazione per un'ottima prestazione e soprattutto la certezza della qualificazione alle Olimpiadi di Rio 2016.
Aurora Ponselè, invece, dopo essere stata in testa per metà gara, una volta risucchiata dal gruppo non è riuscita più a riavvicinarsi alle prime e alla fine ha chiuso al 22° posto.
L'oro è andato alla francese Aurelie Muller che ha nuotato in 1h 58' 04" davanti all'oladense Sharon Van Rouwendaal (+2.4) e alla brasiliana Ana Marcela Cunha (+22.2). Il tempo di Rachele Bruni è di 1h 58' 27", quello di Aurora Ponselè di 1h 59' 33".

Tuffi: Chiarabini-Tocci in finale del sincro


Questa mattina ci sono state le eliminatorie dei tuffi in sincro maschili dal trampolino da 3 m e Andrea Chiarabini e Giovanni Tocci si sono qualificati alla finale con il quinto punteggio utile: 412,17. Conducono la gara i russi Evgenii Kuznetsov e Ilia Zakharov con 446,68 punti, seguiti dai cinesi Cao Yuan e Qin Kai (434,43), dai messicani Jahir Ocampo Marroquin e Rommel Pacheco Marrufo (422,25) e dai britannici Jack David Laugher e Chris Mears (417,33). La finale è alle 18:30 di oggi.

Risultati nuoto sincronizzato


Linda Cerruti e Costanza Ferro

hanno superato le eliminatorie del duo libero e si sono qualificate alla finale con il sesto punteggio utile: un totale di 90,2 derivante dalla somma di 27,00 per l'esecuzione, 36,00 per l'impressione artistica e 27,2 per gli elementi. Le migliori sono state le russe Natalia Ischenko e Svetlana Romashina con 97,2667, seguite dalle cinesi Huang Xuechen e Sun Wenyan con 95,4667 e dalle giapponesi Yukiko Inui e Risako Mitsui con 93,5333. La finale avrà luogo il 30 luglio alle 16:30 italiane.

Benissimo anche la coppia mista del duo libero: Giorgio Minisini e Mariangela Perrupato si sono qualificati alla finale con il quarto punteggio, 87,9667 derivante dalla somma di 26,7 per l'esecuzione, 34,6667 per l'impressione artistica e 26,6 per gli elementi.

Bene il Setterosa


Stamattina il Setterosa ha disputato la sua seconda gara della fase a gironi del torneo femminile di pallanuoto e ha ottenuto una bella vittoria contro gli Stati Uniti per 10-9 (6-3, 7-4, 10-7). Le azzurre sono prime nel girone C e ormai hanno i quarti di finale a portata di mano.

  • shares
  • Mail