Clasica San Sebastian 2015: ha vinto Adam Yates davanti a Gilbert e Valverde

Negli ultimi 50 km ci sono stati problemi alle immagini tv e neanche le ammiraglie riuscivano a ricevere notizie sull'andamento della gara da radio informazioni.

Adam Yates ha vinto la Clasica di San Sebastian 2015

Il giovane Adam Yates dell'Orica GreenEdge ha vinto la Clásica Ciclista San Sebastián 2015 con un bellissimo numero nel finale grazie al quale è riuscito a staccare tutti e a percorrere gli ultimi 7 km in solitaria fino al traguardo. Dietro di lui, lo sprint del gruppetto degli inseguitori se lo è aggiudicato Philippe Gilbert della BMC, mentre Alejandro Valverde della Movistar, vincitore l'anno scorso, si è accontentato del terzo posto.

La fuga della prima ora è stata animata da Manuele Boaro (Tinkoff-Saxo), Valerio Agnoli (Astana), Dennis Vannendert (Lotto Soudal), Nathan Haas (Cannondale-Garmin), Maarten Wynants (LottoNL-Jumbo), Thomas Degand (IAM), Luis Mas (Caja Rural) e Romain Hardy (Cofidis) che hanno guadagnato fino a poco più di cinque minuti di vantaggio. Dopo i primi 100 km il gap è cominciato a scendere sotto i quattro minuti soprattutto grazie al lavoro degli uomini della Movistar e della Tinkoff-Saxo.

Sulla prima salita dell'Alto de Jaizkibel il gruppo ha dimezzato il distacco e sull'Alto de Arkale sono cominciati gli scatti: Rein Taaramäe dell'Astana si è avvantaggiato di qualche metro e su di lui si è portato Damiano Caruso della BMC poi seguito da Stephane Rossetto della Cofidis e Julian Arredondo della Trek e nel frattempo Boaro ha allungato sul gruppetto dei fuggitivi transitando da solo al gpm.

Negli ultimi 30 km sono stati via via ripresi tutti i fuggitivi e si è formato un nuovo gruppo di battistrada composto da Ryder Hesjedal (Cannondale-Garmin), Philippe Gilbert e Damiano Caruso (BMC), Warren Barguil (Giant-Alpecin), Egor Silin (Katusha), Stephane Rossetto (Cofidis), Julian Arredondo (Trek), Pieter Serry (Etixx-QuickStep) e Mikel Landa (Astana) che hanno avuto fino a mezzo minuto di vantaggio. Tra questi Barguil ha provato ad allungare, ma sulla salita di Bordako Tontorra i fuggitivi sono stati ripresi dagli inseguitori.

A 7 km dal traguardo è partito all'attacco Adam Yates dell'Orica GreenEdge e al suo inseguimento si sono messi Alejandro Valverde (Movistar) e Joaquim Rodriguez (Katusha) subito raggiunti da altri quattro uomini, cioè Daniel Martin della Cannondale-Garmin, Roman Kreuziger della Tinkoff-Saxo, Bauke Mollema della Trek e Rigoberto Uran dell'Etixx-Quick Step. Tra i sei contrattaccanti non c'è stato accordo e questo ha favorito Yates che negli ultimi 3 km aveva un vantaggio di 14".

Il giovane britannico è riuscito ad arrivare da solo al traguardo, senza essere certo della vittoria neanche dopo aver chiesto informazioni via radio all'ammiraglia. Tutta la fase finale della corsa (almeno gli ultimi 50 km), infatti, è stata caratterizzata da problemi alle immagini tv e neanche radio informazioni riusciva a tenere informati giornalisti e ammiraglie sull'andamento della gara. Negli ultimi km c'è stata anche una caduta.

Questi i primi dieci al traguardo:


    1) Adam Yates (Orica GreenEdge)
    2) Philippe Gilbert (BMC)
    3) Alejandro Valverde (Movistar)
    4) Dani Moreno (Katusha)
    5) Joaquim Rodriguez (Katusha)
    6) Bauke Mollema (Trek)
    7) Daniel Martin (Cannondale-Garmin)
    8) Julian Alaphilippe (Etixx-Quick Step)
    9) Warren Barguil (Giant-Alpecin)
    10) Rigoberto Uran (Etixx-Quick Step)

Ecco Adam Yates stupito all'arrivo, quando non aveva ancora capito se era primo o no

Clasica San Sebastian 2015: percorso, altimetria


Clasica San Sebastian 2015 Altimetria

A una settimana dalla fine del Tour de France 2015, dopo i criterium legati alla Grande Boucle, il ciclismo si sposta in Spagna, per la precisione dei Paesi Baschi, per la Clásica Ciclista San Sebastián 2015 che rispetto a un anno fa non ha cambiato il percorso: 219 km con partenza e arrivo a Donostia e sei gran premi della montagna, metà di prima e l'altra metà di seconda categoria, due vengono ripetuti due volte.

La prima difficoltà altimetrica è al km 59,5, è l'Alto de Iturburu, una salita di 3,5 km con una pendenza media del 5%, poi bisognerà aspettare il km 125 per trovare un altro gpm che, come il primo, è di prima categoria, lungo 7,8 km con una pendenza media del 5,84: è l'Alto de Jaizkibel. Poco dopo, al km 147,8, ecco la terza salita di giornata, l'Alto de Arkale, che, a differenza delle prime due, è di seconda categoria, meno impegnativa perché più breve (2,7 km), ma con una pendenza media del 6,30%. L'Alto de Jaizkibel e l'Alto de Arkale si ripetono poi rispettivamente al km 165,3 e al 188,2, infine, prima dell'arrivo, al km 211,9 c'è il Bordako Tontorra, una salita di seconda categoria, lunga 2,5 km con una pendenza media del 9%, ma punte del 20% e dopo lo scollinamento ci saranno solo pochi chilometri prima dell'arrivo sul Boulevard San Sebastián.

Il favorito numero uno è Alejandro Valverde della Movistar, che questa corsa l'ha vinta già due volte, nel 2008 e l'anno scorso, e altre due è arrivato secondo (nel 2007 e nel 2013). Sarà l'osservato speciale e tutti terranno d'occhio la sua ruota, ma dovranno stare attenti anche a Purito Rodriguez del Team Katusha, che su percorsi di questo genere si trova benissimo. Attenzione anche al basco dell'Astana Mikel Landa, che torna in gara dopo un ottimo Giro d'Italia e che deve ricordare a tutti di che pasta è fatto in vista della Vuelta, in cui ci potrebbe esserci una lotta interna con Vincenzo Nibali e Fabio Aru per il ruolo di capitano. L'Astana schiera un'ottima squadra con alcuni reduci dal Tour, come Michele Scarponi e Jakob Fuglsang.

E tra i "delusi" del Tour potrebbe esserci il vincitore di oggi: per esempio Rigoberto Uran dell'Etixx-Quick Step o Alberto Rui Costa della Lampre-Merida, o ancora uno dei gemelli Yates per l'Orica GreenEdge, Romain Bardet dell'AG2R La Mondiale, Thibaut Pinot della FDJ, Ryder Hesjedal della Cannondale-Garmin o il suo compagno di squadra Daniel Martin, e poi ancora Bauke Mollema della Trek. L'Etixx potrà puntare anche sul giovane Julian Alaphilippe e sul sempre affidabile Zdenek Stybar, mentre la BMC ritrova Philippe Gilbert e Greg Van Avermaet e la LottoNL-Jumbo può puntare su Steven Kruijswijk.

Non c'è invece Alberto Contador, che durante il Tour aveva annunciato la sua presenza alla Clásica San Sebastián salvo poi cambiare idea, la Tinkoff-Saxo allora proverà a puntare su Chrstopher Juul-Jensen e Roman Kreuziger, mentre il Team Sky si affiderà a Nicolas Roche e Kanstantsin Siutsou. Potrebe provare a farsi notare anche Sylvain Chavanel, che ha il contratto in scadenza con la IAM e che vorrebbe continuare la carriera.

Clásica San Sebastián 2015: start list


Movistar Team

1. Valverde Alejandro
2. Anacona Winner
3. Fernández Rubén
4. Herrada Jesús
5. Moreno Javier
6. Sutherland Rory
7. Rojas José Joaquín
8. Visconti Giovanni

Team Katusha
11. Rodríguez Joaquim
12. Moreno Daniel
13. Kochetkov Pavel
14. Machado Tiago
15. Silin Egor
16. Špilak Simon
17. Trofimov Yuri
18. Vicioso Ángel

Team Sky
21. Roche Nicolas
22. Earle Nathan
23. Henao Sebastián
24. Kennaugh Peter
25. Nordhaug Lars Petter
26. Pate Danny
27. Siutsou Kanstantsin
28. Sutton Chris

Etixx - Quick Step
31. Uran Rigoberto
32. Stybar Zdenek
33. Alaphilippe Julian
34. Vandenbergh Stijn
35. Serry Pieter
36. Trentin Matteo
37. Vermote Julien
38. Velits Martin

Tinkoff - Saxo
41. Juul-Jensen Christopher
42. Boaro Manuele
43. Hernández Jesús
44. Kreuziger Roman
45. Tosatto Matteo
46. Paulinho Sérgio
47. Brutt Pavel
48. Zaugg Oliver

Astana
51. Landa Mikel
52. Fuglsang Jakob
53. Sanchez Luis Leon
54. Agnoli Valerio
55. Grivko Andriy
56. López Miguel Ángel
57. Scarponi Michele
58. Taaramäe Rein

BMC Racing Team
61. Gilbert Philippe
62. Zabel Rick
63. Caruso Damiano
64. Quinziato Manuel
65. Sánchez Samuel
66. Van Avermaet Greg
68. Wyss Danilo

Orica GreenEDGE
71. Yates Adam
72. Yates Simon
73. Bewley Sam
74. Durbridge Luke
75. Hepburn Michael
76. Keukeleire Jens
77. Meyer Cameron
78. Weening Pieter

Lampre - Merida
81. Rui Costa Alberto
82. Polanc Jan
83. Costa Mário
84. Koshevoy Ilia
85. Pibernik Luka
86. Plaza Rubén
87. Oliveira Nelson
88. Valls Rafael

AG2R La Mondiale
91. Bardet Romain
92. Vuillermoz Alexis
93. Bakelants Jan
94. Cherel Mikael
95. Houle Hugo
96. Montaguti Matteo
97. Gougeard Alexis
98. Kadri Blel

FDJ
101. Pinot Thibaut
102. Delage Mickaël
103. Geniez Alexandre
104. Jeannesson Arnold
105. Lecuisinier Pierre-Henri
106. Roux Anthony
107. Roy Jérémy
108. Vaugrenard Benoit

Lotto Soudal
111. Ligthart Pim
112. Benoot Tiesj
113. Broeckx Stig
114. De Bie Sean
115. Van Der Sande Tosh
116. Vanendert Dennis
117. Vanendert Jelle
118. Wellens Tim

Trek Factory Racing
121. Mollema Bauke
122. Didier Laurent
123. Arredondo Julián David
124. Devolder Stijn
125. Felline Fabio
126. Irizar Markel
127. Jungels Bob
128. Stuyven Jasper

Team Giant - Alpecin
131. Barguil Warren
132. De Kort Koen
133. Hupond Thierry
134. Haga Chad
135. Ludvigsson Fredrik
136. Ludvigsson Tobias
137. Van Der Haar Lars
138. Waeytens Zico

Team Cannondale - Garmin
141. Martin Daniel
142. Hesjedal Ryder
143. Brown Nathan
144. Cardoso André
145. Haas Nathan
146. Koren Kristijan
147. Slagter Tom-Jelte
148. Talansky Andrew

Team LottoNL-Jumbo
151. Bulgac Brian
152. Kelderman Wilco
153. Leezer Tom
154. Van Der Lijke Nick
155. Van Emden Jos
156. Kruijswijk Steven
157. Tjallingii Maarten
158. Wynants Maarten

IAM Cycling
161. Chavanel Sylvain
162. Degand Thomas
163. Devenyns Dries
164. Saramotins Aleksejs
165. Frank Mathias
166. Pantano Jarlinson
167. Tanner David
168. Wyss Marcel

Caja Rural - Seguros RGA
171. Arroyo David
172. Txurruka Amets
173. Barbero Carlos
174. Bilbao Pello
175. Fraile Omar
176. Madrazo Ángel
177. Mas Lluís Guillermo
178. Benito Miguel Ángel

Cofidis, Solutions Crédits
181. Navarro Daniel
182. Simon Julien
183. Bagot Yoann
184. Edet Nicolas
185. Hardy Romain
186. Maté Luis Ángel
187. Molard Rudy
188. Rossetto Stephane

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO