Giro d'Italia 2016: Mikel Landa sarà il capitano del Team Sky

Lo spagnolo, terzo nel 2015 con l'Astana, avrà un gruppo di forti corridori al suo servizio. Lo ha assicurato Sir Dave Braislford.

Mikel Landa Team Sky Giro d'Italia 2016

Mikel Landa è stato ingaggiato dal Team Sky già qualche mese prima della fine della stagione 2015 che il basco ha concluso con l'Astana con un obiettivo preciso: vincere il Giro d'Italia 2016. La corsa rosa manca ancora allo squadrone britannico che nel frattempo, in quattro anni, ha già vinto tre volte il Tour de France, nel 2012 con Sir Bradley Wiggins, nel 2013 e nel 2015 con Chris Froome.

Proprio Wiggins nel 2013 provò ad andare a caccia della Maglia Rosa, ma si dovette ritirare a gara in corso, alla vigilia della tredicesima tappa da Busseto a Cherasco (la più lunga di quella edizione), a causa di una infezione alle vie respiratorie. Quel Giro era già cominciato male per il baronetto, a causa della pioggia che aveva tartassato i corridori nelle prime tappe provocando anche diverse cadute e il britannico in particolare aveva avuto parecchi problemi con l'asfalto bagnato soprattutto in discesa. A salvare il Giro 2013 per il Team Sky ci pensò Rigoberto Uran, che salì sul podio, al secondo posto, cosa che fece anche l'anno successivo ma con la maglia della QuickStep, mentre la sua ex squadra non riuscì a piazzare nessuno nella top-ten finale.

Quest'anno il team guidato da Sir Dave Brailsford ha puntato alla Maglia Rosa con l'australiano Richie Porte, che ha fatto parlare di sé più per il motorhome in cui dormiva da solo per non cambiare sempre hotel come i suoi compagni che per le prestazioni, mai particolarmente brillanti. Il tasmaniano si è poi dovuto ritirare dopo la quindicesima tappa a causa dei postumi di una caduta nella tredicesima frazione.

Nel 2016 il Team Sky non ha alcuna intenzione di farsi scappare un'altra volta la Maglia Rosa, perciò fin da subito ha chiarito che a correre in Italia con i gradi di capitano sarà Mikel Landa. Non c'è dubbio che il basco meriti ampiamente questo ruolo e questa responsabilità per quanto dimostrato nella scorsa edizione. Nonostante l'ammirazione per Alberto Contador, il vincitore, e per Fabio Aru, secondo classificato, su queste pagine di Blogo abbiamo più volte scritto che Landa ci sembrava il vero vincitore morale del Giro 2015, perché la sensazione che ha dato in salita era di essere più forte dei primi due e forse se l'Astana avesse puntato su di lui fin dal principio, probabilmente sarebbe riuscita a vincere il Giro.

Il basco, ancor prima di cominciare gli allenamenti con la nuova squadra, sa che deve concentrarsi sul percorso della corsa rosa e che quello sarà il suo principale obiettivo della prossima stagione. Potrà provare a prendersi una rivincita nei confronti della sua ex squadra, colpevole, forse, di non aver creduto abbastanza in lui o più che altro incapace di valutare la condizione dei suoi corridori durante la corsa.

La conferma che Mikel Landa correrà il Giro d'Italia 2016 da capitano è arrivata da Sir Dave Brailsford in persona che a Cyclingnews ha detto che il basco avrà al suo fianco una squadra forte e votata alla sua causa e ha anche precisato che il Team Sky non avrà una squadra A da mandare al Tour con Froome e una squadra B per Landa al Giro, ma due gruppi entrambi ben equipaggiati per vincere entrambe le corse.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail