Hawaii, sospese le ricerche del surfista Alec 'Ace Cool' Cooke

Dopo quattro giorni la Guardia Costiera americana sospende le ricerche alle Hawaii del surfista americano.

Surf Hawaii

Sono state sospese le ricerche del surfista Alec 'Ace Cool' Cooke, disperso da martedì scorso nella zona della Waimea Bay, a Oahu, nell'arcipelago delle Isole Hawaii. Lo ha annunciato la Guardia Costiera americana con un comunicato stampa emesso sabato scorso, in conferenza stampa il vice comandante della Guardia Costiera di Honolulu, Arex Avanni, ha spiegato:

Come in ogni caso di persona dispersa abbiamo perlustrato tutta l'area nel tentativo di localizzare Mr. Cooke ma, in attesa di nuovi sviluppi, abbiamo deciso di sospendere l'attività di ricerca. L'Oceano Pacifico è molto pericoloso, soprattutto quando le condizioni meteorologiche sono avverse. Il nostro pensiero va alla famiglia e agli amici di Alec.

A denunciarne la scomparsa alla polizia di Oahu era stata mercoledì mattina la fidanzata spiegando che il 59enne non era tornato a casa dopo essere uscito la sera prima per andare in mare a fare surf. Dalla ricostruzione dei fatti Cooke era uscito per dedicarsi a quella che era la sua passione di una vita nel tardo pomeriggio di martedì, forse per approfittare del fatto che in acqua non ci fossero altri surfisti. La sua auto è stata trovata parcheggiata vicino ad una chiesa nella zona di Waimea Bay, all'interno c'erano ancora il suo cane e le chiavi. La tavola, in un primo momento dispersa, è stata ritrovata poco dopo nella stessa zona da un suo amico ed è stato appurato che appartenesse a lui.

Alec Cook, conosciuto nel mondo del surf con il soprannome 'Ace Cool', era un surfista molto popolare, la sua specialità erano le onde giganti. Era diventato famoso nel 1985 quando si era fatto calare con un elicottero in una zona a nord dell'isola di Oahu alla ricerca dell'onda perfetta. Aveva cavalcato un'onda che lui stesso aveva descritto come alta dieci metri, anche se secondo alcuni era leggermente più piccola. Il video di quell'impresa fu mostrato dalla CBS e una fotografia divenne poi una delle cartoline più vendute dell'isola, con il titolo "The Biggest Wave". Ne furono fatte anche delle t-shirt e l'anno successivo venne realizzato un documentario dal titolo "In Search of the Biggest Wave".


Alec Cooke amava definirsi uno stuntman del surf, proprio per la sua ricerca costante del pericolo. Amava definirsi l'Evel Knievel del surf estremo, in omaggio al famoso motociclista stuntman americano popolare negli anni '80. Era nato a Boston nel 1956, ma era stato adottato dall'Arcipelago della Hawaii, dove era cresciuto Kauai e Oahu. Il mondo del surf piange quindi la scomparsa di una delle sue leggende, uno dei surfisti che hanno contribuito a dare un'aura mitologica a questo sport e a chi lo pratica.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 27 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO