Sci alpino maschile: i velocisti convocati per Lake Louise e Beaver Creek

Domani la partenza: si va prima a Nakiska, poi a Panorama e infine a Lake Louise.

Domani, mercoledì 11 novembre 2015, i velocisti azzurri della nazionale di sci alpino partiranno per una lunga trasferta oltreoceano in vista degli appuntamenti di Lake Louise e Beaver Creek.

Il direttore sportivo Massimo Rinaldi ha diffuso l'elenco ufficiale dei convocati: si tratta di Mattia Casse, Peter Fill, Werner Heel, Christof Innerhofer, Siegmar Klotz, Matteo Marsaglia, Dominik Paris e Silvano Varettoni.

Gli azzurri arriveranno prima a Nakiska, in Canada, dove resteranno ad allenarsi fino al 19 novembre, poi si trasferiranno per cinque a Panorama e il 23 novembre approderanno a Lake Louise dove mercoledì 25 potranno svolgere il primo allenamento ufficiale sulla pista Mens Olympic Downhill Run dove sabato 28 e domenica 29 novembre sono in programma la discesa libera e il SuperG.

Dopo i due giorni di gare in Canada, la delegazione azzurra si trasferirà a Beaver Creek dove il 1° dicembre si svolgerà il primo allenamento sulla pista su cui venerdì 4 e domenica 5 dicembre sono in programma le altre gare di discesa e SuperG.

L'allenatore responsabile Alberto Ghidoni ha fatto il punto della situazione prima della partenza:

"È stata un'estate di ottimo lavoro. La trasferta sudamericana è andata bene, poi siamo tornati in Europa dove però non abbiamo trovare condizioni eccezionali. Nelle ultime settimane abbiamo ricominciato ad andare bene, con buoni tratti di Supergigante, si è fatto anche Gigante sul duro sia a Sölden che per due giorni in Val Senales su una pista difficile. I ragazzi hanno avuto anche modo di testare molto, credo abbiamo costruito una base importante"

Sulla trasferta oltreoceano non si possono fare pronostici attendibili, infatti Ghidoni ha spiegato:

"Da quelle parti è sempre un terno al lotto, perché il vento è spesso decisivo. Siamo fiduciosi, abbiamo individualizzato abbastanza il lavoro cercando di soddisfare le esigenze tecniche degli atleti"

Poi ha raccontato in quali condizioni fisiche i velocisti azzurri arrivano a questo impegno di Coppa del Mondo:

"Fisicamente non ci sono grossi problemi, Paris è bello solido e carico, anche se lui dice che non è ancora in condizione ma è giusto così in questa fase. Innerhofer ha lavorato tanto, è riuscito a tenere la schiena sotto controllo, così come Casse. Fill ci sta dando dentro bene ed Heel con il cambio di materiali è molto motivato. Varettoni ha modificato un po' la sciata e nei test è veloce, Marsaglia dopo un avvio tribolato per via della schiena, in questo periodo ha lavorato abbastanza. Klotz è rientrato nel gruppo in queste settimane e mi sembra che abbia la necessaria cattiveria. Adesso ci prepareremo a Nakiska a con due giorni di gigante e due-tre giorni con sci lunghi, poi a Panorama faremo soltanto velocità"

  • shares
  • Mail