Basket, Eurolega: Olimpia Milano eliminata, sconfitto il Cedevita ma non basta

cedevita-olimpia-milano.jpg

Basket. Eurolega. L'Olimpia Milano batte il Cedevita a Zagabria, 82-85, ma non basta ed è eliminata. L'EA7 doveva vincere con almeno 10 punti di vantaggio per continuare a inseguire la Top 16. Obiettivo fallito. Passano invece i croati, in virtù del risultato del match di andata.

Con intensità e concentrazione, l’Olimpia entra subito in partita nel primo quarto nel quale spiccano i 12 punti di McLean e i 6 di Simon (con 3 assist) nel 18-25 con cui Milano pone subito il Cedevita a distanza di sicurezza. L’inizio del secondo quarto è altrettanto favorevole per i biancorossi che salgono a +9, mantengono il gap e lo incrementano nella seconda parte del parziale. La penetrazione di Jenkins, a 4’ dal termine, regala all’Olimpia il +11, poi, dopo un flebile abbozzo di rimonta dei croati, due giochi da tre di Cinciarini e Macvan consentano all’EA7 di allungare a + 14 (26-40). Lo stesso Macvan assesta una tripla a 40’ dalla sirena e, al riposo, Milano è avanti 31-45.

Nel terzo quarto, il Cedevita si propone con più incisività nella meta campo ospite e rende più combattuta la partita. Tra parziali e contro parziali, l’Olimpia Milano riesce sempre a respingere gli assalti croati guidati da Bilac e dal 19enne Arapovic e nonostante i 26 punti subiti in dieci minuti si mantiene a +9 di vantaggio (57-66).

Nell’ultimo quarto, Milano continua a oscillare sul gap necessario per proseguire la rincorsa alle Top 16. A 4’ dalla sirena finale, la tripla di Hummel ricaccia il Cedevita a -13 (66-79). Accorcia il solito Arapovic (68-79). Simon e Macvan sbagliano due tiri dalla distanza. Tre minuti al termine. Bilan dalla lunetta ed è di nuovo -9 (70-79). Altro errore da tre punti per l’Olimpia. Stavolta è di Lafayette. Botta e risposta tra Macvan e Pullen e distacco invariato. Trema Milano con la tripla di Pilepic per il -6 (75-81) che costringe Repesa a chiamare time out a un minuto e mezzo dalla conclusione.

Si riprende. Tensione altissima. Entrambe le squadre hanno già raggiunto il bonus falli. Simon ne segna uno. Pullen li sbaglia entrambi (75-82). Prodezza di Jenkins dalla corta distanza ma gli arbitri, con l’instant replay, annullano il canestro giunto allo scadere dei 24”. Una mazzata per Milano. Ad affossare l’Olimpia ci pensa un’altra bomba di Pilepic (80-82). Lafayette segna la tripla finale che sa solo di rimpianti. Finisci 82-85 per Milano che esce dall’Eurolega e retrocede in Eurocup. Il Cedevita accede alle Top 16 con un turno di anticipo.

Foto: Olimpia Milano official Facebook

Presentazione Cedevita - Olimpia Milano

strong>Basket. Eurolega 2015/16. Stasera, alle 19 (in diretta su Fox Sports), l'Olimpia Milano affronta il Cedevita, in trasferta, a Zagabria.

E' davvero l'ultima spiaggia per l'EA7 che deve assolutamente vincere per tenere in vita le residue speranze qualificazione alla Top 16. Espugnare la Drazen Petrovic Arena, inoltre, potrebbe non bastare. L'Olimpia infatti deve imporsi con uno scarto minimo di 10 punti per annullare il -9 della sfida di andata terminata 68-77 per i croati. Se un simile scenario non dovesse concretizzarsi, l'Olimpia sarebbe eliminata e retrocederebbe in Eurocup. Dovesse vincere, invece, l'EA7 può restare ancora in corsa per la qualificazione, raggiungibile battendo, la settimana prossima, Limoges in casa con contemporanea sconfitta del Cedevita a Vitoria.

Alla stregua delle recenti sfide europee disputate con Vitoria, Efes e Olympiakos, l'EA7, anche stasera deve rinunciare ad Alessandro Gentile. Il capitano, rientrato domenica scorsa nella sconfitta contro Reggio Emilia, ha accusato ieri, nell'ultimo allenamento prima della partenza per Zagabria, una ricaduta del precedente infortunio muscolare e sarà costretto a un ulteriore stop di 2/3 settimane. Di fatto, quindi, il suo 2016 potrebbe essere già terminato. Di certo lo è la prima fase di Eurolega in quanto Gentile salterà sicuramente anche il match casalingo della prossima settimana contro il Limoges.

cedevita-zagabria-olimpia-milano-eurolega.jpg

Un'assenza pesantissima quella di Gentile, senza il quale, tuttavia, l'Olimpia è riuscita a battere Efes Istanbul e Cantù con due buone prestazioni nelle quali il quintetto di Repesa ha mostrato, nei 40' minuti di gioco, quella continuità di rendimento troppe volte assente in questo altalenante inizio di stagione. Continuità che serve anche stasera al cospetto di un Cedevita che finora ha perso tre delle quattro partite giocate in casa, di cui le ultime due consecutive con Efes e Olympiakos.

Una compagine quella croata, allenata dal duo Mrsic-Pozzecco, che schiera un quintetto interessante con Bilan, White, Babic e Arapovic, tutti in doppia cifra nel match di andata a Milano. A loro il compito di trascinare il Cedevita alle Top 16. L'obiettivo è vicino, distante solo una vittoria.

  • shares
  • Mail