Volley, Boban Kovac: "Fiero di essere tornato a Perugia"

L'esordio bis sulla panchina bianconera è avvenuto ieri nel match di ritorno degli ottavi di Cev Cup.

Boban Kovac tornato a Perugia

Boban Kovac ha fatto ufficialmente il suo esordio bis sulla panchina della Sir Safety Perugia ieri sera, nel match di ritorno degli ottavi di finale contro gli slovacchi del Mirad Presov. Una partita facile, tanto che lo stesso tecnico ha ammesso che avrebbe anche potuto fare turnover, ma ha preferito vedere all'opera la formazione titolare per farsi un'idea su come lavorare nei prossimi giorni quando arriveranno impegni ben più complicati per i bianconeri.

Dopo l'esonero di Daniel Castellani, avvenuto all'inizio della scorsa settimana, è subito stato ingaggiato Kovac che tuttavia ci ha messo qualche giorno ad arrivare a Perugia e domenica scorsa in campionato i ragazzi sono stati guidati dal suo vice Carmine Fontana. Così il vero e proprio esordio è stato quello di ieri sera per il tecnico serbo, accolto in grande stile dai "sirmaniaci":

"Sono molto felice! Lo striscione e tutto il resto di questi giorni… sembra cha ho lasciato un buon ricordo e sono fiero di essere di nuovo qui a Perugia!"

Sulla partita di ieri Kovac ha detto:

"Ieri sera potevo giocare anche con la seconda squadra, ma il tempo per lavorare con i ragazzi è davvero poco perciò volevo vedere in campo la teorica formazione titolare, osservare ad esempio con attenzione l’intesa De Cecco-Atanasijevic e Russell in fase di ricezione. Per questo li ho lasciati inizialmente in campo, ma poi ho fatto vari cambi perché la mia idea è di avere quattordici giocatori e non sei e mi piace poterli utilizzare tutti. E ieri ha visto cose molto positive dalla squadra che ci possono aiutare a raggiungere traguardi alti"

Kovac sembra avere già le idee abbastanza chiare:

"Il primo aspetto su cui voglio puntare è l’aggressività. Specialmente in battuta, dove l’efficienza è bassa. Ieri sera contro il Presov ho visto buone cose al servizio. Ad esempio da Atanasijevic, da Russell che ha alternato bene, da De Cecco con cui abbiamo provato a cambiare posizione di partenza. È la chiave di questa squadra perché poi con il muro e la difesa possiamo fare bene sia sotto il profilo individuale che di squadra, con ordine e disciplina. È il mio modo di lavorare, impostare bene battuta, muro e difesa, caratteristica che abbiamo avuto anche negli anni passati a Perugia. Cercherò di trasmettere subito questo ai ragazzi, sapendo che all’inizio non sarà facile. Mi sarebbe piaciuto avere subito la sosta per poter lavorare, ma non è possibile per cui mi devo adeguare e i ragazzi si devono adeguare al mio modo di vedere la pallavolo. E soprattutto dobbiamo cercare un buon risultato a Verona"

Verona è la prossima avversaria sia in campionato sia in Coppa Italia. I Block Devils si fermeranno per qualche giorno nella città scaligera perché sono attesi al PalaOlimpia dai ragazzi di Andrea Giani domenica alle 18 per la prima giornata di ritorno della SuperLega e poi martedì sera, 22 dicembre, per l'andata dei quarti di finale di Coppa Italia.
All'andata in campionato la Calzedonia si è imposta nettamente al PalaEvangelisti, in soli tre set e dunque Perugia ora è a caccia di vendetta. Sulla doppia sfida con gli scaligeri Kovac ha detto:

"Intanto dovrò vedere come i ragazzi si comportano nei momenti di difficoltà, che spero non ci saranno. A Verona ci aspettano partite difficili. Hanno preso confidenza, giocano molto bene e poi saranno in casa loro. Dovremo cercare di metterli in difficoltà in ricezione. Ci sono spunti su cui in questi giorni lavoreremo e dove cercheremo di essere incisivi"

Foto © CEV

  • shares
  • Mail