Federer, ecco i tornei che disputerà nel 2016, non c'è Roma

Roger Federer ha comunicato tramite il proprio account Twitter la programmazione del 2016. Non mancano le sorprese nel calendario personale stilato dal tennista elvetico.

L'annata di Roger comincerà a inizio gennaio all'Atp di Brisbane, evento del quale è campione in carica. A seguire, trasferimento a Melbourne per l'Australian Open. A febbraio, Federer tornerà all'Atp 500 di Rotterdam. A fine mese immancabile presenza a Dubai, altro torneo nel quale si è laureato campione nel 2015.

Marzo è il mese dei due Masters Mille americani, a Indian Wells e Miami. Federer ha optato di nuovo per il torneo californiano, rinunciando alla trasferta in Florida. Nel post su Twitter, Roger non menziona la Coppa Davis. Al primo turno, dal 4 al 6 marzo, la Svizzera sfiderà l'Italia a Pesaro. Il campione di Basilea non dovrebbe esserci alla stregua di Wawrinka.

La grande novità nella nuova programmazione di Federer è l'assenza di tornei su terra battuta, escluso ovviamente il Roland Garros. Roger sfrutta in pieno la nuova regola varata lo scorso anno che consente agli over 30 la non obbligatorierà della presenza ai Masters. Per questo, oltre a Montecarlo, diserterà anche Madrid e soprattutto gli Internazionali d'Italia al Foro Italico di Roma, notizia quest'ultima che deluderà, e non poco, i tifosi italiani che ogni anno affollano il fantastico impianto capitolino per ammirarlo dal vivo.

A giugno, Federer aggiunge un torneo su erba. Ad Halle si affianca infatti Stoccarda che dallo scorso anno ha abbandonato la terra battuta per il verde. Wimbledon precede un mese ricchissimo, tra fine luglio e inizio settembre, con il Masters di Toronto, le Olimpiadi di Rio de Janeiro (nelle quale giocherà anche il doppio misto con la Hingis), il Masters di Cincinnati e lo Us Open. In autunno, Federer volerà in Cina per il Masters di Shanghai cui seguirà l'impegno casalingo a Basilea. A novembre c'è Parigi Bercy che precede l'eventuale partecipazione alle Atp Finals di Londra.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail