Sci di fondo, Federico Pellegrino trova il poker nella Sprint di Planica

L'azzurro si conferma re dello sprint e punta dritto alla Coppa di specialità.

Federico Pellegrino ha vinto a Planica

E poker fu! Federico Pellegrino è riuscito nell'impresa di vincere la sua quarta sprint a tecnica libera consecutiva e ormai la Coppa di specialità è vicinissima. L'azzurro si è imposto stamattina a Planica, in Slovenia, sbaragliando ancora una volta gli avversari e ottenendo quel settimo successo in carriera che gli permette di essere il più vincente di sempre, perché vale il sorpasso su Pietro Piller Cottrer con cui era appaiato finora a sei vittorie.

Gia a metà percorso Pellegrino era pienamente padrone della gara e non ha avuto difficoltà a concludere in testa con una delle sue progressioni che gli ha anche permesso di non sforzarsi per una volata finale.

I francesi sono rimasti alle sue spalle: sul podio sono saliti Baptiste Gros e Richard Jouve, che per la prima volta in carriera conclude una gara tra i primi tre, mentre Renaud Jay si è dovuto accontentare della medaglia di legno.

In finale Pellegrino è stato l'unico azzurro presente, Simone Urbani, invece, non è riuscito a qualificarsi alle semifinali: è arrivato terzo in batteria, ma non è stato ripescato come lucky loser e il suo piazzamento finale è il 13° posto, 55° Maicol Rastelli, 59° Dietmar Noeckler.

Per quanto riguarda la gara femminile, la vittoria è andata alla svedese Stina Nilsson che ha battuto le norvegesi Astrid Uhrenholdt Jacobsen e Heidi Weng, che sono salite sul podio con lei. Norvegese anche la terza, Ingvild Flugstad Oestberg, la grande delusa del Tour de Ski.
Molto bene l'azzurra Gaia Vuerich che ha chiuso al 6° posto. Greta Laurent è rimasta fuori dalle semifinali e alla fine si è piazzata al 17° posto.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail