Giro d’Italia 2016, 11a tappa Modena-Asolo: vince Diego Ulissi. Jungels ancora in Rosa

Diego Ulissi ha vinto l’undicesima tappa da Modena ad Asolo davanti ad Andrey Amador e Bob Jungels.

Diego Ulissi vince ad Asolo

Stupendo bis di Diego Ulissi che ha conquistato oggi la sua seconda tappa a questo Giro d'Italia 2016, dopo Praia a Mare eccolo tagliare per primo anche il traguardo di Asolo. Il corridore della Lampre-Merida è stato bravissimo a portarsi sui due uomini al comando negli ultimi 5 km e poi li ha bruciati allo sprint finale a tre. Molto bravo però anche la Maglia Rosa Bob Jungels dell'Etixx-Quick Step, che è riuscito a guadagnare secondi su tutti gli inseguitori, eccetto Andrey Amador della Movistar che è stato sempre alla sua ruota per tutta la durata dell'attacco conclusivo e alla fine si è piazzato al secondo posto dietro Ulissi ottenendo così 2" in più di abbuono rispetto a Jungels, terzo.

Giacomo Nizzolo della Trek-Segafredo si è aggiudicato lo sprint del gruppo e si piazzato al quarto posto davanti ad altri quattro italiani. Ulissi ha coronato al meglio il grandissimo lavoro fatto dalla sua squadra per tutta la durata della tappa.
Da registrare oggi il ritiro della prima Maglia Rosa di questo Giro, Tom Dumoulin del Team Giant-Alpecin per problemi al soprasella.

Questo l'ordine di arrivo:
ordine-di-arrivo.png

Le classifiche di tutte le Maglie:
Classifica Generale della Maglia Rosa
Classifica a punti della Maglia Rossa
Classifica Giovani della Maglia Bianca
Classifica Scalatori della Maglia Azzurra

Il racconto della tappa Modena-Asolo


  • 16:46

    E VINCE DIEGO ULISSI!!! BIS PER LUI IN QUESTO GIRO 2016.

  • 16:46

    Parte lo sprint, Ulissi davanti a tutti.

  • 16:45

    Ultimo chilometro!

  • 16:43

    Jungels, Amador e Ulissi hanno 10" di vantaggio quando mancano 3 km.

  • 16:43

    In discesa Nibali sta provando ad allungare dal gruppetto di inseguitori per raggiungere i tre al comando.

  • 16:42

    Stiamo per entrare negli ultimi 3 km.

  • 16:42

    Il gruppetto di Pozzovivo ha un ritardo di 1' 24".

  • 16:41

    Diego Ulissi si porta sulla coppia al comando Jungels-Amador.

  • 16:39

    Dal gruppo di inseguitori prova a evadere Diego Ulissi della Lampre-Merida. Betancur prova a seguirlo, ma non ce la fa.

  • 16:39

    5 km al traguardo e la strada torna a salire. Jungels prova a rilanciare l'azione.

  • 16:38

    Il distacco oscilla tra i 9" e 12".

  • 16:36

    Siamo a 8,5 km dall'arrivo di Asolo e il distacco di Jungels e Amador rispetto ai primi inseguitori è di 11".

  • 16:35

    La coppia al comando ha 10" di vantaggio rispetto agli inseguitori.

  • 16:32

    Ricordiamo che Jungels e Amador ora sono primo e secondo nella classifica generale.

  • 16:32

    Siamo a 11 km dal traguardo.

  • 16:30

    Amador e Jungels hanno guadagnato qualche metro sugli altri, solo Steven Jruijswijk della LottoNL-Jumbo si è lanciato all'inseguimento.

  • 16:30

    Attacca Amador della Movistar, ma subito contrattacca la Maglia Rosa Bob Jungels!

  • 16:29

    Ripresi Nibali, Valverde e Chaves.

  • 16:28

    Il gruppetto Maglia Rosa sta rientrando sui primi tre.

  • 16:28

    Finalmente Chaves e Valverde decidono di collaborare. Se arrivano così al finale sarebbe lo spagnolo il favorito.

  • 16:27

    Mancano meno di 15 km al traguardo e Nibali prova ad andare a tutta, ma non ottiene collaborazione dai compagni di fuga.

  • 16:26

    Nibali sta chiedendo insistentemente il cambio a Valverde che sembra non avere intenzione di darglielo.

  • 16:25

    Siamo a 17 km dal traguardo. Si è creato un buco nel gruppetto di testa. A ruota di Nibali sono rimasti solo Valverde e Chaves.

  • 16:25

    Nibali si è messo in prima posizione in discesa, per disegnare le traiettorie, visto che in questo è più bravo degli altri.

  • 16:23

    Comincia la discesa. Il gruppetto Maglia Rosa che è al comando comprende tutti i principali uomini di classifica.

  • 16:22

    Mancano 20 km e la fuga è stata completamente annullata. Nel gruppetto di testa ci sono gli uomini di classifica.

  • 16:21

    Ormai anche Vegard Stake Laengen sta per essere ripreso.

  • 16:20

    Betancur ha ripreso anche Vorobyev.

  • 16:20

    Ripreso ora Liam Bertazzo da Carlos Betancur della Movistar, intanto attaccano gli aspiranti alla Maglia Azzurra.

  • 16:18

    Incredibile lavoro di Conti che ha ridotto ormai il distacco a soli 22".

  • 16:18

    Ormai il vantaggio sul gruppo della Maglia Rosa guidato da Valerio Conti della Lampre-Merida è di soli 32".

  • 16:15

    Vegard Stake Laengen ha guadagnato parecchi metri di vantaggio.

  • 16:15

    Vegard Stake Laengen sta attaccando lasciando indietro gli altri due battistrada di qualche metro. Siamo sulla salita Forcella Mostaccin.

  • 16:12

    22 km al traguardo e solo 57" di vantaggio per i battistrada sul gruppo della Maglia Rosa. Il plotone, a causa della caduta di cui vi abbiamo raccontato, si è diviso in più tronconi e il gruppetto di Pozzovivo ha un ritardo di 2' 12".

  • 16:09

    Ora il distacco è di 1' 55" quando mancano 25 km al traguardo.

  • 16:08

    Non sembrano esserci stati particolari danni in seguito alla caduta, forse l'unico che si è fatto male è Petrov della Tinkoff, è quello rimasto fermo più a lungo e si tocca la clavicola.

  • 16:05

    Caduta di gruppo! Alcuni corridori sono andati addirittura a finire nel fossato. Moltissimi gli atleti coinvolti, tra i quali anche Domenico Pozzovivo dell'AG2R La Mondiale. Ci sono anche alcuni uomini Astana tra i quali Michele Scarponi, Valerio Agnoli e Jakob Fuglsang, non c'è invece Vincenzo Nibali.

  • 16:01

    E ora il gap scende sotto i tre minuti: è di 2' 42" quando mancano 31 km.

  • 15:55

    In testa al gruppo la Lampre-Merida sta facendo un lavoro durissimo e c'è una grande collaborazione anche con gli uomini della Trek-Segafredo.

  • 15:55

    Siamo a 36 km dall'arrivo e il fuggitivi hanno un vantaggio di 3' 17".

  • 15:48

    Non varia di molto il distacco, quando siamo a 41 km dal termine è di 3' 45".

  • 15:32

    Siamo a 53 km dal termine e il gap è ora di 3' 32".

  • 15:23

    Vorobyev ha transitato per primo anche allo sprint intermedio di Villa Del Conte. Ora il distacco del gruppo è di 3' 24" quando mancano 59,5 km.

  • 15:19

    Tra 3 km c'è il secondo traguardo volante, quello di Villa Del Conte.

  • 15:13

    3' 42" è il ritardo del gruppo quando siamo a 67 km dal traguardo. Ora in testa al plotone si fa vedere anche la Gazprom-RusVelo.

  • 14:58

    Vorobyev ha transitato per primo al traguardo volante di Grisignano di Zocco. Lo sprint del gruppo per il quarto posto se lo è aggiudicato Arnaud Démare della FDJ.

  • 14:56

    Siamo a 80 km dal termine e il distacco è sceso sotto i 5'.

  • 14:37

    Il vantaggio dei tre battistrada è sceso ora a 7' 30".

  • 14:31

    In testa al gruppo si fanno vedere soprattutto la Trek-Segafredo di Giacomo Nizzolo e la Lampre-Merida di Sacha Modolo.

  • 14:19

    Ora il distacco è tornato a scendere ed è di circa 9' 20".

  • 14:05

    Intanto arriva la notizia del ritiro della ex Maglia Rosa Tom Dumoulin del Team Giant-Alpecin.

  • 13:58

    Il gap sale addirittura a 10’ 45”.

  • 13:35

    Il vantaggio dei battistrada sale a 8’.

  • 13:10

    Si forma un nuovo trio al comando composto da Liam Bertazzo (Wilier Triestina - Southeast), Vegard Stake Laengen (IAM) e Anton Vorobyev (Katusha).

  • 12:40

    La fuga è stata annullata dal gruppo.

  • 12:00

    Si è formato un gruppetto di nove uomini: Giacomo Berlato (Nippo-Vini Fantini), Manuel Quinziato (BMC), Moreno Moser (Cannondale), Manuele Boaro (Tinkoff), Filippo Pozzato ed Eugert Zhupa (Wilier Triestina - Southeast), Leigh Howard e Roger Kluge (IAM) e Anton Vorobyev (Katusha).

  • 11:55

    Finito il trasferimento, subito dopo il via sono partiti i primi attacchi in testa al gruppo.

Giro d’Italia 2016 | 11a tappa | Live Modena-Asolo


Tappa 11 Giro 2016 diretta Modena-Asolo

Il Giro d’Italia 2016 giunge oggi alla sua undicesima tappa da Modena ad Asolo e noi la seguiremo in diretta su questa pagina di Blogo fino all’arrivo, per scoprire se Bob Jungels riuscirà a difendere la Maglia Rosa e se André Greipel arricchirà il suo bottino di punti per la Maglia Rossa.

La frazione odierna non è particolarmente complicata dal punto di vista altimetrico, ma è molto lunga, di ben 227 km e l’unico gran premio della montagna, di quarta categoria, arriva quando i corridori hanno già nelle gambe 207,7 km, a 20 km dal traguardo. Stiamo parlando della salita di Forcella Mostaccin, che è lunga quasi 3 km e ha una pendenza massima del 16%.

Dopo il gpm c’è una discesa piuttosto impegnativa e percorrendola si arriva alle colline di Monfumo e Castelcucco. A questo punto c’è una serie di sali e scendi fino alla saltella finale di Asolo, di 1 km di lunghezza e con pendenza media del 7%. Questa breve ascesa porta i corridori nel centro storico attraverso una porta medievale e un tratto in pavé, poi una rapida discesa su una strada larga ed ecco l’ultimo chilometro caratterizzato da una curva a -900 m e poi un rettilineo su strada asfaltata larga 7,5 metri.

Finora il Giro è arrivato ad Asolo una volta sola, nel 2010, e vinse Vincenzo Nibali. Difficile che oggi il capitano dell’Astana possa ripetere quella impresa, il percorso si adatta ai finisse e soprattutto i veneti vorranno mettersi in evidenza, probabilmente già entrando nella fuga di giornata. Con questo percorso così piatto nella prima parte e un po’ frastagliato nel finale si rischia una fuga “bidone”. Insomma, anche una tappa apparentemente così semplice dal punto di vista altimetrico potrebbe riservare delle sorprese. Come è noto al Giro d’Italia tutto è possibile e non è da dare per scontato un arrivo in volata.

L’Etixx-Quick Step in ogni caso non dovrebbe avere difficoltà a difendere la Maglia Rosa che ieri ha cambiato padrone ma non squadra: Bob Jungels è il terzo corridore della squadra guidata da Davide Bramati che indossa il simbolo del primato in questo Giro dopo Marcel Kittel, che ha vinto due tappe e l’ha indossata dopo il secondo trionfo (ma si è ritirato prima della cronometro di domenica) e Gianluca Brambilla, che l’ha conquistata con una stupenda vittoria di tappa sabato scorso.

Giro d’Italia 2016: altimetria e planimetria dell’11 a tappa Modena-Asolo

  • shares
  • Mail