Clamoroso alla Vuelta 2016: in 91 arrivano fuori tempo massimo, ma la giuria li salva!

Hanno tardato 53’ 48” rispetto al vincitore Gianluca Brambilla, quasi 25 minuti in più dl consentito.

La strepitosa tappa di oggi alla Vuelta 2016, la quindicesima da Sabiñánigo a Sallent de Gállego/Aramón Formigal, non solo è stata avvincente dal primo all’ultimo metro, ma ha anche avuto una “coda” assurda.

Infatti, nonostante con i suoi 118,5 km sia stata la più corta di tutta e sia durata, per il vincitore Gianluca Brambilla dell’Etixx-Quick Step, poco meno di tre ore, è stata caratterizzata da un ritmo indiavolato a causa degli attacchi della Maglia Rossa Nairo Quintana della Movistar e di Alberto Contador della Tinkoff, che avevano intenzione di distanziare quanto più possibile Chris Froome del Team Sky, soprattutto in vista della cronometro (la diciannovesima tappa) in cui il britannico è il favorito.

Quel ritmo devastante, però, ha tagliato fuori moltissimi corridori, tanto che ben 91, ossia tutti quelli che facevano parte del terzo troncone in cui si è diviso il gruppo fin dai primissimi chilometri, sono arrivati fuori tempo massimo, con un ritardo di ben 53’ 48” rispetto a Brambilla, vale a dire quasi 25 minuti in più del consentito, visto che il tempo massimo (in questo caso di 31’ 24”) si calcola in percentuale sul tempo del vincitore in base alla lunghezza della tappa, ma quella odierna era troppo corta per consentire un ritardo di quasi un’ora.

Tra quei 91 corridori c’era tutto il Team Sky a eccezione di Chris Froome, tutta la Bora Argon18 e tutta la Direct Energie. La giuria, però, ha deciso di chiudere un occhio e riammetterli tutti per restare con soli 71 corridori e ancora una settimana di Vuelta da disputare.

Ovviamente questa decisione scatenerà non poche polemiche, vedremo che cosa succederà nelle prossime ore.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO