Vuelta 2016: Fabio Felline è la Maglia Verde. Sua la classifica a punti

Vuelta da incorniciare per l’italiano della Trek-Segafredo.

Fabio Felline Maglia Verde Vuelta 2016

Una Vuelta da 10 per Fabio Felline. Manca la lode soltanto perché non è arrivata la soddisfazione di conquistare una tappa, ma indubbiamente il corridore della Trek-Segafredo l’avrebbe meritata per quello che ha fatto dal primo all’ultimo giorno di questo grande giro.

Felline è stato il più costante perché è stato protagonista sia nelle tappe di pianura sia in quelle di montagna. Spesso in fuga, ha collezionato ben quattro terzi posti e un secondo posto: è stato terzo nella sesta tappa vinta da Simon Yates dell’Orica-BikeExchange, nella dodicesima vinta da un altro corridore della squadra australiana, Jens Keukeleire, nella quindicesima che ha visto il trionfo di Gianluca Brambilla dell’Etixx-Quick Step e infine nella ventesima tappa vinta da Pierre Latour dell’AG2R La Mondiale. Il secondo posto è arrivato in volata nella quinta tappa alle spalle di Gianni Meersman dell’Etixx-Quick Step.

Un cammino impressionante, dunque, per giovane piemontese, bravissimo su tutti i terreni. La Maglia Verde l’ha conquistata solo nella penultima giornata, dopo che per ben dieci tappe consecutive l’aveva indossata Alejandro Valverde della Movistar. Il campione spagnolo nell’ultima tappa non ha partecipato alla lotta per la vittoria di giornata, né per la Maglia ed evidentemente ha avvisato anche Felline, visto che i due sono arrivati al traguardo con tranquillità. Oltre a Valverde, in questa Vuelta la Maglia Verde è stata indossata da Gianni Meersman dopo la seconda tappa e poi di nuovo dopo la quinta e fino alla nona, mentre dopo la terza tappa l’ha indossata Alexandre Geniez della FDJ.

A Felline, davvero, è mancata solo una vittoria di tappa, che sarebbe stata la ciliegina, ma la torta è già ottima così, soprattutto se pensiamo che meno di cinque mesi fa aveva il volto sfigurato dopo la caduta nell’Amstel Gold Race.

Ecco come era Felline ad aprile:

Dopo la premiazione Fabio Felline ha commentato:

“Questa Maglia è il giusto premio per quello che ho fatto in questa Vuelta, per me vale quanto una vittoria, perché quando hai cinque podi e sei sempre lì davanti, questa Maglai vale come riconoscimento per la continuità. La caduta ad aprile ha cambiato la mia mentalità: prima di quella caduta mi ponevo dei limiti e se ero stanco mi staccavo. Dopo la caduta ho capito che l’uomo si pone dei limiti che sono solo mentali e non fisici”

Queste le prime posizioni della classifica a punti finale della Vuelta 2016:
Classifica a punti Vuelta di Spagna 2016

  • shares
  • +1
  • Mail