Daniele Garozzo derubato sul treno: gli hanno preso l’oro olimpico!

L’olimpionico si è addormentato sul treno e si è ritrovato derubato della sua preziosa medaglia.

Davvero una bruttissima disavventura per Daniele Garozzo mentre era sul treno che lo portava a Torino, dove era diretto per consegnare il giubbotto con cui ha vinto l’oro alle Olimpiadi di Rio 2016 nella sua specialità, il fioretto. Si tratta di un giubbotto che sarà esposto allo Juventus Stadium. Con sé, però, Garozzo aveva anche la medaglia d’oro vinta ai Giochi lo scorso 7 agosto.

Mentre viaggiava, come capita un po’ a tutti, Garozzo si è appisolato per circa un’ora. Il risveglio però è stato bruttissimo: quando ha riaperto gli occhi si è accorto che il suo zainetto era semiaperto e quando ha frugato dentro per controllare se mancasse qualcosa ha dovuto constatare con amarezza che gli avevano rubato proprio la preziosissima medaglia d’oro.

Garozzo ha immediatamente sporto denuncia alla polizia ferroviaria e ha detto:

“Spero di ritrovare la medaglia, non tanto per il valore commerciale, quanto per il valore affettivo. La vorrei mostrare a un mio figlio, in futuro. Spero che me la restituiscano”

Indubbiamente il valore simbolico della medaglia supera di gran lunga qualsiasi tipo di valore materiale, è qualcosa di insostituibile, per questo Garozzo spera che i ladri si mettano una mano sulla coscienza e ascoltino il suo appello riconsegnandogliela.

Tra l’altro l’oro di Garozzo era stato votato dai lettori della Gazzetta dello Sport come il più bello tra le medaglie conquistate dagli azzurri a Rio 2016 e per questo lo schermidore ha ottenuto il primo premio tra quelli messi in palio dalla Fondazione Giovanni Agnelli. Ma dei 150mila euro vinti non ha tenuto per sé neanche un centesimo, perché ne ha consegnati metà a Medici Senza Frontiere (lui stesso sta studiando per diventare medico) e metà all’associazione siciliana Tenda di Cristo, che aiuta le ragazze madri e i loro figli. Evidentemente il karma proprio non esiste…

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail