"Ultra Running" di Ian Corless: viaggio tra le corse più suggestive al mondo

L’ultra running è quella disciplina che porta gli atleti verso i limiti delle proprie capacità fisiche e mentali, attraverso alcuni degli itinerari e dei luoghi più suggestivi al mondo. Lo sa bene Ian Corless, che ha praticamente attraversato il globo in lungo e in largo, documentando in foto tutte le bellezze oltre che le difficoltà dei tracciati di ultra running più importanti al mondo.

Il tutto è stato raccolto in un libro dal titolo per l’appunto “Ultra Running” e che punta molto sulle immagini catturate da Corless cariche del pathos delle competizioni. Dal Grand Canyon alle vette innevate delle Dolomiti, passando attraverso tante altre ambientazioni suggestive, il libro è corredato anche di interviste realizzate agli atleti leggendari di questa disciplina. Le parole di Kilian Jornet, Emelie Forsberg e Anton Krupicka, tra gli altri, aiutano a comprendere cosa significhi correre attraverso scenari proibitivi, a grandi altitudini, dove spesso è richiesto di andare oltre i propri limiti psico-fisici.

Non mancano un corredo di mappe, altimetrie e dati tecnici, che forniscono i dettagli sulle gare alle quali Corless ha partecipato. Il volume, edito da Rizzoli, può rappresentare un’importante fonte di ispirazione sia per chi è già un cultore della disciplina, sia per chi se ne sta avvicinando solo ora.

Chi è Ian Corless

L’autore del libro, Ian Corless, ha avuto un passato nel ciclismo e nel triathlon, ma ha anche rappresentato la sua nazione, la Gran Bretagna, ai campionati mondiali di duathlon. Appassionato di ultra running oltre che di fotografia, viaggia, corre, racconta da ogni parte del mondo tramite alcuni podcast facilmente reperibili in Rete.

ultra running

  • shares
  • Mail