Rugby, Italia-All Blacks in diretta tv e streaming alle ore 15

Il test match trasmesso su DMAX, collegamento dalle 14:15.

La nazionale italiana di rugby scende oggi in campo per il suo primo impegno nei Crédit Agricole Cariparma Test Match contro la Nuova Zelanda, o meglio, contro i celeberrimi All Blacks. La partita va in scena allo Stadio Olimpico di Roma, ma chi non ha la possibilità di vederlo dal vivo può seguirlo in diretta tv su DMAX, canale 52, e in streaming su Dplay

Il fischio d’inizio è fissato alle ore 15, ma già dalle 14:15 cominceranno i collegamenti dallo Stadio Olimpico. La telecronaca è affidata come sempre a Vittorio Munari e Antonio Raimondo, mentre per il commento prima, dopo e nella pausa tra primo e secondo tempo, ci sono Daniele Piervincenzi con Paul Griffen e Mauro Bergamasco. Nel pre-partita sarà trasmessa un’intervista al neo allenatore degli azzurri Conor O’Shea. Inoltre, sono attese incursioni di Chef Rubio, il cuoco appassionato di rugby, che a Natale sarà protagonista del film tv, sempre per DMAX, “Unto e Bisunto - La vera storia di Chef Rubio”.

Gli All Blacks sono reduci dalla sconfitta contro l’Irlanda una settima fa, ma sono ovviamente molto ottimisti per l’incontro con l’Italia, che per quanto giochi in casa è nettamente sfavorita per il match di oggi e l’unica cosa che può fare è cercare di dare una buona impressione e fare una bella figura, al di là del risultato.

Il capitano degli azzurri Sergio Parisse festeggia oggi la sua 120esima presenza (più di tutti nella storia del rugby italiano) con la maglia della nazionale e si è detto molto fiducioso nel nuovo corso con O’Shea:

“Il primo approccio sul campo con O'Shea e il suo staff è stato molto incoraggiante. Sono rimasto impressionato positivamente dal modo di lavorare e dell'organizzazione. Ho 33 anni e ho visto tanti allenatori lavorare, mai con questo approccio e sono molto molto fiducioso sul cammino iniziato. Abbiamo lavorato in modo del tutto diverso rispetto a quanto eravamo abituati negli ultimi 4 anni. Tatticamente, nella strategia, nella preparazione della partita, nello studio dell'avversario, nel pianificare il nostro gioco, nel preparare il match: è cambiato tutto. E sono molto molto fiducioso sul nostro futuro: siamo molto più coinvolti nelle riunioni. Questa Italia è fatta di giocatori che avvertono tutto l'orgoglio e la responsabilità di vestire questa maglia”

Gli All Blacks oggi possono permettersi di scendere in campo con le loro seconde linee, ma Parisse commenta:

“Mah, loro hanno talmente tanti giocatori di grandissima qualità da garantire, al di là dei giocatori in campo, prestazioni eccezionali. Perché hanno l'umiltà. Perché rispettano gli avversari. Sempre. Hanno dimostrato a Chicago che sono umani e che possono perdere le partite se incontrano grandi avversarie, come l'Irlanda sette giorni fa”

Il capitano azzurro ha le idee chiare su come deve giocare oggi l’Italia:

“Noi dovremo essere aggressivi in difesa, dovremo fare la guerra nei punti d'incontro, dovremo rallentarli al gioco con buoni placcaggi e una difesa intensa. Pensiamo solo a noi e alla nostra prestazione, certo non possiamo pensare a quel che farà la Nuova Zelanda, abbiamo molto da pensare a casa nostra”

L’Italia tornerà in campo il 19 novembre contro il Sudafrica e il 26 novembre contro Tonga.

  • shares
  • Mail