Salite da scoprire: il Colle del Crò

A pochi chilometri da Pinerolo una salita con un epilogo per scalatori veri

Il Colle del Crò è una salita per intenditori situata a una quindicina di chilometri da Pinerolo, in provincia di Torino. Inedita per il Giro d’Italia e per le principali gare del calendario professionistico nazionale, è meta dei ciclisti del pinerolese che si arrampicano sui suoi impegnativi tornanti soprattutto in mountain bike.

Salite.ch, il sito di riferimento per gli appassionati di grandi salite, fa partire la misurazione proprio da Pinerolo, precisamente dal bivio nel quale si imbocca la strada che porta in Val Lemina.

Per i primi tre chilometri, fino a quando non ci si mette alle spalle San Pietro Val Lemina, la pendenza oscilla fra il 2 e il 2,8% di pendenza media. Successivamente le pendenze si accentuano rimanendo comunque al di sotto del 7% nei primi sei chilometri.

La strada costeggia il torrente Lemina e si addentra in mezzo a una vegetazione che, specialmente nella stagione estiva, regala ai ciclisti un po’ di refrigerio.

Dal sesto all’ottavo km della salita si inizia a fare sul serio con una pendenza media dell’8% e tratti che per la prima volta superano il 10%. Giunti a Talucco (758 metri) mancano 3,25 km al termine della salita del Colle del Crò, la cui vetta è situata a quota 1162 metri.

In questo ultimo tratto di strada il dislivello è di 404 metri per una pendenza media del 12,4%. Se all’uscita di Talucco le pendenze oscillano fra il 9 e il 10%, una volta curvato a sinistra al bivio che conduce, nell’altra soluzione, al Colle Ciardonet, comincia il tratto più impegnativo con pendenze costantemente superiori all’11% e un tratto lungo 250 metri al 16% di pendenza media.

L’ideale è salire in settimana e non alla domenica quando la congestione delle auto può costringere i ciclisti a mettere piede a terra.

Giunti in vetta la soddisfazione è tanta, specialmente se si è riusciti a salire con la compatta della nostra bici da corsa. Se si è sprovvisti di rifornimenti ci si può rifocillare alla Locanda del Crò. Le mountain bike comunque sono le bici preferite di chi sale verso il Crò: durante la nostra scalata dello scorso settembre la proporzione di ruote grasse rispetto alle specialissime era – spannometricamente – di 5 a 1.

La salita misura complessivamente 11,25 km e ha una pendenza media del 7% che può risultare ingannevole visto lo squilibrio fra la prima parte da “padellone” e l’ultima per “camosci”.

Foto e video di Davide Mazzocco

  • shares
  • Mail