NBA, i club boicottano gli hotel di Donald Trump

I club manifestano il dissenso verso la sua elezione alla Casa Bianca.

Una gran parte dei club e dei giocatori dell’NBA alle recenti elezioni presidenziali negli Stati Uniti tifavano per Hillary Clinton. Basti pensare alla partecipazione di LeBron James, icona del basket americano (e dunque mondiale), e J.R. Smith che hanno partecipato al comizio che la candidata dei Democratici ha tenuto a Cleveland, in Ohio, sostenendola apertamente e incoraggiando i cittadini a votarla. Tanto più che l’Ohio è sempre uno degli Stati più importanti per il suo numero di grandi elettori.

Ebbene, ora che Hillary è stata sconfitta, molti club non salgono affatto sul carro del vincitore Donald Trump, anzi, lo boicottano apertamente. Secondo quanto riportato da ESPN, infatti, Milwaukee, Memphis e Dallas hanno già annullato le prenotazioni negli hotel di New York e Chicago che portano il nome del nuovo Presidente degli Stati Uniti, un’altra squadra, rimasta anonima, non ha rinnovato l’accordo con le strutture ricettive a lui riconducibili, contratti che scadono alla fine della stagione in corso. Poi ci sono altre 7 squadre che per ora restano negli hotel di Trump, ma anch’esse non è detto che poi rinnovino.

Tra i personaggi dell’NBA il più vicino a Trump è Mark Cuban, proprietario di Dallas, che fino a qualche mese fa era in lista per fargli da vice-presidente. E invece ora proprio la sua squadra è una delle prime a interrompere ogni rapporto con gli hotel di Trump. E tanti sono coloro che hanno apertamente manifestato la loro delusione all’indomani del risultato elettorale, dallo stesso LeBron a J.R. Smith, che sono stato pubblicamente coinvolti nella campagna di Hillary Clinton (come potete vedere nella fotogallery), da Kerr a Popovich. Ora siamo molto curiosi di vedere quale club vincerà il titolo e che cosa farà quando Trump inviterà dirigenti e giocatori della squadra campione alla Casa Bianca come è tradizione ormai consolidata.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail