Nuovo stadio della Roma, giunta Raggi: "Parere non è positivo"

Nuovo Stadio della Roma, la frenata dopo l’entusiasmo. L’incontro dei giorni scorsi tra esponenti dell’amministrazione comunale capitolina e i dirigenti giallorossi aveva lasciato assai entusiasti un po’ tutti. Oggi, però, è arrivata una brusca frenata, sia da parte di Paolo Berdini, assessore comunale all’Urbanistica, sia da parte della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio che ha inviato in Regione un parere negativo sul progetto, sia in merito alle procedure seguite, sia sulla scelta dell’area nella quale sorgerà l’impianto. Insomma, la strada è ancora in salita e la casa della Roma non è ancora certo che si faccia.

Paolo Berdini, assessore della giunta Raggi in Conferenza dei Servizi regionali, ci è andato giù assai duro sul progetto che dovrebbe portare nel giro di qualche anno alla realizzazione dello stadio giallorosso nella zona di Tor di Valle. Ecco le sue parole:

"È un progetto che non reputo positivo - dice - e che nelle casse del Comune non porterà benefici. Io sono contro il degrado dell'area di Tor di Valle, ma avere uno stadio che costa 200 milioni di soldi pubblici non va bene. Questo gioco di pagare opere pubbliche con volumetrie finisce per sempre".

Sorprende anche il parere della Soprintendenza, che due anni fa ha partecipato alla conferenza preliminare senza fare alcun tipo di appunto. La Roma, dal canto proprio, non replica e rimane ottimista, anche perché il parere della Soprintendenza non è vincolante e i rilievi effettuati non sarebbero gravi. Ecco il testo del documento inviato alla Regione Lazio lo scorso 25 ottobre:

"I documenti non sono accompagnati da alcuna istruttoria dell’Ente proponente e dell’Ente competente né da un elenco che permetta di verificare la completezza e l’univocità della documentazione. E quindi si richiede l’indicazione di tutti i procedimenti coinvolti con la relativa tempistica. Si ritiene che la relazione paesaggistica non sia stata affatto formulata ai sensi delle norme vigenti, che manchino una serie di elaborati fra i quali delle fotosimulazioni dell’area di Tor di Valle prese dai vari punti di vista notevoli della città come le terrazze del Gianicolo, il parco degli Aranci, il Vittoriano. Infine, sono state individuate come criticità della proposta la presenza di edifici di notevole altezza oltre che di opere infrastrutturali che vanno ad interferire con i beni monumentali e paesaggistici".

Ora rimane da capire se l’assessore Berdini abbia tutto l’appoggio dell’amministrazione Raggi o se abbia fatto solo delle considerazioni personali.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail