ATP Finals 2016: la finale è Murray-Djokovic. Sarà lotta per il numero 1

Match combattutissimo tra Murray e Raonic in semifinale, a senso unico, invece, quello di Djokovic contro Nishikori.

Ore 22:41 - Novak Djokovic raggiunge Andy Murray in finale dell'ATP Finals 2016 a Londra. Senza storia la semifinale del serbo contro Kei Nishikori che ha battuto con un nettissimo 6-1, 6-1, lasciandogli solo un break nel primo set (quinto game) e un turno in battuta nel secondo set (di nuovo il quinto game). Per il resto dominio totale di Djokovic che dunque domani gioca non solo per il sesto titolo consecutivo, ma anche per tornare numero 1.

Djokovic b. Nishikori 6-1, 6-1

Ore 18:55 - È stata una semifinale incredibilmente combattuta quella tra il numero 1 del mondo Andy Murray e il numero 4 Milos Raonic. Due set su tre si sono conclusi al tie-break e la seconda volta, visto che era quello decisivo per l’accesso alla finale, i due sono andati avanti a oltranza. Alla fine l’ha spuntata, davvero per poco, Murray, conquistando il tie-break 11-9!

Il risultato finale a favore dello scozzese è di 5-7, 7-6(5), 7-6(9)

Nel primo set i due giocatori hanno tenuto il servizio per i primi dieci game. Nel quinti Raonic ha avuto una palla-break, ma Murray la annullata. Nel nono il canadese ne ha avute addirittura tre, ma anche in questo caso lo scozzese è riuscito a cancellarle tutte. Il decisivo break è arrivato nell’undicesimo game, a favore di Raonic, che ha poi avuto tre palle-set nel suo turno di battuta successivo. Murray è riuscito a passare dallo 0-40 al 30-40, ma all’ultima possibilità Raonic ha chiuso 7-5.

Nel secondo set, invece, Murray ha perso il servizio già al suo secondo turno in battuta, ma ha subito messo a segno il contro-break nel game successivo per il 2-2. Nei game successivi nessuno dei due ha più perso la battuta. Murray ha avuto due palle-break nel sesto game, ma non è riuscito a sfruttarle e ai vantaggi Raonic ha difeso il servizio. Si è così reso necessario il tie-break con Murray che è partito subito bene con un mini-break (2-0), Raonic lo ha recuperato solo sul 5-4 e ha pareggiato sul 5-5, ma ha perso di nuovo la battuta sul 6-5 e così Murray ha potuto chiudere 7-5.

Nel terzo set Raonic ha avuto a sua disposizione una prima palla-break sul 30-40 nel secondo game, per andare sul 2-0, ma non ha sfruttato né quella, né la successiva, ai vantaggi, e Murray ha tenuto il servizio. Nel game successivi ognuno ha tenuto la propria battuta senza nemmeno andare più ai vantaggi fino all’ottavo game. Subito dopo è arrivato il primo break del set a favore di Murray che ha ottenuto tre palle-break e ha lasciato Raonic a zero strappandogli il servizio e portandosi sul 5-4. Il contro-break è stato immediato e il canadese, sfruttando la seconda di due palle-break guadagnate, ha pareggiato sul 5-5. L’undicesimo game è stato quello del terzo break successivo che ha permesso a Murray, ai vantaggi, di portarsi sul 6-5 e andare a servire per il match. Anche questa volta è arrivato subito il contro-break da parte del canadese, di nuovo lasciando Murray a zero. È servito dunque un altro tie-break per decidere: anche qui la lotta è stata strenua e alla fine, dopo che Raonic gli aveva annullato tre match-point e se ne anche procurato uno per sé, Andy Murray è riuscito a chiudere sull’11-9 in suo favore.

Questa sera alle ore 21 italiane comincia la seconda semifinale tra Novak Djokovic e Kei Nishikori.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail