Ventura: "Balotelli? Non è un calciatore da stage"

Giampiero Ventura chiude l'esperienza del suo primo "stage" a Coverciano con il quale ha voluto far assaggiare il clima della nazionale a tanti giovani di prospettiva che si stanno mettendo in mostra nelle loro squadre e che difficilmente potrebbero trovare spazio nelle gare delle qualificazioni ai Mondiali, soprattutto considerando le insidie del girone nel quale la Spagna comanda grazie alla miglior differenza reti.

Inevitabili le domande su Balotelli, non convocato per la stage, ma senza nessuna ragione di particolare ostilità nei confronti del calciatore come spiegato con efficacia del C.t. in conferenza stampa:

Balotelli non è da stage. Stiamo parlando di un giocatore che ha fatto un Mondiale. Con Mario voglio parlare, adesso abbiamo un 'buco' da qui a marzo e avrò tempo per fare un salto in Costa Azzurra per vederlo di persona. Sappiamo quali sono i suoi problemi. Una volta che avrà lavorato su se stesso sarà considerato come tutti gli altri

Insomma, per Balotelli ci saranno altre possibilità, chissà poi cosa ne avrebbe pensato il Nizza in caso di convocazione: è noto che gli allenatori dei club non amano concedere i propri calciatori alle nazionali, soprattutto per gli stage. L'ultimo a lamentarsi è stato Gasperini, ma Ventura respinge la polemica:

Devo essere sincero, sono rimasto un po' sorpreso perché prima di fare questo stage avevo parlato con l'Atalanta e con il tecnico. In questo momento di euforia lo capisco anche, però concordo con quello che ha detto Oriali, l'Atalanta dovrebbe essere orgogliosa di avere tanti giocatori qui in Nazionale. Ciciretti e D'Alessandro sono rimasti a riposo, ma erano arrabbiati, detto fra virgolette, perché ci tenevano a giocare questo pomeriggio.

  • shares
  • Mail