Nainggolan: "Nessun litigio, voglio restare a Roma"

Radja Nainggolan protagonista nella conferenza stampa pre-Viktoria Plzen. Il centrocampista belga, faticosamente trattenuto in estate di fronte alle lusinghiere offerte di molte squadre estere (su tutte il Chelsea di Antonio Conte) è ancora in attesa del rinnovo, con cospicuo adeguamento d'ingaggio, promesso in estate quando Radja ha deciso di sposare il progetto Roma non andando ad inseguire successi altrove come fatto dal suo ex compagno, ed amico, Miralem Pjanic.

Stiamo parlando, io ho mantenuto quello che avevo detto e penso che la società stia cercando di risolvere quello che avevano promesso a me. Quindi abbiamo tempo e spero si risolva. Voglio restare alla Roma.

Insomma, la questione è ancora da definire, ma intanto tiene banco la presunta insubordinazione di Nainggolan durante la partita di Bergamo, persa contro l'Atalanta. Secondo i giornalisti il confronto fra lui, Manolas e il vice di Spalletti Domenichini sarebbe stato ben oltre il consentito. Spalletti aveva parlato di "bugie" rispetto alla ricostruzione dei giornali, ma ascoltando le parole di Nainggolan è evidente che qualcosa sia effettivamente successo, anche se si tratterebbe di una normale dialettica interno allo spogliatoio:

Sono uno che quando è dispiaciuto per il risultato lo mostro a prescindere. Quindi sono uscito un po’ arrabbiato ma non per la sostituzione o per una cosa tattica, era solo che avevo cambiato un ruolo in una zona su palla inattiva e non mi era stato comunicato e basta. Ho solo fatto capire che bisognava dire le cose, sinceramente non è successo niente.

  • shares
  • Mail