Crisi Bayern: Ancelotti e Boateng sul banco degli imputati

Con la sconfitta di Rostov si è aperta una piccola crisi a Monaco di Baviera. La dirigenza del club tedesco non ha digerito il KO sul campo dei russi, figlio anche di un turn over forse un po' esagerato considerate le assenze eccellenti ed anche l'importanza della partita. Il Bayern avrebbe dovuto infatti vincere assolutamente per potersi poi giocare il primo posto nel girone contro l'Atletico Madrid nell'ultima giornata.

La sconfitta in Champions è arrivata dopo quella contro il Borussia Dortmund in campionato, preceduta prima ancora della sosta da un pareggio casalingo contro l'Hoffenheim. Il Bayern non era sicuramente abituato a vivere un momento negativo come questo. Non a caso a fine partita Karl-Heinz Rummenigge ha pubblicamente tirato le orecchie a Jerome Boateng, protagonista in negativo per il rigore causato e per il dribbling subito dallo sconosciuto Azmoun, autore del primo gol del Rostov. Il Bayern sabato prossimo affronterà il Leverkusen e sarà chiamato a rispondere sul campo alle critiche che sono arrivate, ovviamente, anche dalla stampa; solo una bella vittoria potrà riportare un po' di serenità nell'ambiente.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail