Bmc Roadmachine 01, avanguardia con eleganza

Cadel Evans, vincitore del Tour de France 2011 e del Mondiale 2009, è stato uno dei ciclisti più completi del nuovo secolo. Dopo il ritiro, avvenuto all’inizio della stagione 2015, il corridore australiano ha intrapreso il ruolo di ambasciatore del marchio svizzero Bmc.

Nel video di apertura Evans pedala sulla Bmc Roadmachine 01, una bicicletta che l’ex iridato definisce “una categoria a parte” per quattro ragioni: “l’integrazione formale dei vari componenti, il controllo alle alte velocità, la capacità di curvare e la stabilità in frenata”.

Che cos’è che fa la differenza? Innanzitutto l’attacco manubrio originale Integrated Cockpit Stem che è disponibile in 5 lunghezze (90, 100, 110, 120, & 130mm) per consentire all’atleta di trovare la propria posizione ideale in sella.

Altra caratteristica della Roadmachine 01 è il sistema di aggancio della pinza freno della Roadmachine che si basa su di un supporto integrato nella forcella sia come tecnica che come design ed è capace di alloggiare dischi da 140/160 mm. Il nuovo canotto reggisella flessibile a D viene tenuto da un morsetto integrato molto ingegnoso.

La tecnologia Tuned Compliance Concept è stato ulteriormente sviluppata in modo da fornire rigidità o flessibilità a seconda delle situazioni.

Il tutto viene realizzato con la massima cura per l’estetica. La Bmc Roadmachine 01 è una macchina precisa come un orologio svizzero.

  • shares
  • Mail