Colombia, precipita aereo della Chapecoense: 75 morti e 6 sopravvissuti

La squadra avrebbe dovuto viaggiare su volo un charter che non è stato autorizzato dall'aviazione brasiliana

Un aereo British Aerospace Avro RJ85 della compagnia boliviana Lamia è precipitato in Colombia. Il volo è decollato dall'aeroporto di Viru Virtu di Santa Cruz alle 23:18 (ora italiana) di ieri e sarebbe dovuto atterrare alle 03:55 di oggi a Medellín, in Colombia. Sull'aereo viaggiava la squadra della Chapecoense, formazione brasiliana di Serie A, diretta in Colombia per giocare la finale d'andata della Copa Sudamericana contro l'Atletico Nacional. Il bilancio è tragico: 75 feriti e 6 sopravvissuti.

Tra i 6 sopravvissuti ci sono 3 calciatori: Alan Luciano Ruschel, Jacson Ragnar Follmann ed Helio Zampier Neto. Le altre tre persone salvate, estranee al mondo del calcio, sono la hostess Ximena Suarez, il tecnico Erwin Tumiri e il giornalista Rafael Valmorbida. L'aereo dovrebbe essere precipitato per problemi all'impianto elettrico come segnalato dai piloti alla torre di controllo nel loro mayday.

Il destino beffardo - La Chapecoense avrebbe dovuto viaggiare su un altro volo aereo, un charter organizzato dal club proprio per la finale di Copa Sudamericana. Dopo i controlli l'aviazione brasiliana ha però negato l'autorizzazione al decollo del charter, costringendo la squadra a ripiegare sul volo di linea poi precipitato.

  • shares
  • Mail