Giro d’Italia 2017: la Rai a un passo dai diritti tv anche per il 2018

In dirittura d’arrivo un accordo biennale.

Secondo le indiscrezione di Repubblica, il Giro d’Italia resterà sulla Rai per almeno altri due anni. Sarebbe infatti in dirittura d’arrivo un accordo biennale tra Viale Mazzini e RCS, organizzatrice della corsa rosa e ora presieduta da Urbano Cairo, che è anche il proprietario di La7.

Nei mesi scorsi, infatti, si era diffusa la voce secondo cui Cairo sta valutando l’ipotesi di sfruttare il Giro per fare un po’ di audience con la sua tv, che non ha eventi sportivi di rilievo. Si era parlato anche di un’offerta molto ricca da parte di Discovery Italia, che comprende canali come Eurosport, DMax, Nove e RealTime, e che già detiene i diritti per trasmettere il Giro a pagamento. Pare che proprio Discovery si sia ora tirata indietro, lasciando la strada più o meno spianata alla Rai.

“Più o meno” spianata perché, in ogni caso, la Rai sarebbe chiamata a uno sforzo economico maggiore rispetto alle edizioni passate, ma almeno si assicurerebbe il Giro fino al 2018, visto che sul piatto c’è un contratto biennale. Poi dal 2019 in poi RCS alzerebbe ancora di più la posta, nella speranza che nel frattempo il Giro, come auspica Cairo, sia diventato ancora più prestigioso e di richiamo sia per il pubblico, sia per i corridori.

Secondo Repubblica, nelle ultime due riunioni del Consiglio di amministrazione della Rai si sarebbe parlato di trattativa ormai conclusa per i diritti del 2017 e del 2018 a un prezzo un po’ più alto, ma non troppo.

Il Giro 2017 è particolarmente importante perché è la centesima edizione e avrà una serie di iniziative collaterali. Inoltre segna anche il ritorno della corsa rosa al Sud e nelle Isole, a partire proprio dalla Sardegna, da dove prenderà il via il 5 maggio con la tappa dal Alghero a Olbia e vi resterà nei due giorni successivi arrivando a Tortolì e a Cagliari. E poi ci sarà la Sicilia per due giorni, la Calabria, la Puglia e via via su al Nord fino all’arrivo a Milano, in Piazza Duomo, con la cronometro conclusiva del 28 maggio.

Foto © RCS Sport

  • shares
  • +1
  • Mail