ATP Dubai 2017: Murray e Kohlschreiber, tie-break da record

Il tie-break del secondo set è finito 20-18 ed è durato 31 minuti e 6 secondi.

Considerata la entry list, il torneo Dubai Duty Free Tennis Championships sembrava molto meno interessante rispetto a quello di Acapulco che si sta giocando in contemporanea. Invece oggi abbiamo assistito a una partita pazzesca tra il numero 1 al mondo Andy Murray e il numero 29, il tedesco Philipp Kohlschreiber.

Il match è durato quasi tre ore, due ore e 57 minuti per la precisione. Il set più incredibile è stato il secondo. Ma andiamo con ordine. Nel primo parziale la prima palla-break è arrivata ai vantaggi del sesto game a favore di Murray, ma Kohlschreiber è riuscito ad annullarla e ne ha guadagnate due per sé nel nono game, ma anche in questo caso il break non c’è stato. Nessuno ha ceduto il servizio e così si è andati al tie-break, che ha visto il tedesco imporsi 7-4 con tre mini-break contro i due di Murray.

Ed eccoci al secondo, incredibile set. Nel terzo game Murray ha rubato il servizio a Kohlschreiber lasciandolo a 15, ma quando è andato a servire per il set, sul 6-4, il tedesco ha pareggiato i conti, brekkandolo a 15. Nel game successivo Kohlschreiber ha concesso una palla-break ai vantaggi, ma l’ha annullata e così anche questa volta si è andanti al tie-break, ma un tie-break da record! Prima Murray ha avuto quattro set-point, tutti annullati, poi c’è stato un primo match-point per Kohlschreiber, e in alternanza altri due set-point e un altro match point prima che Murray annullasse altri cinque match-point consecutivi guadagnati dal tedesco. Alla fine, dopo che Kohlschreiber ha cancellato il settimo set-point di Murray, il numero 1 è riuscito, finalmente, a infilare l’ottavo e a chiudere con il punteggio di 20-18. Il tie-break è durato 31 minuti e 6 secondi ed è il nuovo record, spodestando quello tra Tsonga e Roddick degli Australian Open del 2007.

Kohlschreiber, che aveva dato veramente tutto nei primi due set, a questo punto si è scaricato e forse ha anche un po’ pagato la mancanza di abitudine a giocare match così ad alta tensione e nel terzo parziale ha ceduto 6-1, con Murray che, dopo aver annullato la prima palla-break del set nel terzo game, ha strappato il servizio all’avversario nel quarto e nel sesto game e poi ha chiuso con un game al servizio a 15.

Murray approda dunque in semifinale contro il vincitore del match tra il francese Lucas Pouille, numero 15 al mondo, e il russo Evgeny Donskoy, numero 116. Nell’altra semifinale si sfideranno lo spagnolo Fernando Verdasco e l’olandese Robin Haase.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail