Giro delle Fiandre 2017: impresa storica di Philippe Gilbert! Sesto Modolo | Video

Il campione del Belgio in fuga da solo per 55 km.

È stato un Giro delle Fiandre spettacolare questo del 2017, vinto dal campione del Belgio in carica, Philippe Gilbert, un vallone, della belga Quick-Step Floors. Belga è anche il secondo classificato, il campione olimpico Greg Van Avermaet, mentre terzo è il compagno di Gilbert, l’olandese Niki Terpstra. Quella di Gilbert è stata una vera e propria impresa destinata a entrare negli annali del ciclismo, perché è stato in fuga da solo per 55 km, dopo che nella prima parte di gara era sempre stato tra i protagonisti, spesso davanti a prendere vento per il capitano Tom Boonen, al suo ultimo Fiandre. Ma se da una parte c’è stata l’epica impresa di Gilbert, dall’altra parte c’è stata la sfortuna di Tom Boonen, che proprio sul Taienberg, dove ha costruito i suoi successi in passato, è stato tradito dalla bici, anche da quella di scorta, e ha perso contatto con i migliori. E poi, più che di sfortuna, nel caso di Peter Sagan si può parlare di stupidità, perché si è avvicinato troppo ai piedini delle transenne nell’ultimo passaggio sul Vecchio Kwaremont e ha trascinato giù con sé Greg Van Avermaet, che però è stato bravissimo a rimettersi subito in piedi, e Oliver Naesen dell’AG2R La Mondiale, che invece è rimasto tagliato fuori come il campione del mondo.

Bravissimi anche gli italiani: Matteo Trentin ha un grande merito nella vittoria di Gilbert, perché ha fatto da stopper per tutto il tempo in cui il suo compagno è stato in fuga. In top-ten troviamo tre nostri connazionali: Sacha Modolo dell’UAE Team Emirates, sesto, Filippo Pozzato dell’unica squadra italiana presente, la Wilier Triestina, ottavo, e Sonny Colbrelli della Bahrain-Merida, decimo. Quest’ultimo ha corso con una scarpa speciale perché ha un piede distrutto da una caduta alla vigilia della corsa.

Questi i primi 10 classificati del Giro delle Fiandre 2017:
1) Philippe Gilbert (Quick-Step Floors) 6h 23’ 45”
2) Greg Van Avermaet (BMC) +28”
3) Niki Terpstra (Quick-Step Floors) +28”
4) Dylan Van Baarle (Cannondale-Drapac) +28”
5) Alexander Kristoff (Team Katusha-Alpecin) +52”
6) Sacha Modolo (UAE Team Emirates) +52”
7) John Degenkolb (Trek-Segafredo) +52”
8) Filippo Pozzato (Wilier-Triestina) +52”
9) Sylvain Chavanel (Direct Energie) +52”
10) Sonny Colbrelli (Bahrain-Merida) +52”

Nella gara femminile vittoria dell'americana Coryn Rivera del Team Sunweb davanti all’australiana Gracie Elvin dell’Orica-Scott e l’olandese Chantal Black della Boels-Dolmans Cycling Team. Sesta la campionessa italiana Elena Cecchini della Canyon SRAM Racing e decima Elisa Longo Borghini della Wiggle High5.

Il racconto del Giro delle Fiandre 2017


  • 17:13

    Al secondo posto si piazza Van Avermaet, al terzo Terpstra, il primo degli italiani è Sacha Modolo, sesto.

  • 17:13

    Gilbert si ferma per tagliare il traguardo con la bici in braccio, intanto aspettiamo i piazzamenti, perché ci saranno sicuramente tanti italiani tra i primi.

  • 17:12

    Philippe Gilbert taglia il traguardo da solo, tra gli applausi del pubblico. Con la sua maglia di campione del Belgio, anche se è un vallone che trionfa nelle Fiandre.

  • 17:10

    Appena ha visto il cartello dei -2 km Gilbert ha rilanciato l'azione.

  • 17:10

    Siamo a 2,2 km dal termine e Gilbert ha 30" di vantaggio sui tre inseguitori.

  • 17:08

    Intanto nell'ammiraglia della Bora-Hansgrohe, dove peraltro dopo la caduta di Sagan sono volate bestemmie in italiano e la regia belga non se ne è accorta, c'è disperazione, perché se Sagan fosse rimasto con Van Avermaet probabilmente si sarebbe avvicinato moltissimo a Gilbert, probabilmente lo avrebbero addirittura ripreso. Ora infatti il campione olimpico ha 33" di ritardo e Van Baarle e Terpstra non stanno collaborando con lui.

  • 17:07

    Per Gilbert mancano 4 km, ma saranno di grande sofferenza.

  • 17:05

    Terpstra ha sbagliato sul Paterberg, dove ha dato un po' troppo manforte a Van Avermaet.

  • 17:05

    Gilbert sta perdendo secondi e sta andando a tutta. Il gruppo di inseguitori è a 36" ora. Toccherebbe a Terpstra, però, far rallentare quel gruppetto.

  • 17:03

    Ultimi 7 km per Gilbert.

  • 17:01

    Siamo a 9 km dal termine per Gilbert che ha 52" di vantaggio sul terzetto Terpstra-Van Avermaet-Van Baarle.

  • 16:58

    Terpstra dà il cambio a Van Avermaet, non sta agendo da stopper nonostante davanti ci sia il suo compagno Gilbert.

  • 16:58

    Terpstra e Van Avermaet hanno raggiunto Van Baarle.

  • 16:57

    Ricordiamo che Gilbert è in fuga da solo da quando mancavano 52 km al traguardo.

  • 16:57

    Gilbert sta chiedendo alla moto quanto vantaggio ha.

  • 16:56

    Ora per Gilbert è tutta pianura. Può involarsi verso il compimento di un'impresa storica.

  • 16:53

    Intanto Gilbert sta affrontando l'ultimo ostacolo, il Paterberg, con 48" su Dylan Van Baarle e 1' 16" di vantaggio sugli altri inseguitori.

  • 16:53

    Sagan si è avvicinato troppo ai piedini della transenna per evitare la parte in pavé, pare anche che la giacca di uno spettatore si sia incastrata nella ruota, ma bisognerebbe rivedere al rallentatore.

  • 16:50

    La colpa per la caduta dovrebbe essere di Sagan, che si è avvicinato troppo al bordo della strada. Il primo a essersi rialzato è stato Van Avermaet, mentre il campione del mondo è rimasto fermo a lungo.

  • 16:48

    Incredibile! Cadono Sagan, Van Avermaet e Naesen!

  • 16:48

    Ultimo passaggio sul Vecchio Kwaremont.

  • 16:47

    Per Gilbert mancano 18 km e ha 57" sui primi inseguitori e 1' 26" sul secondo gruppo.

  • 16:45

    Si è formato un gruppetto con Greipel, Valgren, Modolo e Pozzato che provano a staccarsi dal gruppo.

  • 16:41

    Gilbert si è consultato con l'ammiraglia.

  • 16:41

    Siamo a 22 km dal termine e Gilbert ha sempre un margine di 50" sui primi inseguitori.

  • 16:35

    Gilbert per ora riesce a mantenere il vantaggio di 59" sui primi inseguitori e 1' 27" sul gruppo più consistente.

  • 16:32

    Gilbert, con la sua maglia di campione del Belgio in carica, ha ovviamente tutto il supporto del pubblico.

  • 16:30

    Nel gruppetto inseguitore tirano solo Sagan, Van Avermaet e Naesen, perché Trentin, come detto, fa da stopper, ma anche Felline, che ha il capitano John Degenkolb nel gruppo che è a 1' 24" da Gilbert e in cui ci sono anche Sonny Colbrelli e Sacha Modolo.

  • 16:30

    Gilbert ha 52" di vantaggio sul gruppo di Sagan-Van Avermaet.

  • 16:29

    L'ammiraglia della Bora-Hansgrohe, per fare coraggio a Sagan, gli ha detto che Gilbert non "sembra molto fresco". È in fuga praticamente da 60 km, prima con un gruppetto e poi completamente da solo, quindi di vento ne ha preso, ma non sembra neanche spompato.

  • 16:25

    Trentin, ovviamente, avendo il compagno in fuga, ha un ruolo di stopper e gli altri lo sanno.

  • 16:25

    Felline e Van Baarle stanno per essere raggiunti dal gruppetto con Sagan, Van Avermaet, Naesen, Trentin e Offredo.

  • 16:23

    Gilbert ha ora 54" di vantaggio sui primi inseguitori quando mancano esattamente 34 km al traguardo.

  • 16:23

    Con Sagan, Van Avermaet, Naesen e Trentin c'è anche Yoann Offredo della Wanty-Groupe Gobert.

  • 16:21

    I Quick-Step Floors si sono fatti sorprendere da questo attacco, ma Trentin reagisce e li va a riprendere.

  • 16:21

    Sul Taaienberg attaccano Sagan, Van Avermaet e Naesen.

  • 16:20

    Gesto di stizza di Boonen che ha un problema anche con la bici di scorta.

  • 16:20

    E invece proprio sul Taaienberg Tom Boonen ha un problema meccanico che lo costringe a perdere contatto con gli altri del suo gruppetto.

  • 16:18

    Gilbert ora è sul Taaienberg, questo è il muro su cui Tom Boonen ha costruito i suoi successi.

  • 16:18

    Boonen e Trentin, cui ora si è aggiunto anche il compagno Terpstra, stanno facendo da stopper nel gruppo inseguitore che infatti ha 1' 24" di ritardo da Gilbert.

  • 16:16

    Intanto André Greipel sta cercando di raggiungere il duo Felline-Van Baarle.

  • 16:16

    Gilbert è ora in cima allo Steenbeekdries e ha 51" su Felline e Van Baarle e 1' 12" sul gruppo.

  • 16:10

    Gilbert ha mancato il rifornimento fisso, ora davanti a lui c'è lo Steenbeekdries.

  • 16:08

    Siamo a 44 km dal traguardo, Gilbert è in cima al Koppenberg e ha 44" di vantaggio su Felline e Van Baarle e 54" sul resto del gruppo composto da una quarantina di corridori.

  • 16:05

    Siamo sul 13° muto, il Koppenberg.

  • 16:03

    Attacca Fabio Felline della Trek-Segrafredo, incitato dalla sua ammiraglia, alla sua ruota arriva Dylan Van Baarle della Cannondale-Drapac.

  • 16:01

    Sul gruppo di Boonen sono rientrati Van Avermaet, Sagan, Felline e altri uomini che erano nel secondo gruppo. In testa c'è sempre Gilbert, da solo.

  • 15:59

    Tra l'altro anche la maglia di Vanmarcke è visibilmente strappata.

  • 15:59

    Solo adesso sta ripartendo Sep Vanmarcke con la bici nuova.

  • 15:57

    Gilbert ora è sul Paterberg.

  • 15:56

    Intanto Gilbert ha 28" di vantaggio sul gruppo di cui prima faceva parte, quello con i suoi compagni Boonen e Trenti, e 57" sul secondo gruppo, quello con Sagan e Van Avermaet.

  • 15:56

    Anche Sep Vanmarcke è caduto e la sua bici è praticamente inutilizzabile.

  • 15:5

    Siamo a 53 km dal traguardo e mancano ancora sette muri. Intanto caduta per Luke Rowe del Team Sky nel gruppo dietro Gilbert.

  • 15:53

    Gilbert però continua a girarsi, evidentemente non vuole attaccare da solo e non si era neanche accorto del distacco guadagnato sul Kwaremont.

  • 15:53

    Gilbert ha una decina di metri sul resto del gruppo di testa.

  • 15:51

    Philippe Gilbert sta facendo il vuoto.

  • 15:51

    Forcing della Quick-Step Floors sul Kwaremont.

  • 15:49

    Il gruppo di testa è alle prese con il Vecchio Kwaremont (è il secondo di tre passaggi) e ha 33" di vantaggio sugli inseguitori.

  • 15:42

    In testa alla corsa sono ovviamente i tre Quic-Step Floors, ossia Boonen, Gilbert e Trentin, a dettare il ritmo, ma il distacco è di 39" soltanto.

  • 15:39

    Il gruppo di testa ha un vantaggio di 47" rispetto al resto del plotone in cui, lo ricordiamo, ci sono Sagan e Van Avermaet.

  • 15:37

    Si sono uniti il gruppo di testa con il gruppo inseguitore: questo significa che a 66 km dal termine, quando la gara sta per entrare nel vivo, abbiamo un gruppo di testa di 21 uomini e tra di loro ci sono alcuni dei principali favoriti.

  • 15:32

    Siamo sul Kanarieberg, a -70 km dal termine. Il gruppo inseguitore è solo a 26" dai battistrada.

  • 15:28

    Siamo a 72 km dal termine e ormai gli otto battistrada hanno meno di un minuto di vantaggio sul gruppo di Boonen e due minuti sul resto del plotone.

  • 15:26

    C'è stata una caduta nella parte centrale del gruppo.

  • 15:19

    Quando siamo a 79 km dal termine il vantaggio degli otto battistrada è di 2' 07" sul gruppetto di Boone (di una quindicina di uomini) e di 3' 12" sul grosso del plotone in cui ci sono Sagan e Van Avermaet.

  • 15:18

    Il prossimo ostacolo sarà il Pottelberg.

  • 15:15

    Con Boonen e Trentin c'è anche Philippe Gilbert, mentre per il Team Sky oltre a Moscon c'è Luke Rowe.

  • 15:15

    Matteo Trentin (Quick-Step Floors) e Gianni Moscon (Team Sky) stanno dettando il ritmo al gruppo di Boonen che ha circa un minuto di vantaggio su quello in cui è Van Avermaet.

  • 15:13

    Il gruppo di Tom Boonen è solo a 2' 54" dai battistrada, mentre il plotone è a 3' 45".

  • 15:09

    Intanto si è conclusa la gara femminile con la vittoria dell'americana Coryn Rivera del Team Sunweb davanti all’australiana Gracie Elvin dell’Orica-Scott e l’olandese Chantal Black della Boels-Dolmans Cycling Team.

  • 15:06

    Sagan e Van Avermaet sono nel terzo gruppo.

  • 15:03

    Il gruppetto dei migliori è di una quindicina di corridori e tra loro ci sono tre italiani: Gianni Moscon, Matteo Trentin e Sacha Modolo.

  • 15:03

    Sul Grammont si è formato un gruppetto "dei migliori" guidato da Tom Boonen, ma senza Sagan e Van Avermaet.

  • 15:00

    Il gruppo è sul Muro di Grammont e tutti i big si fanno vedere nelle prime posizioni, un po' più arretrati sono rimasti proprio i super-favoriti Sagan e Van Avermaet.

  • 14:53

    Intanto in testa al gruppo c'è Philippe Gilbert.

  • 14:53

    Per i battistrada comincia ora il Muro di Grammont, hanno 5' 49" di vantaggio.

  • 14:52

    Caduta per Niccolò Bonifazio della Bahrain-Merida.

  • 14:51

    Siamo a 96,6 km dal termine, quindi vicinissimi al Muro di Grammont.

  • 14:49

    Ricordiamo ancora una volta i nomi degli otto battistrada:

      Mark McNally (Wanty Gobert)
      Oliviero Troia (UAE Emirates)
      Julien Duval (AG2R La Mondiale)
      Stef Van Zummeren (Veranda's Willems Crelan)
      Michael Goolaerts (Veranda's Willems Crelan)
      Julien Morice (Direct Energie)
      Edward Planckaert (Sport Vlaanderen-Baloise)
      André Looij (Roompot)

  • 14:47

    Pim Ligthart della Rompoot prova ad allungare sul Tenbosse.

  • 14:46

    A -101 km il distacco è di 5' 53".

  • 14:43

    I battistrada hanno superato anche il Tenbosse e sono a -7 km dal Muro di Grammont.

  • 14:42

    Intanto nella gara femminile mancano 17 km al traguardo e la nostra Elisa Longo Borghini è all'attacco.

  • 14:39

    Scatta Edward Theuns della Trek-Segafredo. Lo raggiungono subito altri cinque uomini.

  • 14:38

    Per i battistrada arriva il sesto muro, il Berendries.

  • 14:37

    De Backer e Docker sono stati ripresi dal gruppo. Abbastanza insensato il loro attacco.

  • 14:30

    -111,6 km al termine e 7' 07" di distacco.

  • 14:25

    Intanto, quando siamo a 115 km esatti dal termine, il vantaggio dei battistrada sul plotone è di 7' 38".

  • 14:25

    Caduta per Taylor Phinney della Cannondale-Drapac. Ha praticamente fatto tutto da solo, è caduto distraendosi per guardare indietro, andava a bassa velocità. Ora sta proseguendo a passo molto lento e sta parlando alla radio con l'ammiraglia.

  • 14:23

    I battistrada sono sul penultimo tratto in pavé, l'Haaghoek.

  • 14:19

    La Cannondale-Drapac prova di nuovo ad allungare con uno dei suoi uomini.

  • 14:16

    Il gruppo, invece, sta per affrontare il Wolvenberg e c'è stata una caduta proprio nel tentativo da parte di alcuni corridori di cominciare il muro in buona posizione. Il plotone ora si è allungato.

  • 14:16

    I battistrada sono sul tratto in pavé Holleweg.

  • 14:14

    Tutti i coinvolti nella caduta si sono prontamente rialzati, ma hanno perso qualche metro.

  • 14:14

    Caduta nella parte posteriore del gruppo.

  • 14:13

    I battistrada sono sul Wolvenberg. Intanto dal gruppo si è staccato anche un uomo del Team Katusha-Alpecin.

  • 14:06

    De Backer e Docker, gli uomini rispettivamente di Orica-Scott e Team Sunweb che si sono in precedenza staccati dal gruppo, si sono ricongiunti e stanno collaborando.

  • 14:05

    Attacca un uomo dell'Orica-Scott. Intanto i battistrada sono sull'Eikenberg.

  • 14:05

    Il gruppo, guidato nuovamente dal dottor Manuel Quinziato della BMC, è ora sul Kortekeer.

  • 14:03

    Un uomo del Team Sunweb sta provando ad allungare sul gruppo.

  • 14:02

    Il distacco continua a scendere, ai -130 km è di 8' 37". Intanto ci sono stati dei problemi meccanici, prontamente risolti, per Ives Lampaert della Quick-Step Floors e Gianni Moscon del Team Sky.

  • 13:59

    Il prossimo ostacolo è il Kortekeer.

  • 13:59

    Su esplicita sollecitazione da parte del loro direttore sportivo arrivano in testa al gruppo gli uomini della Quick-Step Floors.

  • 13:57

    A 134 km dal termine il vantaggio dei battistrada è di 9' 20".

  • 13:52

    Finito il primo passaggio del gruppo sul Vecchio Kwaremont.

  • 13:50

    Tom Van Asbroeck della Cannondale-Drapac prova ad allungare rispetto al gruppo.

  • 13:47

    In testa al gruppo ora vediamo anche il Team Sky e la Cannondale. Intanto sul Vecchio Kwaremont il plotone si è allungato e Alexander Kristoff è rimasto "imbottigliato".

  • 13:41

    Siamo a 145 km dal termine e il distacco è ancora piuttosto elevato, di 9' 50".

  • 13:30

    Tra poco comincerà la sequenza dei muri e la gara entrerà nel vivo.

  • 13:15

    Ricordiamo i nomi degli otto battistrada:

      Mark McNally (Wanty Gobert)
      Oliviero Troia (UAE Emirates)
      Julien Duval (AG2R La Mondiale)
      Stef Van Zummeren (Veranda's Willems Crelan)
      Michael Goolaerts (Veranda's Willems Crelan)
      Julien Morice (Direct Energie)
      Edward Planckaert (Sport Vlaanderen-Baloise)
      André Looij (Roompot)

  • 13:01

    Superato ora anche il Paddestraat, mentre il gruppo è distaccato sempre di dieci minuti.

  • 12:57

    I battistrada superano il primo tratto in pavé, il Lippenhovestraat.

  • 12:52

    In questa fase in testa al gruppo si stanno alternando Manuel Quinziato (BMC) e Andreas Schillinger (Bora-Hansgrohe).

  • 12:49

    Siamo a circa 180 km dal termine. Attenzione: le immagini che sta trasmettendo in questo momento RaiSport non sono in diretta, ma sono quelle di inizio corsa.

  • 12:45

    Adesso il gap è sceso a 10' 40".

  • 12:31

    Ora il gruppo ha nuovamente rallentato.

  • 12:25

    Il ritmo in testa al gruppo è aumentato e il plotone si è notevolmente allungato. È probabile che al prossimo rilevamento cronometrico il gap risulti diminuito rispetto agli undici minuti intorno ai quali si era attestato negli ultimi chilometri.

  • 12:15

    A lavorare in testa al plotone con la BMC di Van Avermaet ora ci sono anche gli uomini della Bora-Hansgrohe di Sagan.

  • 12:08

    Il ritardo del gruppo è salito a 11' 15".

  • 11:42

    Il gap sale a 10' 47". La BMC guida il plotone.

  • 11:36

    Il vantaggio degli otto battistrada continua ad aumentare e ora è di oltre nove minuti.

  • 11:23

    Questi sono gli otto uomini all'attacco:

      Mark McNally (Wanty Gobert)
      Oliviero Troia (UAE Emirates)
      Julien Duval (AG2R La Mondiale)
      Stef Van Zummeren (Veranda's Willems Crelan)
      Michael Goolaerts (Veranda's Willems Crelan)
      Julien Morice (Direct Energie)
      Edward Planckaert (Sport Vlaanderen-Baloise)
      André Looij (Roompot)

  • 11:21

    Il gruppo è guidato soprattutto da BMC e Team Sky, intanto Planckaert e Looij hanno raggiunto i sei fuggitivi e dunque ora in testa abbiamo un gruppetto di otto uomini con un vantaggio di oltre sei minuti sul plotone.

  • 11:15

    Finora sono stati percorsi circa 15 km.

  • 11:13

    Planckaert e Looij hanno 50" di ritardo dai sei battistrada.

  • 11:12

    Il distacco è salito a 4' 20".

  • 11:06

    Intanto Philippe Gilbert della Quick-Step Floors ha qualche problema meccanico.

  • 11:06

    Il vantaggio dei fuggitivi sul gruppo è di un minuto e mezzo.

  • 11:05

    Edward Planckaert (Sport Vlaanderen-Baloise) e André Looij (Roompot) stanno provando a portarsi sui battistrada, hanno 42" di ritardo.

  • 10:58

    A quanto pare al gruppo va bene la composizione della fuga, perché la sta lasciando andare.

  • 10:55

    Questi sono i sei uomini all'attacco:

      Mark McNally (Wanty Gobert)
      Oliviero Troia (UAE Emirates)
      Julien Duval (AG2R La Mondiale)
      Stef Van Zummeren (Veranda's Willems Crelan)
      Michael Goolaerts (Veranda's Willems Crelan)
      Julien Morice (Direct Energie)

  • 10:53

    Sei corridori hanno guadagnato qualche metro di vantaggio.

  • 10:45

    Raggiunto il km 0, ora si abbassa la bandierina e si fa sul serio!

  • 10:30

    Il gruppo è pronto a muoversi verso il km 0.

Giro delle Fiandre 2017: il percorso


Si corre oggi una delle classiche monumento: il Giro delle Fiandre, che giunge alla sua edizione numero 101. I chilometri da percorrere sono 260,8, vale a dire 5,8 km in più rispetto ali recente passato, perché è stato reintrodotto il apelmuur (Muro di Grammont) al km 95. I muri da affrontare sono in tutto 18 a cui si aggiungono cinque tratti in pavé.

Si parte da Anversa alle 10:30 e poi dal km 0 sarà dato il via ufficiale alle 10:45. Le difficoltà cominciano al km 83,8 con il primo tratto sul lastricato, il Lippenhovestraat di 1,3 km, poco dopo, al km 85,3, ancora pavé con il Paddestraat di 2,3 km. Al km 115 cominciano i muri, il primo è Vecchio Kwaremont, lungo 2,2 km con una pendenza media del 4%, picchi dell’11,6% e 1,5 km di pavé. Al km 125,5 ecco il Kortekeer, lungo un chilometro con una pendenza media del 6,4% e picchi del 17%, a seguire, al km 133,2, l’Eikenberg, di 1,2 km al 5,2% con picchi del 10% e 1,2 km in pavé.

Al km 136,4 c’è l’Holleweg, tratto in pavé di 350 m, poi subito dopo, al km 136,3, il Wolvenberg, muro di 645 m con pendenza media del 7,9% e picchi del 17,3%. Al km 142,1 altro tratto in pavé, l’Haaghoek, di 2 km, poi il muro Lebert al km 145,1, lungo 950 m con pendenza media del 4,2% e pochi del 13,8%. Al km 149,2 c’è il Berendries, lungo 940 m con pendenza media del 7% e massima del 12,3%, al km 154,2 il Tenbosse, lungo 450 m con pendenza media del 6,9% e massima dell’8,7%.

Al km 164,5 ecco il Kapelmuur o Muro di Grammont, lungo 750 m con pendenza media del 9% e massima del 20%, poi al km 182,2 il Pottelberg, lungo 1353 m con pendenza media del 6,5%. Al km 189 arriva il Kanarieberg lungo un chilometro con pendenza media del 7,7% e massima del 14%, poi di nuovo il Vecchio Kwaremont al km 204,9 e a seguite, al km 208,3, il Paterberg, lungo 360 m con pendenza media del 9,4% e massima del 22%.

Al km 214,9 c’è il Koppenberg, lungo 700 m con pendenza media del 5,3%, poi al km 219 l’ultimo tratto in pavé, il Mariaborrestraat, di 2,4 km. Subito dopo, al km 220,3 c’è lo Steenbeekdries, lungo 700 m con pendenza media del 5,3%. Al km 222,8 ecco il Taaienberg, lungo 530 m con pendenza media del 6,5% e massima del 15,8%. Al km 233 c’è il Kruisberg-Hotond di 2,5 km con pendenza media del 5% e massima del 9%. Si torna poi sul Vecchio Kwaremont e il Paterberg quando mancano solo 13 km al traguardo.

La corsa durerà circa sei ore e mezza, poco più poco meno a seconda della velocità media. In tv la si potrà vedere su RaiSport con l’anteprima che comincia alle ore 12 per poi spostarsi alle 15 su Raitre, mentre su Eurosport la diretta comincia alle 13:45. In streaming la si potrà seguire sul sito web ufficiale di RaiSport e Raitre, invece con Eurosport Player la si può vedere se si è abbonati. Qui su Blogo troverete il commento integrale.

Giro delle Fiandre 2017: muri e tratti in pavé


Qui di seguito i 18 muri con l’indicazione dei chilometri mancanti all’arrivo, il nome, la lunghezza e la pendenza media:
1) -145 km Oude Kwaremont 2,2 Km, 4%
2) -134 km Kortekeer 1,0 Km, 6.4%
3) -127 km Eikenberg 1,2 Km, 5.2 %
4) -124 km Wolvenberg 0,645 Km, 7.9%
5) -115 km Leberg 0,95 Km, 4.2%
6) -111 km Berendries 0,94 Km, 7%
7) -106 km Tenbosse 0,45 Km, 6.9%
8) -95 km Kapelmuur (Muro di Grammont) 0,75 Km, 9%
9) -77 km Pottelberg 1,353 Km, 6.5%
10) -71 km Kanarieberg 1,0 Km, 7.7%
11) -55 km Oude Kwaremont 2,2 Km, 4%
12) -51 km Paterberg 0,36 Km, 9.4%
13) -45 km Koppenberg 0,7 Km, 5.3%
14) -40 km Steenbeekdries 0,7 Km, 5.3%
15) -37 km Taaienberg 0,53 Km, 6.6%
16) -27 km Kruisberg-Hotond 2,5 Km, 5%
17) -17 km Oude Kwaremont 2,2 Km, 4%
18) -13 km Paterberg 0,36 Km, 9.4%

Questi i cinque tratti in pavé con l’indicazione dei chilometri mancanti e la lunghezza
1) -175,6 km Lippenhovestraat, 1,3 km
2) -174,2 km Paddestraat, 2,3 km
3) -123,1 km Holleweg, 0,35 km
4) -117,4 km Haaghoek, 2 km
5) -40,5 km Mariaborrestraat 2,4 km

Giro delle Fiandre 2017: altimetria e planimetria


Giro delle Fiandre 2017 Altimetria completa

Qui in alto l’altimetria completa, qui sotto la planimetria.

Giro delle Fiandre 2017 Planimetria completa

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail