Volley: Trento battuta in finale, ma a testa alta. Le parole di Lorenzetti

La Cucine Lube Civitanova si è imposta in tre gare.

È calato il sipario sulla SuperLega Volley 2016-2017 con la vittoria della Cucine Lube Civitanova, che ha conquistato il quarto scudetto della sua storia, per la prima volta in casa propria. I marchigiani, di fatto, hanno dominato la stagione in Italia e hanno ampiamente meritato e dimostrato di essere i più forti nella SuperLega. Tuttavia bisogna fare un plauso anche agli altri finalisti, la Diatec Trentino, che la scorsa estate non ha speso come le altre sul mercato, ma alla fine è riuscita ad arrivare all’ultimo atto sia della Coppa Italia, sia dello Scudetto, perdendo solo contro quei “marziani” della Lube, gli unici capaci di sconfiggerli al PalaTrento, ma solo in Gara 2 della finale scudetto (non in Regular Season, in cui nessuno ha battuto i gialloblù tra le mura amiche).

L’allenatore della Diatec Trentino, Angelo Lorenzetti, ha sottolineato come, tutto sommato, i suoi ragazzi escano a testa alta dalla sconfitta in finale contro la Lube, nonostante non siano riusciti a imporsi in nessuna gara, tanto che la serie, al meglio delle tre partite su cinque, si è chiusa in soli tre match:

“Non usciamo sicuramente da questa sfida con particolari rimpianti. La Lube ha saputo costantemente mettere in evidenza i nostri limiti. In questa settimana abbiamo provato ad accorciare le distanze che ci separavano dai nostri avversari, ma non so se ci siamo riusciti. L'atteggiamento che i miei ragazzi hanno messo in campo ha reso comunque dignitosa la sconfitta”

E su Gara 3 in particolare Lorenzetti ha aggiunto:

“Per quanto riguarda il match odierno non siamo riusciti a sfruttare alcune occasioni per realizzare break importanti, ma onestamente ai ragazzi non posso rimproverare molto. Più volte in questa stagione li ho redarguiti, ma ora non posso fare altro che ringraziarli per la loro abnegazione. In queste tre gare, la Lube ci ha costretti a cambiare il nostro stile di gioco e nell’ultima settimana siamo riusciti a farlo. Tutto ciò dimostra che certi traguardi si possono raggiungere, andando al di là dei limiti e delle proprie abitudini”

Foto © Lega Volley

  • shares
  • Mail