Giro d’Italia 2017: Mikel Landa ha vinto il gpm dello Stelvio, la Cima Coppi

Lo spagnolo del Team Sky è passato davanti al connazionale Igor Anton della Dimension Data.

Per la nona volta nella storia del Giro d’Italia, il Passo dello Stelvio è la Cima Coppi, ossia il punto più alto di tutta la corsa (2758 m di quota). Quest’anno, nell’edizione numero 100, è arrivato nella sedicesima tappa, da Rovetta a Bormio (qui il live), come secondo gpm di giornata dopo il Mortirolo, che è stato invece intitolato a Michele Scarponi e in via del tutto eccezionale dà più punti di tutti i gpm del Giro (70). Di solito è la Cima Coppi a dare più punti per la classifica degli scalatori, 45 al primo che transita, 30 al secondo, 20 al terzo, 14 al quarto, 10 al quinto, 6 al sesto, 4 al settimo, 2 all’ottavo e uno al nono.

Mikel Landa ha transitato per primo, mentre dietro di lui sono arrivati Igor Anton della Dimension Data, Luis Leon Sanchez dell’Astana, che ha vinto la Cima Scarponi, Steven Kruijswijk del Team LottoNL-Jumbo e Jan Hirt della CCC Sprandi Polkowice.

Per Mikel Landa questo è l’ennesimo Giro sfortunato. Il migliore per lui è stato quello del 2015, quando è arrivato terzo dietro Alberto Contador e Fabio Aru. In quel caso il basco era in forza all’Astana e ha dovuto fare il gregario per il Cavaliere dei Quattro Mori, nonostante in più occasioni avesse dato l’impressione di poter addirittura battere Contador.

L’anno scorso Landa è partito da capitano assoluto del Team Sky, ma si è dovuto ritirare alla decima tappa, mentre quest’anno si è inizialmente diviso il ruolo di leader con Geraint Thomas che, però, a causa dei postimi di una brutta caduta nella nona tappa, sul Blockhaus, si è poi ritirato non partendo per la tredicesima.

Finora il miglior risultato di Landa nel Giro 2017 è stato il terzo posto nella quattordicesima tappa, da Castellania a Oropa, dietro Tom Dumoulin del Team Sunweb (attuale Maglia Rosa) e Ilnur Zakarin del Team Katusha Alpecin. Il basco punta almeno a una vittoria di tappa visto che non può più lottare per la classifica generale avendo già tre quarti d’ora di ritardo, accumulati dopo essere anch’egli caduto sul Blockhaus.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail